Edilizia e Costruzioni

Casette in legno per gli attrezzi

Prefabbricata o su misura, a tetto spiovente o a tetto piatto, la casetta in legno da giardino può essere impiegata come ripostiglio e come spazio per i lavori fai da te. 

 

Gli utilizzi delle casette in legno

I vecchi capanni per gli attrezzi in acciaio zincato, in particolare quando siano collocati all'interno di un giardino, sono un vero pugno nell'occhio sotto il riguardo estetico. L'alternativa ideale è costituita dalla casetta per ricovero attrezzi da giardini, comoda e bella da vedere, oltre che funzionale e versatile. Perché si può utilizzare come deposito per gli attrezzi e come area di stoccaggio della legna, come riparo per le bici, ma anche come piccolo laboratorio per i lavori fai da te. Dobbiamo operare la scelta della casetta in legno proprio in base all'uso principale cui vogliamo destinarla. In effetti, possiamo impiegarla anche come vano lavanderia-asciugatrice, come serra invernale per le piante, come area giochi per i bambini. In particolare, le casette con tettoia laterale (su un lato o su entrambi i lati) regalano un ampio e comodo dehors e quindi la possibilità di collocare un salottino da esterno a ridosso della parete coperta. 

Dimensioni ritagliate sulle nostre esigenze

Le dimensioni di un box in legno devono tener conto dell'utilizzo previsto e dello spazio di cui disponiamo. Sicché, ci conviene scegliere una casina non più grande di 4 mq se vogliamo che funga soltanto da capanno per gli attrezzi o da deposito per la legna, e se non disponiamo che di un piccolo giardino. In una casetta per ricovero attrezzi da giardini fino a 12 mq si può invece prevedere la sistemazione di un banco da lavoro e di varie scaffalature, ma ci sarebbe anche spazio a sufficienza per riporre tosaerba, barbecue, mobili da giardino e piante che soffrono il rigido clima invernale. Infine, possiamo orientarci verso una casetta da giardino di oltre 12-15 mq, se vogliamo che funga sia da capanno per gli attrezzi (vano dedicato) sia da zona relax, per noi o per i bambini: in questo caso sarà utile corredare la casetta in legno di un'ampia tettoia laterale, una o più finestre, uno steccato che delimiti la zona giochi. L'uso delle finestre è indispensabile qualora si opti per una piccola serra invernale. Scegliamo una doppia porta se abbiamo necessità di ricoverare veicoli ingombranti. 

Materiali e manutenzione

Termoisolante e resistente all'umidità e alla compressione, il legno ha anche un fascino intramontabile. La casetta in legno per ricovero attrezzi da giardini ha il pregio di arredare e conferire un tocco di stile. Possiamo verniciarla a nostro piacimento o pensare di sottoporre il legno a trattamenti come il decapaggio. La scelta dell'essenza di legno (e dell'eventuale trattamento) deve tener conto anche della manutenzione periodica. Preliminare risulta essere il trattamente antitarlo, da applicare sia internamente sia esternamente. Ogni due o tre anni si consiglia la manutenzione con l'impregnante, capace di proteggere il legno dall'umidità e dagli agenti atmosferici senza coprire le venature e gli eventuali nodi in vista. Diversamente dall'impregnante, il flatting crea una pellicola protettiva superficiale e preserva il materiale da condizioni climatiche estreme. Protegge dalle intemperie anche lo smalto ad acqua, il quale però copre le venature del legno. 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Sostituzione caldaia

A chi rivolgersi

Quanto costa la manutenzione ordinaria della caldaia? Se ti stai chiedendo quali sono i Costi Idraulico Roma e stai cercando un Idraulico Economico Roma o un Idraulico Roma Pronto Intervento, allora devi sapere che il costo della manutenzione ordinaria della caldaia va dai 60 agli 80 euro.
Il prezzo sale oltre i 100€ se, invece, si vogliono verificare le emissioni.
Tuttavia, l’Assistenza Caldaie Roma comprende altre spese a cui pensare dopo aver [...]

Continua a leggere

Cos’è un edificio a energia quasi zero?

Un edificio NZEB (Nearly Zero Energy Building) è un edificio che consuma pochissima energia. Le qualità di un edificio simile sono numerose, sia per i suoi abitanti che per l’ambiente: vediamone alcun

Nearly Zero Energy Building, ovvero edificio a energia quasi zero: così viene definita una costruzione che consuma pochissima energia per il riscaldamento, il raffrescamento, la produzione di acqua calda sanitaria, la ventilazione e l’illuminazione.
Non un’utopia, ma una realtà che interessa sempre più città in Italia e in Europa.
Il Parlamento Europeo ha introdotto una direttiva, la 31/2010/CE, che definisce le caratteristiche degli edifici NZEB [...]

Continua a leggere

Impianto elettrico: quali sono gli elementi principali

Qualunque immobile per poter essere abitato deve disporre di un impianto elettrico a norma composto da tutta una serie di elementi, più o meno complessi e articolati.
Questo spiega come mai l'installazione di un impianto elettrico richiede massima competenza e un elevato grado di esperienza, come quello di un servizio di riparazioni elettriche.
Elementi principali di un impianto elettrico: quali sono? La composizione di impianto elettrico che ass [...]

Continua a leggere