Informatica > Hardware

Assistenti vocali 2020: scopriamo le ultime novità

L'attuale crisi COVID-19 sta avendo un impatto devastante su scala globale.
Le aziende sono sempre più costrette ad adattarsi rapidamente al nuovo modo di lavorare e da un giorno all'altro le nostre vite sono diventate più virtuali, ma anche più vicine.
Più che mai, le persone utilizzano Internet per affrontare questo periodo difficile.
Intrattenimenti, forniture di ogni genere, corsi di fitness e tanto altro; il web è come una finestra sul resto del mondo.

Dal 2011, con l'introduzione di Siri, gli assistenti vocali hanno fatto la loro comparsa.
Nessuno poteva prevedere che questa novità sarebbe diventata il motore dell'innovazione tecnologica. Ora, 9 anni dopo, si stima che ogni sei persone una disponga di un altoparlante intelligente (Google Home, Amazon Echo) e eMarketer prevede che entro il 2021 quasi 100 milioni di utenti di smartphone utilizzeranno assistenti vocali.

Marchi come Amazon e Google continuano a guidare questa tendenza in quanto competono per la quota di mercato. Mentre le aziende si affrettano a rilasciare le proprie integrazioni di tecnologia vocale per stare al passo con la domanda dei consumatori, tutti i tipi di interfacce vocali, dall'assistenza sanitaria al settore bancario, si stanno sviluppando a un ritmo esponenziale.

La principale forza trainante per il passaggio alle interfacce utente vocali sono i cambiamenti nelle esigenze degli utenti. I consumatori millennial mostrano una maggiore consapevolezza generale. In questo mondo digitale in rapida evoluzione, velocità, efficienza e convenienza vengono costantemente ottimizzate.

Anche l'adozione diffusa dell'intelligenza artificiale nella vita quotidiana degli utenti ha contribuito al passaggio alle applicazioni vocali.

Il numero di dispositivi IoT come termostati intelligenti, elettrodomestici e altoparlanti fornisce agli assistenti vocali una maggiore utilità nel collegare le vite degli utenti.

Gli altoparlanti intelligenti come quelli disponibili sul sito assistentivocali.net sono il primo modo in cui vediamo il parlato, ma inizia solo da lì. Molte persone nel settore prevedono addirittura che nei prossimi cinque anni quasi tutte le applicazioni integreranno in qualche modo la tecnologia vocale.


Conversazioni Semplificate
Sia Google che Amazon hanno recentemente annunciato che i due assistenti non avranno più bisogno di usare la parola ripetuta 'sveglia'.  In precedenza, entrambi gli assistenti facevano affidamento sulle parole di attivazione (Alexa o Ok, Google) per avviare una nuova hotline di conversazione.

Ad esempio, si dovrebbe chiedere: 'Alexa, qual è la temperatura attuale al termostato del corridoio?' e poi dire di nuovo 'Alexa' prima di chiedere all'assistente vocale di 'impostare il termostato del corridoio a 23 gradi'.  Sarebbe più comodo e naturale per l'utente dire: 'Alexa, qual è la temperatura attuale al termostato del corridoio?' e poi dire semplicemente 'imposta il termostato in corridoio a 23 gradi', senza richiedere di nuovo la parola sveglia, e ora è possibile.

I consumatori di solito utilizzano gli assistenti vocali in luoghi specifici nel multitasking e possono essere utilizzati da soli o tra un gruppo di persone.

Avere dispositivi in ??grado di spiegare i fattori contestuali può rendere le conversazioni con questi dispositivi più convenienti ed efficienti, ma mostra anche che gli sviluppatori della tecnologia mirano a fornire un'esperienza più incentrata sull'utente.

Compatibilità e Integrazione

Amazon è un passo avanti nell'integrazione della tecnologia vocale con altri prodotti. Coloro che utilizzano Alexa avranno familiarità con il fatto che gli assistenti vocali sono già integrati in vari prodotti, incluso il frigorifero Samsung Family Hub. Google è finalmente diventato popolare e ha annunciato Google Assistant Connect. L'idea alla base di questa tecnologia è quella di consentire ai produttori di creare dispositivi personalizzati che implementano funzioni specifiche e si integrano con gli assistenti.

Recentemente stiamo assistendo ad un maggiore interesse per lo sviluppo di dispositivi abilitati alla voce. Ciò includerà un aumento del livello medio qualitativo: dispositivi che hanno alcune funzionalità di assistente ma non sono altoparlanti intelligenti in piena regola. Invece, comunicano con il tuo altoparlante intelligente, display o forse anche con il tuo telefono tramite Bluetooth dove l'elaborazione avviene su quei dispositivi. Amazon è già sulla buona strada con un orologio da parete abilitato per Alexa.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Guida all'acquisto delle cuffie: quali sono le caratteristiche più importanti?

Acquistare un paio di cuffie può essere difficile se non si sa quali sono le caratteristiche da valutare.
Il mercato, infatti, offre tante possibilità, dalle più semplici alle più sofisticate e, per districarsi in questa fitta rete, è bene farsi aiutare da siti web come https://cuffieeauricolari.it/ e seguire una guida all'acquisto capace di suggerire in maniera semplice e immediata, oltre che oggettiva, quali sono le caratteristiche che occorre [...]

Continua a leggere

Scheda madre: quale scegliere?

Consigli utili per individuare la scheda madre più adatta alle proprie necessità

La scheda madre è uno dei componenti essenziali che ogni computer custodisce al proprio interno.
Qualunque sia la tipologia esatta, ogni PC ne ha una: più grande o più piccola, o con capacità diverse per supportare questi o altri dispositivi che nel complesso rendono il computer più adatto alle necessità individuali.
Quale scheda madre scegliere quando si acquista un nuovo computer? È la domanda che molti si pongono sicuramente, e alla quale oggi [...]

Continua a leggere

Stampanti per aziende: meglio All-in-One o Laser Printer?

Quali sono le migliori stampanti per una piccola media impresa? Ogni modello ha i suoi pro e contro e la scelta finale dipende dalle necessità.

Per una piccola-impresa, la stampante è una parte integrante e fondamentale nel processo produttivo, quindi, quando arriva il momento dell’acquisto è importante valutare bene l’opzione migliore, quella che risulti più efficace e meno dispendiosa per l’azienda.
Vediamo allora quali sono i pro e i contro delle due principali tipologie di stampanti utilizzate in ambito professionale: le All-In-One e le Laser Printer.
  All-In-One Molte startup e pic [...]

Continua a leggere