Salute e Benessere

Armadietti spogliatoio per persone diversamente abili

Tra i vari modelli di armadietti spogliatoio disponibili sul mercato esistono anche dei modelli specificatamente studiati per le persone diversamente abili.

Il problema principale in questi casi è che gli armadi sono pensati per essere utilizzati da una persona di altezza normale, in piedi, e presentano quindi alcune caratteristiche che li rendono poco utilizzabili ad esempio da una persona costretta su una sedia a rotelle.

Il primo problema che si presenta è quello dell'anta. E' importante che questa si possa aprire completamente (con rotazione a 180 gradi) per non ostacolare l'accesso all'interno del mobile a chi si trova di fronte. Bisogna tenere presente, infatti, che anche la carrozzina ha un suo ingombro che allontana dall'armadietto.   

Il piano superiore, normalmente presente in tutti gli armadietti spogliatoio standard, non è accessibile da che è seduto e quindi diventa completamente inutile.

Il gancio appendiabiti o l'asta portagruccia, inoltre, devono trovarsi ad un'altezza tale che anche una persona sulla carrozzina possa utilizzarli in modo efficiente.

Una prima soluzione più spartana potrebbe essere quella di impiegare degli armadietti spogliatoio normali e di aggiungere dei ganci appendiabiti in posizione più bassa (al limite anche sull'anta) in modo da renderli più accessibili.

Esistono anche degli armadi più bassi (per esempio 140 cm invece dei 180 cm standard) con le stesse caratteristiche dei mobili normali.
Il difetto di tutte queste soluzioni è che sacrificano molto l'altezza disponibile all'interno dell'armadio e quindi rendono impossibile appendere abiti lunghi.

La scelta migliore, forse è quella dei modelli che prevedono il ripiano portaoggetti nella parte inferiore del mobile e l'asta portagruccia posizionata in alto, raggiungibile con un bastone appendiabiti o più comodamente attraverso l'installazione di un meccanismo che permetta di abbassare ed estrarre all'occorrenza la barra per utilizzarla comodamente stando seduti anche di fronte al mobile.
In questo modo è possibile utilizzare armadietti esternamente identici a quelli standard e allo stesso tempo sfruttare al meglio lo spazio al loro interno.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La cosmesi made in Italy cresce del 2% nel 2018

Bilancio più che positivo per la cosmesi made in Italy nel 2018: con un fatturato di 11,2 miliardi di euro l’industria della bellezza nostrana cresce del 2% rispetto al 2017.

L’industria cosmetica italiana va a gonfie vele: secondo i dati preconsuntivi dell’associazione di categoria Cosmetica Italia si registra nel 2018 un amento del 2% del fatturato rispetto al 2017.
L’incremento è giustificato con l’aumento delle esportazioni, che aumentano del 3,5% per un valore totale di 4,8 miliardi.
Ottimo anche il giro di affari interno, che cresce di poco meno dell’1%.
«La cosmetica resiste - commenta il presidente di Cosmetic [...]

Continua a leggere

Armadietti spogliatoio e corretta aerazione

L'importanza di una corretta aerazione per gli armadietti spogliatoio

Gli armadietti spogliatoio, salvo alcuni casi molto particolari, vengono utilizzati per contenere capi di abbigliamento ed effetti personali.
Gli indumenti inseriti, normalmente, sono quelli utilizzati per svolgere il proprio lavoro o un'attività sportiva e per questo motivo non si tratta di abiti sempre puliti.
Proprio per questo motivo è molto importante garantire un minimo di ricircolo d'aria tra l'interno e l'esterno degli armadietti in modo [...]

Continua a leggere

Coperta termica, il regalo di Natale perfetto per i nonni

Il freddo è arrivato e il Natale è alle porte: dunque, è tempo di pensare ai regali da fare! Per i nonni, utilissima è una coperta termica, capace di dare calore non solo di notte – se messa a letto -, ma anche nei momenti di relax in poltrona o semplicemente quando si ha più freddo.
Gli anziani, infatti, tendono ad essere più sensibili degli altri al cambio delle temperature, senza considerare che ci può essere chi sia freddoloso da sempre! Per [...]

Continua a leggere