Economia e Lavoro > Finanza

Aprire un conto corrente a Dubai

Dubai: come aprirci un conto corrente.

A differenza di quanto si potrebbe pensare, aprire un conto corrente a Dubai non è così difficile come sembra. Ormai il mondo è diventato più libero sotto tutti i punti di vista e offre numerose possibilità. Si potrebbe prendere in considerazione l'idea di aprire, per esempio, un conto corrente a Dubai. La città degli Emirati Arabi è ormai diventata un vero e proprio simbolo della libertà economica e finanziaria nel mondo. Anche per questo offre delle possibilità che non sempre si trovano in città simili. Ognuno, per esempio, può aprirci un conto corrente online, depositando i propri soldi in una delle banche di Dubai. Per farlo tutto ciò che serve è un capitale da investire, appunto, nonché dei documenti (che devono essere digitalizzati e spediti) e un computer con la rete internet. Ovviamente, non tutte le banche permettono di aprire un conto corrente a Dubai in una maniera così facile e veloce.

E talvolta potrebbe essere necessario recarsi a Dubai di persona per firmare i documenti e parlare con gli impiegati, che parlano un ottimo fluente inglese. Qualora la banca lo permettesse, si potrebbero firmare i documenti a casa propria. In questo le varie carte giungerebbe a casa della persona interessata via posta, o ci si potrebbe addirittura avvalere di una firma digitale. Tutte le azioni fatte in questo ambito devono essere legalmente confermate, e per questo è meglio avvalersi di una casella di Posta Elettronica Certificata, il cui costo è variabile a seconda dell'operatore. Recandosi a Dubai fisicamente, lo spettro d'azioni sarà sicuramente più ampio. Oltre ad aprire un conto corrente a Dubai, si avrà modo di scoprire la città e il motivo per cui sia così appetibile per tanti investitori provenienti da varie parti del mondo. Inoltre, a Dubai si potrà prendere in considerazione l'idea di aprirci un'attività in proprio.

A differenza di come accade con i vari paradisi fiscali, questa non è, certamente, un'azione da poco. Aprire una società ltd negli Emirati Arabi Uniti potrebbe comportate un costo variabile, ma a meno di grandi errori di valutazione, si tratta di un investimento che con gli anni darà grandi soddisfazioni. Per aprire un conto corrente a Dubai trovandosi fisicamente nella grande città, non occorre molto tempo. Tutto viene sistemato nel giro di una settimana. Potrebbero venir richiesti più giorni soltanto nel caso in cui vi fossero dei problemi durante le verifiche dell'identità della persona che vuole completare il deposito sul conto corrente. Anche per quanto riguarda i costi di apertura, si sta abbastanza nel medio. Specialmente in paragone ai costi d'apertura di un conto corrente in Paesi come Svizzera o Austria. Arrivando a Dubai, bisogna ricordarsi di cambiare i soldi in quanto vi vige una valuta diversa.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere