Economia e Lavoro > Finanza

Aprire un conto estero

La situazione macroeconomica in vari paesi e la crisi fanno si che ci sia una fuga di capitali enorme. Le persone infatti stanno optando per cercare un modo per salvaguardare i propri risparmi e aprire un conto corrente all'estero.
 
Germania, Lussemburgo e Svizzera sono i paesi preferiti per aprire un conto bancario. In teoria, ogni persona che sia maggiorenne può aprire un conto bancario in qualsiasi paese dell'Unione europea e anche fuori senza problemi. In pratica, questo non è facile e molte banche si oppongono all'apertura di conti correnti ai non residenti nel paese.

Le nuove tecnologie, tuttavia, facilitano il lavoro. Uno dei modi più semplici per aprire un conto bancario in Germania ad esempio senza risiedere nel paese si può fare attraverso una banca online. Ad esempio, la  Deutsche Kredit Bank (DKB) prevede questa possibilità.

L'unico requisito per i non residenti per aprire un conto corrente all'estero è un documento allegato della banca del proprio paese per attestare la propria identità. Oltre ai contratti sottoscritti prevedono una copia di ID e una bolletta telefonica, elettricità o acqua, che include il nome del titolare del conto e l'indirizzo.

In Lussemburgo con più di 150 banche, è senza dubbio uno dei centri finanziari più famosi del mondo, anche se solo una piccola parte di queste banche forniscono servizi bancari al dettaglio.

Entrambi i residenti e non residenti possono aprire un conto bancario o aprire un conto corrente all'estero in Lussemburgo. In generale, gli unici documenti richiesti sono un passaporto valido o la carta d'identità e la prova di indirizzo, e per utilizzare tutti i servizi che le banche offrono, come ad esempio l'uso di carte di credito o carte di debito, è richiesta la prova di reddito.

 quali sono i passi per aprire un conto corrente all'estero in Svizzera? La prima cosa da sapere è che non è necessario andare fisicamente al Paese per aprire il conto in banca. Al momento   vi sono aziende che offrono servizi di intermediazione per gestire tutte le pratiche burocratiche in cambio di una tassa che può variare da 30 a 600 euro. Il contatto con loro è facile come entrare in Internet.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere