Economia e Lavoro > Finanza

Aprire una società offshore a Dubai

Negli ultimi anni, una delle soluzioni maggiormente adottate dagli imprenditori occidentali, ma non solo, è quella della costituzione di società offshore. Ma di cosa si tratta? Le società offshore sono società fondate in uno stato estero e non solo in paesi considerati più favorevoli dal punto di vista della pressione fiscale, per quanto quest'accezione si è diffusa sempre di più. Molti imprenditori optano per la costituzione di società offshore a Dubai, una delle zone economiche più allettanti degli Emirati Arabi Uniti, che facilita, e non poco, la compravendita sia di terreni che di immobili, ma anche di altri prodotti e servizi il cui commercio è favorito dalla posizione e dai vantaggi fiscali offerti dagli Emirati nell'ambito dell'area medio-orientale.

Come aprire una società offshore a Dubai
Dubai è uno dei più importanti dei sette emirati che costituiscono il complesso politico e amministrativo degli Emirati Arabi Uniti. Nonostante sia una delle realtà più allettanti per investimenti, è possibile aprire una società offshore a Dubai solo se in possesso di alcuni requisiti fondamentali, che variano a seconda delle diverse zone franche: ognuna di queste persegue requisiti e benefici propri. Tra i requisiti necessari per aprire una società offshore a Dubai, quello più importante riguarda la sede della società stessa che deve risultare all'interno dei confini amministrativi degli Emirati Arabi. E' possibile non versare nessun tipo di capitale sociale ed è necessario aprire un conto corrente in multivaluta.

Le spese di una società offshore a Dubai
Ma quali sono le spese per aprire e sostenere una società offshore a Dubai? Innanzitutto, è importante sottolineare che le spese per costituire società offshore in questo emirato arabo non sono molto alte. Anzi si tratta di migliaia di dollari a cui si deve poi sommare il costo di una sorta di sponsor obbligatorio che serve proprio ad aprire società al di fuori dei confini delle zone franche. A questo sponsor spetterà una quota fissa che di solito parte da circa 3.000 euro. A queste spese, non molto esose, si aggiungono quelle necessarie a mantenere una sede legale in quel di Dubai.

Vantaggi e restrizioni si una società offshore a Dubai
Ciò che più conta è il fatto che aprire una società offshore a Dubai comporta una serie considerevole di benefici. Ad esempio, tale società può formare una holding che serve a consolidare gli investimenti gestiti da società che svolgono le proprie funzioni a Dubai. Inoltre, le società offshore sono anche strumenti di investimento atti a commerciare con altri paesi sfruttando tutti i vantaggi del fisco degli Emirati. Tra le restrizioni, occorre tenere soprattutto in considerazione il fatto che non si possono svolgere affari diretti con soggetti che risiedono all'interno degli Emirati stessi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Aprire un conto estero

La situazione macroeconomica in vari paesi e la crisi fanno si che ci sia una fuga di capitali enorme.
Le persone infatti stanno optando per cercare un modo per salvaguardare i propri risparmi e aprire un conto corrente all'estero.
  Germania, Lussemburgo e Svizzera sono i paesi preferiti per aprire un conto bancario.
In teoria, ogni persona che sia maggiorenne può aprire un conto bancario in qualsiasi paese dell'Unione europea e anche fuori senz [...]

Continua a leggere

Che cosa è un paradiso fiscale?

Un paradiso fiscale è un paese dove c'è un regime fiscale in cui le tasse sono più basse o inesistenti,  comunemente applicato in altri paesi come regola.
In questi territori di solito ci sono di solito due diversi sistemi fiscali, uno per i cittadini e le imprese del paese, e un altro per gli stranieri.
Benefici fiscali che caratterizzano questi paradisi sono in particolare per gli stranieri.
I residenti in questi paesi spesso pagano le tasse co [...]

Continua a leggere

Aprire una ltd

Molti imprenditori oggi decidono di attuare la costituzione di una società Ltd nel Regno Unito, o a Cipro, in Irlanda e a Malta tutti territori che fanno parte del common wealt.
Il diritto comunitario attuale ha aperto le frontiere di questi paesi per le società di tutti i Paesi nell’Unione europea e quindi è perfettamente legale aprire una società estera nel modello societario preferito o che consenta agevolazioni.
Le tipologie di società in Ing [...]

Continua a leggere