Economia e Lavoro > Finanza

Aprire una attività in Svizzera

Come aprire una società o una ditta individuale in Svizzera? Il sogno di moltissimi imprenditori di vivere in un vero e proprio paradiso fiscale non è più una utopia. Si può davvero godere della tassazione più bassa d’Europa e per farlo bisogna rispettare poche semplici regole.
           

Aprire una attività in Svizzera: consigli

Tutti i cittadini dell’Unione Europea, fatta eccezione per quelli di Romania e Bulgaria, possono vivere e lavorare in Svizzera, a stabilirlo è lo stesso regolamento del Paese. Prima, però, di farsi prendere dall’entusiasmo è bene avere le idee ben chiare sui documenti da produrre e sui costi da affrontare. Per comprendere bene come aprire una società o una ditta individuale in Svizzera bisogna porsi poche e semplici domande ed organizzarsi al meglio, senza bruciare alcuna tappa. Chiunque voglia diventare imprenditore in Svizzera deve conoscere quali società sono previste dal sistema elvetico, analizzare lo scenario ed i competitor presenti nella zona prescelta, ma soprattutto deve conoscere l’iter burocratico. Tempi, costi e sgravi fiscali vanno ben soppesati così come si deve prestar attenzione al sistema bancario elvetico. Rispetto all’Italia, però, è ovvio che in Svizzera vi sia: una ben più bassa tassazione sui redditi di impresa, una maggiore stabilità politica e soprattutto economica, ma anche una burocrazia più agile e snella che permette di dimezzare i tempo. Il tasso di disoccupazione, infine, è molto basso e la manodopera è specializzata ed istruita.

 

Aprire una attività in Svizzera: passaggi

Come aprire una società o una ditta individuale in Svizzera? A livello pratico servono pochi e semplici passaggi. Scelto il tipo di attività da intraprendere e il tipo di società da aprire che sia di capitali o persone, facendo ben attenzione alle limitazioni per gli stranieri, la legge richiede obbligatoriamente la nomina di un amministratore svizzero. Si deve scegliere, cioè, una persona di fiducia che risieda in Svizzera e che abbia le qualifiche giuste per amministrare l’impresa. Successivamente bisogna redigere uno statuto ed aprire un conto corrente presso una banca elvetica. Per fare ciò basta recarsi personalmente presso l’istituto prescelto con tutti i documenti relativi alla propria società. L’ultimo passaggio riguarda, infine, l’iscrizione della propria attività nel registro della Camera di Commercio svizzera.

 

Attività in Svizzera: tempi e costi

Tempi e costi incidono molto sulla modalità di come aprire una società o una ditta individuale in Svizzera? No, quantomeno non come potrebbero incidere in Italia. Come già detto sopra la burocrazia svizzera è di gran lunga più veloce e semplice. Per questo motivo, pertanto, i tempi di apertura di una società si riducono notevolmente. A prescindere dalla tipologia della società da costituire, sia che si tratto di una ditta individuale o di una SA ovvero società anonima o di una SAGL ovvero una società a garanzia limitata, per l’apertura servono dai 5 ai 7 giorni, poi devono passare solo tre settimane per la costituzione della società presso un notaio. Per tutte le altre pratiche servono giusto un paio di settimane o poco più, nei casi più complessi. Per quanto riguarda i costi da sostenere per aprire una attività in Svizzera, invece, bisogna pensare alla tassa di registro e alle spese fisse per la costituzione dell’azienda, spese che partono da un minimo di cinquemila franchi svizzeri. Si possono spendere dai 6.500 agli 8.000 franchi svizzeri per la costituzione di ditte individuali e società di persone fisiche mentre si possono spendere dai 12.000 ai 15.000 franchi per le società di capitali. Ogni esborso iniziale, però, verrà ammortizzato in poco tempo, considerando anche l’aliquota IVA ben più bassa di quella italiana.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Risparmio gestito, l'Italia conferma un trend in crescita

Nel primo trimestre del 2019 la raccolta ha toccato nuovo massimo storico a 2.161 miliardi

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori, ma se si presenta l'occasione di investire preferiscono affidarsi ai professionisti del settore.
E' questo il quadro che emerge dall'ultima indagine di Assogestioni, che ha evidenziato un nuovo record assoluto di raccolta per il risparmio gestito.
Risparmio gestito, gli ultimi report Secondo gli ultimi dati infatti, alla fine del mese di marzo il risparmio gestito italiano è giunto a 2.161 miliardi di [...]

Continua a leggere

Valute digitali, UE e Fisco italiano non sono d'accordo su come tassarle

La legge italiana è ancora molto lacunosa riguardo al trattamento fiscale delle crypto-plusvalenze

Quando il mondo della finanza apre a nuovi strumenti, anche il Fisco si muove per capire se e come applicare imposte e tasse.
Non c'è dubbio che nell'ultimo anno mezzo, l'elemento nuovo nel panorama finanziario siano state le valute digitali.
Ma se uno decidesse di investire in quest ambito e ottenesse un guadagno, va tassato? Le "non" valute digitali Bisogna sottolineare subito che il quadro normativo in Italia è zeppo di lacune e incertezze, pr [...]

Continua a leggere

La piattaforma cloud - L’innovazione che porta commercialista e cliente in un solo gestionale

La piattaforma cloud commercialista è la soluzione gestionale che mette in condivisione i dati tra l’azienda e il commercialista – Sai come funziona?

Con la piattaforma cloud commercialista rivoluzioni il tuo rapporto con il commercialista, perché ti consente di dedicare maggior tempo al tuo business e lasciare al commercialista tutte le noie amministrative L’obbligo della fatturazione elettronica ha dato l’avvio ad un’opera di aggiornamento di tutta l’attività contabile dell’impresa e, con la piattaforma in cloud, puoi fare un ulteriore balzo in avanti, perché la piattaforma in cloud consente [...]

Continua a leggere