Economia e Lavoro > Marketing

Articoli promozionali: il valore aggiunto delle shopper personalizzate

Tra gli articoli promozionali, le shopper personalizzate sono tra i prodotti migliori per unire utilità e capacità di esposizione del brand.

La prima regola degli articoli promozionali è: “L’utilità crea visibilità”. Infatti, se un gadget promozionale risulta utile, viene usato spesso e, se viene usato spesso, dà maggiore visibilità al logo dell’azienda. Ecco perché è importante lo studio dell’articolo giusto.

 

Per chi è in difficoltà a trovare una soluzione che garantisca questa qualità, un’opzione sempre valida è data dalle shopper personalizzate. Proprio così, delle semplici borse per gli acquisti possono essere tra migliori armi di marketing offline a disposizione della vostra azienda. Vediamo il motivo.

 

Sono utili

Non solo le shopper sono utili, ma sono addirittura genuinamente utili. Infatti, la comodità di queste borse è tanto semplice, quanto rilevante, visto che semplificano la vita delle persone in diverse situazioni: che si tratti di contenere gli acquisti o semplicemente di portare gli oggetti di tutti i giorni, le shopper possono sempre far comodo.

 

Sono inserzioni mobili

Con così tante applicazioni possibili, non c’è dubbio che le shopper vengano usate spesso e, di conseguenza, mettano in mostra il vostro marchio. Ogni borsa trasforma una persona che fa compere in un promoter della vostra azienda. Se poi esse vengono utilizzare all’interno di un determinato evento, l’effetto si moltiplica.

 

Possono generare attrazione

Quando sono le persone a desiderare un articolo, l’azienda può già festeggiare. Nel caso delle shopper, sono 2 i motivi per i quali esse creano interesse: la necessità e l’aspetto. Sfruttare la necessità è molto semplice: basta posizionare strategicamente le proprie borse all’interno di un contesto dove le persone avranno bisogno di portare molti oggetti (fiere commerciali, etc.). E invece cosa c’entra l’aspetto? Se realizza in maniera accurata, con un design ricercato e un’ottima personalizzazione, anche una semplice shopper può diventare un oggetto trendy e quindi richiesto.

In entrambi i casi, c’è il potenziale per mettere questi articoli nelle mani di numerose persone e avere così un grande ritorno in termini di visibilità.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Marketplace virtuale: in 10 anni è triplicata la presenza delle aziende Made in Italy

Nel 2009 meno di 6mila aziende vendevano online. Alla fine del 2018 erano salite a 20mila

L'ultimo decennio ha segnato il boom del commercio online.
Se i colossi globali come Amazon, eBay o Alibaba hanno tracciato la direzione, le imprese di ogni genere e dimensione hanno raccolto la sfida, tuffandosi nel "marketplace" virtuale.
Sempre più aziende nel marketplace virtuale In realtà, la vera sfida l'hanno lanciata i clienti.
La perdurante crisi dei consumi e i veloci cambiamenti nelle abitudini di spesa hanno infatti modificato il luog [...]

Continua a leggere

Franchising di successo: tutti i settori in cui aprire un'attività

Franchising di successo: su quali settori investire?

Il franchising in Italia negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale: è la scelta giusta? Sempre più spesso l'imprenditore che decide di mettersi in proprio e aprire una sua azienda, sceglie di aprire un franchising.
Molti però si chiederanno: esattamente che cos'è un franchising? Un franchising è un contratto tra due due soggetti giuridici indipendenti, come due società, in cui una delle due pagando una somma verso l'altra riceve una seri [...]

Continua a leggere

Cosmoprof Asia 2018, un’edizione da record

Numeri record per la 23esima edizione di Cosmoprof Asia: i principali settori cosmetici e le aziende di tutto il mondo si sono messi in mostra a Hong Kong, uno dei mercati più importanti del mondo.

Si è chiusa con numeri da record l'edizione 2018 di Cosmoprof Asia: Cosmoprof Asia e Cosmopack Asia (svoltesi rispettivamente dal 13 al 15 novembre all’AsiaWorld-Expo e dal 14 al 16 novembre all’Hong Kong Convention & Exhibition Centre), hanno registrato 87.284 partecipanti da 135 Paesi e 3.030 aziende espositrici provenienti da 53 paesi: la formula “One Fair, Two Venues” si è dimostrata, quindi, di successo! Rispetto al 2017, l’aumento di pubbli [...]

Continua a leggere