Economia e Lavoro > Finanza

Cos'è il Relative Strenght Index

Tra i vari tipi di indici presenti nel mondo finanziario, che sono fondamentali nelle applicazioni di  trading e forex attraverso le varie piattaforme come x-trade, sicuramente troviamo  il Relative Strenght Index ( RSI), chiamato anche indice di forza relativa che viene usato soprattutto per i mercati futures.
La nascita di questo indice risale al 1978 quando l’ economista John Welles Wilder pubblicò, all’interno del suo libro New Concepts in Technical Trading System, questa nuova metodologia d’indice.
Lo scopo di questo nuovo indice è quello di superare i problemi precedenti presenti all’ interno del Rate of Change, che avevano un’ interpretazione difficile quando il mercato faceva registrare dei cambi repentini portando un’ incredibile cambiamento della linea, mentre con l’ RSI le dimensione non subiscono questa distorsione.
Il sistema  del Relative Streght Index presenta una banda d’oscillazione meno costante che va da 0 e 100 e quindi permette una comparazione di valori sempre costante.
Grazie alla presenza di valori fissi all’interno dell’ oscillatore è possibile trovare quindi zona di ipercomprato quando il segnale di oscillazione supera il valore di 70, mentre quando si scende sotto a 30 abbiamo valori inferiori a 30.
La linea media dell’ oscillatore è quella che si fissa sul  50, ma va sempre analizzata rispetto ai valori  dell’ipervenduto e dell’ipercomprato per far in modo che l’analisi sia completa e il corso dei prezzi esatto.
Con il Relative Strenght Index è possibile analizzare tutti i sistemi d’entrata e uscita del mercato grazie alle linee del 30 e del 70, che sono quelle più indicative rappresentando le situazioni più estreme che permettono all’ investitore di fare un puntata con un margine di rischio o  di entrare appena vede un movimento rialzista.
Oggi quasi tutti i trader o broker che aggiscono sul mercato finanziario usano l’ oscillatore Relative Strenght Index  perchè è quello che genera i principali segnali per l’ acquisto o la vendita  grazie a grafici precisi con numerosi supporti per l’ utente.
La creazione dell’oscillatore RSI è vincolata ad un solo parametro: il numero di periodi che si vogliono considerare,  che secondo il suo creatore dovevano essere almeno 14.
Wilder ha creato una formula apposta:  RSI= 100 X U/( U+D)  dove U rappresenta la media delle differenze di chiusura e D la media di valore assoluto.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il segreto bancario delle banche di Panama

Tra i vari paradisi fiscali presi maggiormente in considerazione, Panama è sicuramente uno dei più gettonati, anche grazie ad una legislazione particolarmente interessante sia dal punto di vista della gestione di servizi bancari offshore che per quanto riguarda lo svolgimento dei propri affari.
L'allineamento agli standard dell'OCSE Benché questo paese dell'America Centrale garantisca ancora una buona copertura a chi vi svolge attività di tipo fi [...]

Continua a leggere

Aprire conti correnti su banca offshore

Aprire un conto corrente su banca offshore è un tipo di operazione meno complessa di quanto si possa immaginare.
Ecco come procedere in modo corretto e concreto.
L'apertura del conto: fase iniziale Aprire questo particolare conto non rappresenta un tipo di operazione complessa ma, trattandosi di un procedimento importante, occorre cercare ovviamente di evitare di muoversi senza essere adeguatamente informati sulla situazione.
Bisogna infatti mett [...]

Continua a leggere

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere