Salute e Benessere

Anziani e sedentarietà, ecco cosa dice la scienza

Con l'arrivo della terza età, si è più propensi a divenire pigri, magari perché i normali impegni quotidiani sono cambiati rispetto al passato oppure perché talune patologie possono incentivare poco anche l'idea di una semplice passeggiata. Eppure, il binomio anziani e sedentarietà non è affatto virtuoso, così come conferma uno studio del 2014 operato dalla University College London Medical School.

I risultati dello studio

Il campione preso in esame per questo studio ha interessato 1403 uomini over 70, monitorati per una intera settimana grazie ad un accelerometro applicato sui fianchi. Si è scelto di indagare sulle abitudini degli anziani di sesso maschile poiché, a differenza delle donne, sarebbero proprio loro la fascia meno attiva e più pigra.

I risultati della ricerca, pubblicati sull'edizione online del British Journal of Sports Medicine, hanno evidenziato che la maggior parte del campione analizzato resta fermo anche oltre le dieci ore al giorno, condizione assolutamente inaccettabile considerate le conseguenze che possono ricadere sulla salute. Le motivazioni avanzate per spiegare la sedentarietà degli anziani sono state diverse, ma principalmente sarebbero obesità, depressione e paura di affaticarsi o sentire dolore a limitare l'attività fisica degli over 70.

Come fare per mantenersi in attività dopo i 70 anni

Restare gran parte della giornata seduti aumenta il rischio di obesità e di depressione, ma anche il rischio di incorrere o addirittura peggiorare eventuali patologie cardiovascolari già presenti. Inoltre, cosa da non sottovalutare, è stato evidenziato che la sedentarietà negli anziani e in tutte le altre fasce di età espone maggiormente al rischio di insorgenza di tumori.

Gli esperti consigliano di non lasciarsi prendere dalla paura di sentire dolore o dalla pigrizia, poiché non esiste niente di meglio che l'attività fisica per sentirsi bene, sia a livello psicologico, che fisico: basta solo non esagerare e concedersi uno o più momenti al giorno per fare una passeggiata fuori o anche solo un giro in cyclette. L'ideale sarebbe riuscire a fare almeno 10 minuti di movimento ogni ora, magari in compagnia, così da spronarsi a vicenda.

Si ringrazia per la consulenza a quest'articolo il portale dedicato alle case famiglia e alle case di riposo per anziani, Casefamigliaecasediriposo.it.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La cosmesi made in Italy cresce del 2% nel 2018

Bilancio più che positivo per la cosmesi made in Italy nel 2018: con un fatturato di 11,2 miliardi di euro l’industria della bellezza nostrana cresce del 2% rispetto al 2017.

L’industria cosmetica italiana va a gonfie vele: secondo i dati preconsuntivi dell’associazione di categoria Cosmetica Italia si registra nel 2018 un amento del 2% del fatturato rispetto al 2017.
L’incremento è giustificato con l’aumento delle esportazioni, che aumentano del 3,5% per un valore totale di 4,8 miliardi.
Ottimo anche il giro di affari interno, che cresce di poco meno dell’1%.
«La cosmetica resiste - commenta il presidente di Cosmetic [...]

Continua a leggere

Armadietti spogliatoio e corretta aerazione

L'importanza di una corretta aerazione per gli armadietti spogliatoio

Gli armadietti spogliatoio, salvo alcuni casi molto particolari, vengono utilizzati per contenere capi di abbigliamento ed effetti personali.
Gli indumenti inseriti, normalmente, sono quelli utilizzati per svolgere il proprio lavoro o un'attività sportiva e per questo motivo non si tratta di abiti sempre puliti.
Proprio per questo motivo è molto importante garantire un minimo di ricircolo d'aria tra l'interno e l'esterno degli armadietti in modo [...]

Continua a leggere

Coperta termica, il regalo di Natale perfetto per i nonni

Il freddo è arrivato e il Natale è alle porte: dunque, è tempo di pensare ai regali da fare! Per i nonni, utilissima è una coperta termica, capace di dare calore non solo di notte – se messa a letto -, ma anche nei momenti di relax in poltrona o semplicemente quando si ha più freddo.
Gli anziani, infatti, tendono ad essere più sensibili degli altri al cambio delle temperature, senza considerare che ci può essere chi sia freddoloso da sempre! Per [...]

Continua a leggere