Servizi

6 suggerimenti per trovare il commercialista giusto

Il commercialista è il punto di riferimento per le aziende e le partite IVA, una figura indispensabile che permette alle imprese di regolarizzarsi con le tasse da pagare e con la legge tributaria. Ma il commercialista può essere molto di più, ovvero una persona alla quale chiedere consigli per risparmiare, per avere dei benefici e anche per sfruttare le occasioni che arrivano da leggi e progetti a favore delle imprese. Purtroppo questa figura è vista come quella che 'presenta il conto da pagare' e che fa 'pagare troppe tasse', ecco perché è importante poter contare su una persona o su un team di fiducia, in grado di rispondere a queste sei caratteristiche:

1.Abita nella stessa città: un commercialista vicino si può interpellare e visitare con più semplicità rispetto a uno scomodo da raggiungere, soprattutto in caso di urgenza;

2.parla come mangia: il linguaggio tecnico può risultare incomprensibile e generare fraintendimenti, ecco perché un commercialista che parla chiaro e che sa spiegare i concetti, anche quelli più difficili, è un tesoro da tenersi ben stretto;

3.ha familiarità con la rete: molto si sta spostando sulla rete, quindi se il commercialista la impiega per comunicare o per svolgere i servizi è un punto a favore dell'impresa, che può velocizzare la comunicazione nonché l'invio delle pratiche e la gestione complessiva della burocrazia;

4.ha esperienza: anche se giovane, il commercialista ideale vanta esperienza e sa come affrontare le questioni al meglio perché le ha già vissute. Ma l'esperienza può legarsi al settore di impresa, quindi è preferibile scegliere un commercialista che vanti esperienza specifica sul ramo in cui opera l'azienda;

5.è chiaro nel tariffario: molti clienti si lamentano di non avere a disposizione un tariffario chiaro. Il commercialista deve invece preventivare ogni azione che compie e ogni servizio, per permettere al cliente di avere un quadro chiaro delle spese e anche di effettuare comparazioni con altri professionisti;

6.deve essere tempestivo: conoscere le leggi di fresca uscita, interpretarle e quindi comunicarle al cliente è importante, perché può riservare dei benefici importanti e permette all'impresa di essere aggiornata.

Non da ultimo, il commercialista deve essere umano, ovvero deve saper instaurare un rapporto gentile e che rassicura il cliente, perché la materia non è di quelle più digeribili. Queste caratteristiche, che possono essere riscontrate nei commercialisti che si affidano alla società di servizi dedicati Open Dot Com, (https://www.opendotcom.it/) permettono alle imprese di avere a disposizione un punto di riferimento preciso, aggiornato e disponibile nella gestione dell'impresa.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Stegip 4Communication

La società dei gadget promozionali a Roma

Da 20 anni a Roma esiste un’azienda che si chiama Stegip 4Communication  che risulta essere un punto di riferimento per quanto riguarda il settore marketing e pubblicità.
Nel suo lungo curriculum può annoverare clienti ed aziende di grande prestigio e importanza.
Per quanto riguarda lo sport basti pensare al Coni e alla Federazione pugilistica italiana, ma possiamo annoverare anche altri marchi di rilievo come Herbalife, Musei Edizioni Vaticane,  [...]

Continua a leggere

DreamSposa.it Atelier la scelta per il tuo matrimonio LGBT

Il matrimonio civile tra persone dello stesso sesso è una realtà sempre più consolidata, Dream Sposa Atelier - Abiti da sposa Roma, una garanzia per le coppie LGBT.

Dopo l’approvazione della Legge Cirinnà, ogni anno sono sempre di più le coppie gay che convolano in matrimonio. Il matrimonio civile tra persone dello stesso sesso è una realtà sempre più consolidata ma allo stesso tempo molto delicata. L’opinione pubblica si divide tra favorevoli e contrari quasi in egual misura, ed è per questo che l’organizzazione del matrimonio per le coppie LGBT va trattato con estrema delicatezza da parte di ogni professio [...]

Continua a leggere

Sicurezza logistica: calano i furti, ma non bisogna abbassare la guardia

Nel 2017, i furti di tir si sono ridotti del 23%. Tuttavia, gli episodi critici rimangono e servono i giusti strumenti per debellarli.

Buone notizie per la logistica: dai 2.120 episodi del 2016, i furti di tir in Italia sono passati, nel 2017, a 1.617, ben il 23% in meno.
A confermare questo traguardo della sicurezza logistica è la 13° edizione del Dossier Autotrasporto di Viasat Group, azienda italiana nella sicurezza satellitare.
Nella classifica delle regioni a rischio, spicca la Puglia, con 266 furti, seguita da: Campania – 255 Lombardia – 233 Sicilia – 170 Lazio – 140   Qua [...]

Continua a leggere