Salute e Benessere

Il processo di osmosi inversa dell'acqua


Il processo di osmosi inversa è attualmente il mezzo più efficace per depurare l'acqua da bere e sempre più famiglie scelgono di installare a casa propria un impianto ad osmosi inversa per utilizzo domestico. Ma in cosa consiste il processo di osmosi inversa? Per capirlo bisogna fare un passo indietro e chiarire il concetto di osmosi. 


Osmosi


Si tratta di un processo chimico che separa due soluzioni con una diversa concentrazione salina che vengono a contatto tra loro e le divide con una membrana semipermeabile. Si determina una sorta di pressione chiamata, in gergo tecnico, pressione osmotica. Se questo procedimento viene invertito, dando luogo a due diverse soluzioni acquose, si parla di osmosi inversa. Ed è questo il principio base su cui si orientano le dinamiche degli impianti di purificazione dell'acqua utilizzati in ambiente domestico. Il meccanismo chimico consente di depurare l'acqua eliminando tutte le tracce di sale e le sostanze inquinanti per renderle potabili e limpide. 

Perché installare un impianto ad Osmosi inversa per utilizzo domestico

Bere un'acqua che sia essenzialmente pura è il desiderio di tutti. Avere questo privilegio, però, non è poi così difficile come sembra. Basta installare a casa un impianto ad osmosi inversa da un rivenditore specializzato. L'acqua del rubinetto è spesso considerata non potabile perché contiene diverse sostanze che possono essere dannose per l'uomo in quanto fortemente inquinanti. Le alternative sono due: comprare acqua imbottigliata oppure avere un impianto ad osmosi inversa. Nel primo caso bisogno valutare un insieme di svantaggi legati alla sua confezione nella bottiglia di plastica: può contenere dei residui degli elementi che sono utilizzati per la realizzazione del suo materiale e si considera la bottiglia in Pet un prodotto molto dannoso per l'ambiente per l'impatto inquinante. Inoltre, se le confezioni di acqua non sono messe in condizioni di conservazione idonee si possono compromettere le qualità insite nella sua natura. 

La qualità dell'acqua con un impianto ad Osmosi inversa per utilizzo domestico

Utilizzare un impianto ad osmosi inversa all'interno della propria abitazione comporta una serie di vantaggi indiscutibilmente importanti per la salute dell'uomo. 


I vantaggi dell'acqua depurata


L'acqua, infatti, è uno degli elementi essenziali della vita di un individuo, che necessità delle qualità organolettiche contenute in essa. Utilizzando questa tecnica di depurazione, l'acqua diventa più pura e più sana. Ciò significa che vengono eliminate tutte quelle componenti aggressive, come i sali e il calcare, per consentire all'acqua di essere più leggera, più limpida e di conseguenza più salutare e meno aggressiva per l'organismo umano. La sua installazione avviene senza dover ricorrere a tempistiche lunghe o stravolgimenti della casa. Questi impianti sono predisposti per essere inseriti nella parte sotto il lavello e attraverso un piccolo rubinetto aggiuntivo, debitamente posto accanto a quello tradizionale, si può versare l'acqua da bere direttamente nel bicchiere. Un'operazione molto comoda che richiede solo un accorgimento: la manutenzione.

 
La manutenzione degli impianti ad osmosi inversa
Gli impianti ad osmosi inversa necessitano di cure specifiche per il cambio dei filtri, in modo da essere sempre perfetti per una depurazione dell'acqua che sia sempre ottimale. Periodicamente il tecnico deve monitorare l'impianto e verificare che non ci siano problematiche di alcun tipo o incrostazioni. L'acqua filtrata attraverso questa metodologia moderna consente di bere ogni giorno un'acqua pura come quella oligominerale, da usare per qualsiasi scopo domestico. 

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La casa di riposo di Roncobilaccio più ospitale e a misura di anziano

Scopri tutti i plus di Villa del Sole

Le case di riposo purtroppo potrebbero essere viste come dei luoghi in cui è facile annoiarsi e vivere giornate praticamente tutte uguali l’una all’altra.
È anche per questo motivo che, tanto gli anziani quanto le loro famiglie, non considerano con particolare favore la prospettiva di un ricovero all’interno di una di queste strutture.
È doveroso però ricordare che non tutte le residenze per anziani comportano questo tipo di permanenza; al contra [...]

Continua a leggere

Depressione negli anziani, i sintomi che aiutano a riconoscerla

Individuare la depressione negli anziani è spesso complesso soprattutto perché non amano parlare del loro stato d’animo o delle loro preoccupazioni.
Non è raro che affermino di stare bene quando si chiede loro se si sentano tristi o depressi anche quando effettivamente è così.
Spesso tutto ciò accade perché gli anziani non vogliono essere un peso per le persone che amano e preferiscono affrontare da soli le loro battaglie.
La depressione per gli [...]

Continua a leggere

Declino cognitivo anziani: il test del disegno dell’orologio

Un semplice test da poter fare a casa per verificare la salute mentale di una persona anziana

Il test del disegno dell’orologio è un semplice test che viene utilizzato spesso per diagnosticare la presenza di problemi neurologici nelle persone e, in particolare, negli anziani la presenza di demenze o Alzheimer.
In ambito medico viene utilizzato in combinazione con altri test volti a uno screening più approfondito ma anche se utilizzato da solo può riuscire a fornire indicazioni molto utili sulle abilità cognitive di una persona.
Come viene [...]

Continua a leggere