Ambiente e Natura

Arriva la bella stagione, gli antiparassitari per il cane

ANTIPARASSITARI: ADDIO PULCI E ZECCHE
Zecche e pulci sono i principali parassiti dei nostri amici pelosi, che con l'aumentare della stagione estiva proliferano sempre di più. Tutti i veterinari consigliano di utilizzare antiparassitari tutto l'anno, in particolare durante l'estate.
Si tratta di parassiti ematofagi, ovvero succhiano il sangue quando sono nello stadio adulto. Anche se vi sono alcune specie che si riproducono sull'animale stesso, generalmente, gli adulti depositano le uova nel terreno, dove in breve tempo si schiudono. Le larve risalgono il filo d'erba dove attendono il passaggio di un mammifero, come il nostro cane. Completano la maturazione sull'ospite e si cibano del suo sangue. Oltre ad essere degli inquilini fastidiosi, pulci e zecche possono veicolare molte malattie a base virale. Sono in grado di resistere sia alle basse che alte temperature, ma il caldo della stagione estiva ne favorisce la riproduzione.
 
L'unico modo per combattere questi fastidiosi parassiti è l'utilizzo di antiparassitari: sostanze chimiche che agiscono direttamente su pulci e zecche. Esistono diverse tipologie:
-fialette
-spray
-collari
-compresse
Le fialette sono piccole pipette contenenti il farmaco: vengono inoculate sul collo, dorso e parte posteriore del cane. Hanno una copertura di circa un mese. La maggior parte di questi antiparassitari proteggono l'animale da pulci, zecche, pidocchi e pappataci, in alcuni casi anche dalla filaria.
Gli spray hanno una durata di una settimana circa, e la prima volta posso essere spruzzati più volte nello stesso giorno. Sono ideali per cuccioli e durante la gestazione.
I collari, invece, proteggono il nostro amico peloso per circa una settimana e sono resistenti anche all'acqua.
Infine, negli ultimi anni vengono utilizzate delle compresse che agiscono contro i parassiti fino a 3 mesi ma non prevengono le punture di zanzara.

Gli antiparassitari possono essere costituiti da diverse sostanze chimiche, come Imidacloprid, Permetrina, Selamectin, Pirprolo, ed altri principi attivi. Si tratta, quindi, di composti sintetizzati nelle industrie farmaceutiche, dopo essere stati testati per lungo tempo. Tuttavia, si tratta di ""prodotti chimici"" e molte volte ci si chiede se comportano anche dei rischi. Sembra che non vi siano effetti negativi per le fialette e i prodotti spray. Ben diverso è il discorso per le compresse, le quali possono causare problemi gastrointestinali. Per quanto riguarda il collare la questione è controversa, poiché alcuni studi hanno riscontrato che sostanze in esso contenute possono agire sul sistema nervoso dei bambini che sono a contatto per lungo tempo con il pelo di cani o gatti.
E' molto importante, quindi, scegliere l'antiparassitario adatto al nostro cane, meglio se consigliato dal veterinario di fiducia.


 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Rifiuti Speciali, cosa sono

L'avanzare del progresso e dell'industria ha portato innumerevoli vantaggi da diversi punti di vista, tuttavia ha portato anche alla creazione di rifiuti di ogni tipo, tra cui anche alcuni pericolosi per la stessa salute umana.
E' solo negli ultimi decenni, comunque, che autorità ed aziende hanno cercato di controllarne la produzione e un corretto stoccaggio di questi, anche grazie a società specializzate nello smaltimento rifiuti speciali a Roma [...]

Continua a leggere

Rifiuti, quelli più difficili da smaltire

Da alcuni decenni a questa parte, fortunatamente, il problema dei rifiuti e del loro corretto smaltimento è divenuto una delle priorità delle amministrazioni centrali e soprattutto locali.
Queste si stanno sempre più impegnando, assieme a diverse società che offrono consulenza rifiuti a Roma o in altre località, come la Nova Ecologica nella Capitale, nel favorire la raccolta differenziata e il riciclo della maggiore quantità possibile di material [...]

Continua a leggere

La Francia Concede Concessioni per Miniera d'Oro nella Foresta Amazzonica

Il sito minerario sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana

La Francia sta per aprire un altro sito minerario che sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana.
Al di la dei proclami e delle iniziative ufficiali che vedano la Francia tra i paesi occidentali che vorrebbero ridurre l'inquinamento climatico la realtà è ben diversa.
Un eredità proveniente dalla colonizzazione francese dell’Amazzonia risalente al XX secolo, ecco il territorio per lo più ricoperto dalla foresta amazzonica che il governo frances [...]

Continua a leggere