Economia e Lavoro > Finanza

Aprire un conto estero

La situazione macroeconomica in vari paesi e la crisi fanno si che ci sia una fuga di capitali enorme. Le persone infatti stanno optando per cercare un modo per salvaguardare i propri risparmi e aprire un conto corrente all'estero.
 
Germania, Lussemburgo e Svizzera sono i paesi preferiti per aprire un conto bancario. In teoria, ogni persona che sia maggiorenne può aprire un conto bancario in qualsiasi paese dell'Unione europea e anche fuori senza problemi. In pratica, questo non è facile e molte banche si oppongono all'apertura di conti correnti ai non residenti nel paese.

Le nuove tecnologie, tuttavia, facilitano il lavoro. Uno dei modi più semplici per aprire un conto bancario in Germania ad esempio senza risiedere nel paese si può fare attraverso una banca online. Ad esempio, la  Deutsche Kredit Bank (DKB) prevede questa possibilità.

L'unico requisito per i non residenti per aprire un conto corrente all'estero è un documento allegato della banca del proprio paese per attestare la propria identità. Oltre ai contratti sottoscritti prevedono una copia di ID e una bolletta telefonica, elettricità o acqua, che include il nome del titolare del conto e l'indirizzo.

In Lussemburgo con più di 150 banche, è senza dubbio uno dei centri finanziari più famosi del mondo, anche se solo una piccola parte di queste banche forniscono servizi bancari al dettaglio.

Entrambi i residenti e non residenti possono aprire un conto bancario o aprire un conto corrente all'estero in Lussemburgo. In generale, gli unici documenti richiesti sono un passaporto valido o la carta d'identità e la prova di indirizzo, e per utilizzare tutti i servizi che le banche offrono, come ad esempio l'uso di carte di credito o carte di debito, è richiesta la prova di reddito.

 quali sono i passi per aprire un conto corrente all'estero in Svizzera? La prima cosa da sapere è che non è necessario andare fisicamente al Paese per aprire il conto in banca. Al momento   vi sono aziende che offrono servizi di intermediazione per gestire tutte le pratiche burocratiche in cambio di una tassa che può variare da 30 a 600 euro. Il contatto con loro è facile come entrare in Internet.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il no profit dalle organizzazioni all’economia solidale

Le organizzazioni no profit e l’economia solidale

Il no profit è detto di una società, di un’istituzione o di una fondazione che fornisce servizi a livello sociale, non appropriandosi degli utili che ricava dalle sue attività, ma assegnandoli ad altri progetti sempre a vantaggio della comunità.
Queste attività fanno parte del terzo settore, a cui nella società di oggi si dà molta importanza.
Agire senza scopo di lucro è visto come un ideale nobile, che vuole mettere a disposizione della società [...]

Continua a leggere

Investimenti finanziari pianificati per un minor rischio

Chi non vorrebbe guadagnare buone somme di denaro rischiando poco, se non quasi nulla del proprio capitale? Sembrerebbe un racconto di fantascienza, ma così non è ...
  Il 2017 è l'ennesimo anno in cui si conferma la crisi economica, ma quale sono in realtà le possibilità d'investimento? Purtroppo, anche il 2017, e le previsioni a medio e breve termine non smentiscono le tendenze, appare ancora una volta come anno transitorio.
tutt'ora pensare ad [...]

Continua a leggere

Lista dei paradisi fiscali meno rischiosi

I paradisi fiscali sono tutti quegli Stati che hanno deciso di adottare un regime di imposizione fiscale più basso o addirittura assente rispetto ad altri paesi.
In questo modo attirano una grande quantità di capitale estero assicurando in cambio una tassazione parecchio ridotta.
  Perché si sceglie un paradiso fiscale Oltre ad avere una bassa imposizione fiscale, la convenienza di stabilire la propria azienda in uno dei cosiddetti paradisi fisca [...]

Continua a leggere