Economia e Lavoro > Finanza

Aziende che aprono in UK

Oggi ci sono moltissime aziende piccole e grandi che per sfuggire alla pressione fiscale del proprio paese decidono di trasferire la loro sede all'estero e più precisamente in paesi denominati paradisi fiscali dove aprire società e depositare capitali è molto più facile e sopratutto ci sono meno tassazioni sia per persone fisiche che per ditte.

tra questi paesi c'è anche l'Inghilterra, e aprire una società ltd inglese in UK è più facile di quello che sembra.

Una ltd è equivalente della Srl italiana, e si può aprire anche in un territorio inglese come Cipro, Malta, le Bermuda o le Isole Vergini Britanniche.

Si può procedere anche da soli e senza avere esperienza dato che la procedura per aprire una società ltd inglese in UK è davvero semplice, si può fare anche online e non essendo residente in Uk.

Si deve presentare la propria richiesta di apertura di una società al registro delle compagnie inglesi anche online, il procedimento può durare al massimo 48 ore e ha un costo di 15 sterline.

Se però si preferisce ci si può avvalere di intermediari e consulenti finanziari che possono aiutare a sbrigare senza intoppi la procedura e con un costo solo un po' più elevato che si aggira intorno alle 70 sterline.

Di solito chiedendo una consulenza finanziaria ci sono delle offerte a pacchetto che offrono tutto incluso anche un indirizzo gratis di un anno a Londra da usare come sede ufficiale della vostra società, ci sono vantaggi per aprire un conto aziendale alla banca Barclays e si può scegliere un indirizzo dove fare inoltrare la posta aziendale per un anno, e in seguito se volete mantenere lo stesso basta pagare 50 sterline l’anno.

Quindi per aprire una una società ltd inglese in UK anche abitando anche all'estero la procedura è davvero facile e veloce.

In concomitanza con la ditta c'è però l'obbligo di aprire un conto corrente aziendale per dare modo al paese di controllare gli spostamenti di denaro per combattere eventuali illeciti e riciclaggio di denaro.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere