Scienza e Tecnologie

Bonus tv, passaggio del segnale al Dvb-T2: da oggi via agli incentivi per l’acquisto di nuovi televi

A partire dal prossimo anno e fino al 2022 è previsto il passaggio dal digitale terrestre attualmente in uso (Dvb-T1) al nuovo standard. Come ottenere lo sconto: è disponibile per le famiglie con una fascia Isee non superiore ai 20mila euro

Da oggi parte il nuovo bonus Tv: uno scontro praticato dal venditore sul prezzo del prodotto acquistato che è disponibile per le famiglie con una fascia Isee non superiore ai 20mila euro. Gli incentivi serviranno all’acquisto di nuovi televisori o decoder che consentano la ricezione del segnale Dvb-T2. A partire dal prossimo anno e fino al 2022 è infatti previsto il passaggio dal digitale terrestre attualmente in uso (Dvb-T1) al nuovo standard. I consumatori quindi avranno due anni di tempo per adeguarsi.

Per questo motivo, già il governo Gentiloni aveva previsto incentivi da 151 milioni di euro. Un mese fa è stato pubblicato il decreto interministeriale di Mise e Mef che definisce i criteri per l’elargizione del bonus, entrato in vigore oggi, cioè dopo 30 giorni. A beneficiare dello sconto è per il momento solo chi appartiene alle fasce Isee I e II. Sul sito del ministero dello Sviluppo  economico è presente un fac-simile della domanda: il bonus avrà un valore fino a 50 euro e sarà disponibile fino al 31 dicembre 2022 o all’esaurimento delle risorse stanziate. La fase transitoria, quindi lo swtich-off dal Dvb-T1 al Dvb-T2, durerà infatti due anni: fino a luglio 2022. La transizione sarà simile a quella già vissuta pochi anni fa, con il passaggio dall’analogico al digitale conclusosi nel 2012.

Dal primo gennaio 2017 i commercianti hanno avuto l’obbligo di vendere solo televisori già compatibili con la nuova ricezione del segnale, mentre i produttori si sono dovuti adeguare da luglio 2016. Del passaggio al nuovo segnale digitale si parla infatti già da tempo. L’aggiornamento nasce dalla necessità di liberare alcune frequenze mobili della banda 700 (compresa tra i 694 e i 790 MHz) per il servizio di telefonia mobile 5G: lo standard che permetterà, secondo le aspettative dell’Unione europea, di connettersi senza fili per ricevere dati alla velocità di 10 gigabit al secondo, circa 100 volte di più della connessione 4G. Sono le frequenze vendute a 6,5 miliardi di euro all’asta dell’ottobre 2018, a cui hanno partecipato tutti i principali protagonisti delle telecomunicazioni in Italia: Wind 3VodafoneTelecom ItaliaFastweb e Iliad.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Le caratteristiche dell’acciaio inossidabile

L'acciaio inossidabile, altrimenti noto come acciaio inox, è il nome di una famiglia di leghe a base di ferro, note per la loro resistenza alla corrosione e al calore.
Una delle caratteristiche principali dell'acciaio inossidabile è il suo contenuto minimo di cromo, pari al 10,5%, che gli conferisce una resistenza alla corrosione superiore rispetto ad altri tipi di acciai.
Come altri acciai, l'acciaio inox è composto soprattutto da ferro e carbon [...]

Continua a leggere

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere