Economia e Lavoro

Atlas Copco acquisisce attività di produzione esplorativa sudafricana

Non si ferma l’espansione iniziata da Atlas Copco, l’azienda leader nella fornitura di soluzioni per la produttività sostenibile. Il colosso ha da poco definito l’acquisto delle attività della Renegade Drilling Supplies Proprietary Ltd., produttore e distributore sudafricano di materiali di consumo di perforazione per l'esplorazione mineraria.

L’azienda neo acquisita entrerà a far parte della divisione Rock Drilling Tools della Epiroc South Africa (Pty) Ltd., un’impresa interamente controllata del gruppo Atlas Copco che è stata creata quando l’azienda ha deciso di dividersi in due internazionali separati lo scorso anno. Questo sviluppo permetterà di far crescere la divisione Mining & Rock Excavation Technique di Atlas Copco, grazie al focus nel settore minerario e dell'ingegneria civile. L'attività acquisita entrerà a far parte della business area di Atlas Copco nell'area dell'estrazione di tecniche di scavo e rocce, che verrà ribattezzata Epiroc quest'anno. La stessa Epiroc AB sarà quotata in borsa, presumibilmente entro la fine del 2018. Dalle prime indiscrezioni sembra che le attività industriali rimarranno però con Atlas Copco.

La Renegade Drilling è composta da ben 22 dipendenti e ha la sua sede a Johannesburg, in Sudafrica. L’azienda vende e commercia il suo catalogo prodotti in tutta l’area meridionale del continente africano. La società produce e distribuisce materiali di consumo per trivellazioni e per esplorazione mineraria, come ad esempio aste di perforazione, utensili in-the-hole e punte diamantate.

“Siamo molto felici di portare il forte team Renegade all’interno del nostro team”, ha affermato Helena Hedblom , Presidente della divsione Mining & Rock Excavation Technique di Atlas Copco. "Questa acquisizione amplierà nettamente il nostro portafoglio di prodotti e creerà un’importante impronta regionale per la produzione di materiali di consumo per l'esplorazione mineraria".

L'acquisizione sarà probabilmente completata a breve. Atlas Copco, per il momento, non ha comunicato il prezzo speso per l’acquisizione. Voci di corridoio affermano come il costo non sia stato materialmente significativo per la capitalizzazione di mercato del brand.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Fondi sanitari integrativi, le assicurazioni fanno affari d'oro con la salute pubblica

La Sanità Pubblica fa acqua da tutte le parti, così sempre più persone si rivolgono ai colossi assicurativi

Cresce sempre di più il mercato dei fondi sanitari integrativi, che trovano terreno fertile nelle inefficienze del Sistema Sanitario Nazionale.
In sostanza quello che i cittadini dovrebbero avere gratis dal momento che pagano i contributi, per ottenerlo in tempi ragionevoli e senza sottoporsi a eccessivi stress, devono invece pagarlo di tasca propria.
Il business dei fondi sanitari integrativi Nell'ultimo anno il 44% della popolazione ha richiest [...]

Continua a leggere

Logistica di magazzino efficiente: ecco come

Sei alla ricerca di consigli pratici per una logistica di magazzino efficiente? Qui puoi trovare alcune semplici dritte che possono aiutarti nel lavoro di tutti i giorni

Sappiamo che ormai i ritmi frenetici di lavoro rendono necessario apportare delle migliorie per rendere il flusso delle attività all’interno delle aziende sempre più efficiente.
Ma come riuscire a raggiungere degli ottimi risultati anche nella logistica di magazzino? Prima di tutto, occorre rimanere a ritmo con i tempi: in un’epoca come la nostra sempre più pervasa dalla tecnologia, anche la logistica di magazzino non può essere da meno.
Occorre [...]

Continua a leggere

Caffé, mercato in ginocchio per colpa del Brasile

I consumatori non se ne accorgono, ma il mercato del caffé sta vivendo una fase di crisi acuta

Anche se al bar continueremo a pagare il caffé allo stesso prezzo di sempre (e con aumenti di tanto in tanto), quello che accade "dietro le quinte" è un vero e proprio stravolgimento.
Troppo caffé sul mercato Per comprendere la situazione occorre fare un parallelo con un altro prodotto molto richiesto e anche'esso nero: il petrolio.
Il prezzo al barile è crollato nell'ultimo anno a causa di un profondo squilibrio tra offerta e domanda.
In partico [...]

Continua a leggere