Edilizia e Costruzioni

Arredo bagno classico in muratura

Se desiderate un arredo bagno classico in muratura tre sono sostanzialmente le opzioni che avete a disposizione: ricorrere al fai-da-te, rivolgervi ad un’azienda specializzata in progettazione d’interni e realizzazione di mobili su misura (come l'azienda edile di ristrutturazioni bagni a Milano http://www.ristrutturazioni.milano.it/), oppure utilizzare dei moduli componibili prefabbricati (senza tra l’altro ricorrere a opere murarie) come quelli proposti da Cerasa, che con la sua collezione “I piastrellati” risponde a questa esigenza.

Grazie a finiture, dimensioni e materiali di ante e cassetti, che possono sempre essere scelti dal cliente, e grazie alla possibilità di selezionare la forma e il colore dei rivestimenti di piastrelle, l’azienda garantisce composizioni uniche.

Accanto alla personalizzazione, molti altri sono i pregi offerti dall’arredo bagno classico in muratura di Cerasa: la resistenza all’acqua, la rapidità di montaggio, la praticità delle operazioni di posa (che, come detto, non richiedono opere di muratura), la flessibilità del sistema (i moduli possono anche essere impiegati come pareti e muretti divisori), la realizzazione di interni più rifiniti e capienti della muratura tradizionale.

È vero che qui si parla di arredo bagno classico, eppure pensare che la muratura non si sposi con lo stile moderno sarebbe un errore!

Si tratta di una composizione sempre della stessa collezione dell’azienda, ma della finitura York, caratterizzata da frontali in nero laccato, maniglie a “C”, specchio sagomato e inciso, e lavabo Jazz in ceramica.


Come detto, la muratura consente una spiccata personalizzazione, e infatti, a proposito delle piastrelle da scegliere per rivestire il bagno, sapete che esistono anche quelle firmate dalla Jaguar? Si, proprio la casa produttrice di vetture di lusso! Eppure, non si tratta, come nel caso di altri importanti brand (sia dell’auto che di altri settori, come ad esempio quello della moda), di una linea creata dai designers e che porta il loro nome, ma piuttosto di riciclo: l’azienda Franceram ha infatti ottenuto di poter impiegare i lunotti, i parabrezza, e in generale tutti i componenti costituiti da materiali silicati, dei modelli da rottamare per realizzare nuove piastrelle.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Scaffalature industriali e magazzini automatici: da chi acquistare?

Dovete far fronte ad un improvviso aumento dei volumi di merce in magazzino e non sapete a chi rivolgervi per l’acquisto dei materiali? La soluzione è Ungari Group!

Le aziende che movimentano merce sanno quanto sia importante mantenere la flessibilità giusta per adeguarsi ai repentini cambiamenti del mercato: una maggiore richiesta di prodotti, così come una sua diminuzione, richiedono una modifica sostanziale del magazzino.
Può capitare che ci sia necessità di aumentare e/o modificare la tipologia di scaffalature del deposito merce, per permettere un migliore stoccaggio e facilitare quindi le operazioni di [...]

Continua a leggere

Come sturare il proprio lavandino?

Sicuramente a tutti è capitato di avere dei problemi con lo scarico del proprio lavandino, infatti questo è il tipico problema domestico che tutti ci troviamo regolarmente ad dover affrontare.
Spesso le tubature si intasano in quanto all’interno del rubinetto sono caduti anelli, orecchini forcine oltre che a grandi quantità di capelli, ed in tutti questi casi l’acqua incontra delle difficoltà a passare.
Come fare a comportarsi in questi casi? La [...]

Continua a leggere

Anche il Caseificio Bolide ha scelto la professionalità di Dalmine LS

Il Caseificio Bolide Eredi Bonetta, con sede ad Alfianello in provincia di Brescia, è uno degli storici associati del Consorzio dei Produttori di Grana Padano.
Il nome “Bolide” è legato alla famosa caduta di un grosso meteorite, avvenuta nel 1883 proprio ad Alfianello.
Fu un evento formidabile che riempì le pagine dei giornali dell’epoca e che inevitabilmente segnò la storia di questi posti e la vita dei suoi abitanti.
Circa 50 anni dopo, in memo [...]

Continua a leggere