Economia e Lavoro > Professioni

Autotrasporti: il momento giusto per rinnovare il parco mezzi

Il decreto del 14 agosto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti italiano sancisce le nuove linee guida per il rinnovo del parco mezzi per il settore degli autotrasporti.
Ma quali sono i punti fondamentali del decreto?
 

13 milioni di euro per rinnovare le flotte italiane


Ripartono gli investimenti per il parco veicolare delle imprese dell’autotrasporto italiano.
Il DL n 124/2019, aggiornato nella sua ultima versione comparsa in Gazzetta Ufficiale lo scorso 23 settembre, sancisce che le risorse stanziate dal Ministero saranno circa 13 milioni complessivi, tutti da destinare alle aziende intenzionate a rinnovare la propria flotta e a sostituire veicoli ormai obsoleti.

Un investimento di risorse non da poco e con cui il Minsitero intende prima di tutto supportare il passaggio a veicoli moderni e con un tasso di inquinamento nettamente inferiore: un bel contributo al fine di salvaguardare la nostra salute e quella del nostro Pianeta.

 

Ma cosa viene richiesto nello specifico alle aziende, per poter godere dei contribuiti?
L’azienda di autotrasporti per conto terzi che vorrà rinnovare il proprio parco mezzi godendo dei contributi statali dovrà essere regolarmente iscritta al Registro elettronico nazionale e allo specifico Albo degli autotrasportatori per conto terzi.
 

Le fasi del rinnovo


Due sono le fasi principali che un’azienda deve tenere in mente per poter aggiornare la propria flotta e vedere così riconosciuti i contributi.

  • Fase di accantonamento
    è la fase iniziale vera e propria, quella in cui l’azienda presenta la domanda di rinnovo flotta con conseguente rimborso delle spese. In questa prima fase è sufficiente produrre e consegnare una copia del relativo contratto di acquisizione dei veicoli o dei beni. Perché viene definita “fase di accantonamento”? Perché una volta ricevuta la richiesta, la prenotazione del contributo viene "accontanata", cioè messa da parte, in attesa della dimostrazione dell’effettivo investimento avvenuto a carico dell’azienda.
     
  • Fase di rendicontazione
    è la fase conclusiva, in cui l’azienda, dopo aver appunto dimostrato di “avere le carte in regola” con quanto richiesto dal decreto, e di aver sostenuto la spesa per il rinnovo dei mezzi, può accedere alle risorse statali. In caso di esarimento anticipato di  queste, si procederà con graduatorie apposite in cui, in base alla data di presentazione della domanda, le aziende saranno accettate con riserva e dovranno attendere il proprio turno.


Tra i possibili beneficiari delle risorse messe in campo dal decreto, anche Autotrasporti Marazzi, azienda di trasporto merci a Piacenza, già dotata di un’importante flotta a disposizione dei clienti: bilici centinati, bilici ribaltabili, autotreni centinati con copri e scopri, autotreni aperti ribaltabili laterali e tanti altri.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Agenzia Investigativa : In cosa consiste il suo lavoro

Il lavoro di un investigatore privato in 6 step

Cosa fa esattamente un investigatore privato? Rivolgersi ad un Investigatore Privato a Roma è sicuramente una scelta non facile, e sicuramente è una scelta che ci mette di fronte parecchi domande: Sarà quello giusto? Mi servirà veramente il suo lavoro? A questo punto entrano in gioco professionalità e discrezione, caratterische fondamentali per un Investigatore Privato Roma.
Gli step del lavoro di un investigatore privato Il mandato Il lavoro di [...]

Continua a leggere

RSPP: storia del preposto alla sicurezza lavoro

Come nasce la figura del responsabile della sicurezza in azienda? E quali sono le sue mansioni?

Sul luogo di lavoro, occorre sempre essere tutelati, la sicurezza è un elemento imprescindibile e, oggi, nelle aziende italiane, la figura chiave per assicurarla è l’RSPP o il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione.
Ma chi è esattamente? E che ruolo svolge l'RSPP? L'importanza dalla sicurezza sul lavoro non è mai una cosa da sottovalutare, a seconda della situazione il lavoratore può trovarsi a correre rischi notevoli, per questo moti [...]

Continua a leggere

Elettricista: in che consiste e cosa serve per fare questo lavoro

L'elettricista è la figura professionale che si occupa degli impianti elettrici civili e industriali. Il suo lavoro si svolge occupandosi della progettazione, installazione e manutenzione di sistemi e componenti elettrici in abitazioni, fabbriche, uffici, strutture commerciali, edifici pubblici (scuole e ospedali) etc.
Ma non solo, si occupa anche degli impianti alla rete di distribuzione dell'energia elettrica, quindi del funzionamento di tutti [...]

Continua a leggere