Economia e Lavoro > Finanza

Aprire una società offshore a Dubai

Negli ultimi anni, una delle soluzioni maggiormente adottate dagli imprenditori occidentali, ma non solo, è quella della costituzione di società offshore. Ma di cosa si tratta? Le società offshore sono società fondate in uno stato estero e non solo in paesi considerati più favorevoli dal punto di vista della pressione fiscale, per quanto quest'accezione si è diffusa sempre di più. Molti imprenditori optano per la costituzione di società offshore a Dubai, una delle zone economiche più allettanti degli Emirati Arabi Uniti, che facilita, e non poco, la compravendita sia di terreni che di immobili, ma anche di altri prodotti e servizi il cui commercio è favorito dalla posizione e dai vantaggi fiscali offerti dagli Emirati nell'ambito dell'area medio-orientale.

Come aprire una società offshore a Dubai
Dubai è uno dei più importanti dei sette emirati che costituiscono il complesso politico e amministrativo degli Emirati Arabi Uniti. Nonostante sia una delle realtà più allettanti per investimenti, è possibile aprire una società offshore a Dubai solo se in possesso di alcuni requisiti fondamentali, che variano a seconda delle diverse zone franche: ognuna di queste persegue requisiti e benefici propri. Tra i requisiti necessari per aprire una società offshore a Dubai, quello più importante riguarda la sede della società stessa che deve risultare all'interno dei confini amministrativi degli Emirati Arabi. E' possibile non versare nessun tipo di capitale sociale ed è necessario aprire un conto corrente in multivaluta.

Le spese di una società offshore a Dubai
Ma quali sono le spese per aprire e sostenere una società offshore a Dubai? Innanzitutto, è importante sottolineare che le spese per costituire società offshore in questo emirato arabo non sono molto alte. Anzi si tratta di migliaia di dollari a cui si deve poi sommare il costo di una sorta di sponsor obbligatorio che serve proprio ad aprire società al di fuori dei confini delle zone franche. A questo sponsor spetterà una quota fissa che di solito parte da circa 3.000 euro. A queste spese, non molto esose, si aggiungono quelle necessarie a mantenere una sede legale in quel di Dubai.

Vantaggi e restrizioni si una società offshore a Dubai
Ciò che più conta è il fatto che aprire una società offshore a Dubai comporta una serie considerevole di benefici. Ad esempio, tale società può formare una holding che serve a consolidare gli investimenti gestiti da società che svolgono le proprie funzioni a Dubai. Inoltre, le società offshore sono anche strumenti di investimento atti a commerciare con altri paesi sfruttando tutti i vantaggi del fisco degli Emirati. Tra le restrizioni, occorre tenere soprattutto in considerazione il fatto che non si possono svolgere affari diretti con soggetti che risiedono all'interno degli Emirati stessi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Aprire una attività in Svizzera

Come aprire una società o una ditta individuale in Svizzera? Il sogno di moltissimi imprenditori di vivere in un vero e proprio paradiso fiscale non è più una utopia.
Si può davvero godere della tassazione più bassa d’Europa e per farlo bisogna rispettare poche semplici regole.
            Aprire una attività in Svizzera: consigli Tutti i cittadini dell’Unione Europea, fatta eccezione per quelli di Romania e Bulgaria, possono vivere e lavorare in [...]

Continua a leggere

Investire in un paradiso fiscale

Si sente spesso parlare di come si guadagnino soldi facilmente e senza particolari sforzi investendo in uno dei tanti paradisi fiscali.
Ma si può davvero diventare ricchi? E come si investe in un paradiso fiscale?   Come funzionano i paradisi fiscali I paradisi fiscali identificano dei territori nel mondo dove la tassazione è molto bassa e le regole per gli investimenti stranieri sono poco trasparenti o addirittura inesistenti.
In particolare, i [...]

Continua a leggere

Pagamento in Oro Possibile Grazie ad una App

Dopo le criptovalute anche l'oro torna ad essere un mezzo di pagamento grazie alla tecnologia

L'oro torna ad essere una valuta corrente grazie ad una società di Londra che ha messo in commercio un bancomat ed una app in partnership di Mastercard e Lloyds Bank, questi mezzi di pagamento utilizzeranno un conto che oltre al denaro prevede la possibilità di comprare oro ed utilizzarlo come pagamento.
L'oro è da sempre considerato come denaro per la facilità con il quale può essere monetizzato, grazie a questa nuova piattaforma finanziaria dig [...]

Continua a leggere