Economia e Lavoro > Finanza

Aprirsi un conto in Svizzera

Perché aprire un conto svizzero?

La Svizzera, seppur poco distante dal nostro Paese, è considerata da sempre un vero e proprio paradiso fiscale in cui trasferire i propri risparmi, attraverso l'apertura di un conto corrente. Aprire un conto corrente in Svizzera non presenta grandi difficoltà. Negli ultimi anni sempre più persone hanno deciso di trasferire i propri risparmi in territorio elvetico. L'apertura di un conto svizzero è perfettamente legale, se dichiarata al fisco italiano e se il denaro proviene da attività lecite.
Ma quali sono le procedure da seguire per aprirsi un conto in Svizzera? La prima cosa da fare è recarsi presso la sede dell'istituto di credito prescelto. Questo perché pochissime banche permettono l'apertura di un conto tramite una semplice una procedura online. Via internet è possibile solo richiedere informazioni o fissare un appuntamento con un consulente dell'isituto di credito. Se non si ha intenzione di recarsi in Svizzera è però possibile affidarsi a degli intermediari che, dietro pagamento, saranno in grado di gestire l'intera pratica per l'apertura del conto corrente.
 
Per quanto riguarda la documentazione necessaria, la normativa elvetica richiede un documento d'identità (preferibilmente un passaporto), buste paga o elementi che attestino la redditività mensile ed un certificato di residenza in aggiunta a molte altre informazioni. Rispetto al nostro sistema bancario, quello svizzero è decisamente più rigido perché necessita di maggiori garanzia da parte dei correntisti. Le banche hanno il diritto di poter rifiutare la stipula dell'accordo con il richiedente, qualora nutrissero seri dubbi circa la legalità della provenienza dei fondi da depositare.
Per gli italiani, è certamente più conveniente rivolgersi ad istituti di credito situati nel Canton Ticino per aprire un conto corrente in Svizzera. Il motivo è semplice. S'incontreranno molte meno difficoltà grazie all'utilizzo della lingua italiana. Comprendere a pieno le clausole del contratto è fondamentale prima di firmarne la stipula. L'apertura del conto richiede tempistiche estremamente variabili.

I tassi d'interesse attivi offerti da gran parte delle banche svizzere sono estremamente bassi, quindi non può essere considerato un buon strumento speculativo. Inoltre c'è da tener conto dei costi di gestione del conto e delle commissioni speciali applicate ai correntisti stranieri.
Nel momento in cui l'aspirante correntista avrà superato tutti i controlli richiesti dal sistema bancario per aprire un conto corrente in Svizzera, sarà necessario versare un somma di capitale minima. I cittadini residenti in Italia devono dichiarare le somme presenti sul conto corrente svizzero, al fisco italiano.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere