Scienza e Tecnologie

Acciaio inox nell’industria alimentare: indicatori di qualità

L’industria alimentare è un complesso insieme di processi tecnologici che includono l’utilizzo di macchinari all’avanguardia: perché l'acciaio è così importante nel settore?

L’industria alimentare è un complesso insieme di processi tecnologici che includono l’utilizzo di macchinari all’avanguardia e le capacità tecniche degli addetti ai lavori. Di fondamentale importanza, nei processi di lavorazione delle materie prime e degli alimenti, è la qualità dei materiali di cui i macchinari sono composti e con cui vengono realizzati.

La produzione alimentare, infatti, non può essere paragonata alle altre tipologie di produzione: le modalità con cui vengono preparati e confezionati alimenti e bevande incide sulla salute dei consumatori e il rischio di contaminazioni batteriche è sempre altissimo. L’industria alimentare ha rigide norme che la regolano: tra queste, il decreto 269 del 2007, che vieta l’impiego di zinco, stagno e piombo e di tutte le leghe che lo prevedono per oltre il 10%, nell’intera filiera.

Il materiale più diffuso in assoluto nell’industria alimentare è l’acciaio inox, con il quale sono realizzati la gran parte dei macchinari e dei loro componenti. Ma quali sono le sue particolarità, e perché è idoneo per l’industria alimentare?

Innanzitutto, l’acciaio inox non si corrode a contatto con cibi e bevande acide: questo garantisce l’integrità del prodotto e tutela la salute dei consumatori. Inoltre, l’acciaio inox non incide sulle proprietà organolettiche o sulla colorazione dei commestibili, per cui sapore, odore e colore degli alimenti non vengono alterati durante la lavorazione. L’acciaio è anche semplice da pulire e garantisce la massima igiene durante le fasi di produzione e trasformazione degli alimenti. Infine, è incredibilmente resistente nel tempo ed è anche piuttosto malleabile, per cui può essere plasmato per facilitare le operazioni di lavorazione e stoccaggio.

 

Quali sono gli acciai inossidabili adatti all’industria alimentare?

Gli acciai indicati per l’industria alimentare sono solitamente due:

  • AISI 304: caratterizzato da una percentuale di cromo che va dal 18% al 20% e di nichel tra l’8% e l’11%, è definito anche 18/8 o 18/10, proprio in riferimento al quantitativo minimo dei due componenti. Si tratta sicuramente del più comune, utilizzato a esempio per le posate, ma ha un difetto non trascurabile: è soggetto a deterioramenti provocati dalla vaiolatura;
  • AISI 316 (EN 1.4401): oltre al cromo e al nichel, questo acciaio presenta anche il molibdeno, con un tenore del 2% -3%. Questa aggiunta rende l’acciaio più pregiato e lo rende immune alla corrosione causata da soluzioni solforiche, acidi o cloruri. Come la maggioranza dei metalli, sopporta temperature decisamente superiori a quelle richieste dalla preparazione dei cibi.

 

Commercio accordi in acciaio: a chi affidarsi?

Le industrie alimentari devono sostenere grandi investimenti economici affinché la produzione garantisca la sicurezza dei lavoratori e dei consumatori: questo implica l’acquisto di componenti e macchinari di altissima qualità. Affidarsi alle aziende produttrici che possono garantire il rispetto delle norme nazionali e internazionali in materia è sicuramente un obbligo, per l’industria alimentare.

Il commercio di accordi in acciaio, ad esempio, deve essere messo in pratica solo con fornitori che possano certificare i prodotti: sotto questo punto di vista, la dichiarazione di conformità MOCA (Materiali e Oggetti a Contatto Alimentare) deve essere pretesa in fase di acquisto di qualsivoglia componente in acciaio, sia esso un raccordo, una valvola o un tubo.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere