Economia e Lavoro > Finanza

Aprire un conto estero

La situazione macroeconomica in vari paesi e la crisi fanno si che ci sia una fuga di capitali enorme. Le persone infatti stanno optando per cercare un modo per salvaguardare i propri risparmi e aprire un conto corrente all'estero.
 
Germania, Lussemburgo e Svizzera sono i paesi preferiti per aprire un conto bancario. In teoria, ogni persona che sia maggiorenne può aprire un conto bancario in qualsiasi paese dell'Unione europea e anche fuori senza problemi. In pratica, questo non è facile e molte banche si oppongono all'apertura di conti correnti ai non residenti nel paese.

Le nuove tecnologie, tuttavia, facilitano il lavoro. Uno dei modi più semplici per aprire un conto bancario in Germania ad esempio senza risiedere nel paese si può fare attraverso una banca online. Ad esempio, la  Deutsche Kredit Bank (DKB) prevede questa possibilità.

L'unico requisito per i non residenti per aprire un conto corrente all'estero è un documento allegato della banca del proprio paese per attestare la propria identità. Oltre ai contratti sottoscritti prevedono una copia di ID e una bolletta telefonica, elettricità o acqua, che include il nome del titolare del conto e l'indirizzo.

In Lussemburgo con più di 150 banche, è senza dubbio uno dei centri finanziari più famosi del mondo, anche se solo una piccola parte di queste banche forniscono servizi bancari al dettaglio.

Entrambi i residenti e non residenti possono aprire un conto bancario o aprire un conto corrente all'estero in Lussemburgo. In generale, gli unici documenti richiesti sono un passaporto valido o la carta d'identità e la prova di indirizzo, e per utilizzare tutti i servizi che le banche offrono, come ad esempio l'uso di carte di credito o carte di debito, è richiesta la prova di reddito.

 quali sono i passi per aprire un conto corrente all'estero in Svizzera? La prima cosa da sapere è che non è necessario andare fisicamente al Paese per aprire il conto in banca. Al momento   vi sono aziende che offrono servizi di intermediazione per gestire tutte le pratiche burocratiche in cambio di una tassa che può variare da 30 a 600 euro. Il contatto con loro è facile come entrare in Internet.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere