Economia e Lavoro > Finanza

Borse in volo mentre l'economia reale arranca: gli investitori devono spaventarsi?

Un tempo i mercati finanziari erano lo specchio di quello che succedeva nel mondo economico reale, oggi non più

Fino a qualche anno fa, neppure troppi, i mercati seguivano l'andamento dell'economia reale. In tempi di crisi annaspavano, in tempi di boom volavano. Il che sembra una cosa anche abbastanza logica. Eppure negli ultimi tempi questo circolo sembra essere andato in corto: le borse volano, mentre l'economia rallenta.

La corsa folle delle Borse

Si prenda il caso degli USA, dove i maggiori indici hanno vissuto un 2019 da urlo, e continuano ad aggiornare i massimi record storici con una certa frequenza. Eppure nello stesso periodo in cui le Borse continuavano a volare, la Federal Reserve ha dovuto fare marcia indietro e ammettere che i rialzi dei tassi di interesse (4 nel corso del 2018) erano avvenuti con troppa rapidità. E li ha tagliati. Ma anche in Europa le Borse corrono, mentre la Eurozona non riesce neppure ad avvicinarsi agli obiettivi fissati dalla BCE, visto che per il 2020 si stima una crescita del Pil pari all’1%.

I dati sono eclatanti. Da inizio anno il rally delle Piazze più importanti al mondo è stato pari al 24% negli Usa, al 23% in Europa, al 25% sulla Borsa di Francoforte e al 28% su quella di Milano. Ma anche il trading sui mercati otc ha registrato incrementi da urlo. È vero che l’economia sta frenando meno rispetto a quanto non si temesse mesi fa, però si tratta pur sempre di una frenata. E non si può neanche dire che il clima internazionale sia così euforico, visto che Cina e Stati Uniti ogni volta che fanno un passo verso un accordo commerciale, poi ne fanno due indietro.

Utili in frenata, bolla pronta a scoppiare?

Ci sono poi dei dati ancora più specifici che fanno riflettere. Secondo gli equity strategist, nell'ultimo anno le stime sugli utili 2020 delle aziende sono calate del 13% a livello globale, dell’8,6% in Europa, dell’8,6% a Wall Street e circa del 14% sulla Borsa di Francoforte. Sono - è vero - sempre utili in crescita - ma molto meno che in passato. E allora da dove nasce questa esuberanza delle Borse?

Molti parlano di bolla pronta a scoppiare. Ma a ben guardare i dati dicono che non è proprio così. Ma di sicuro dopo il crollo del 2008, occorre maggiore cautela, e infatti alcuni timori serpeggiano tra gli analisti e tra i piccoli risparmiatori, che sono ben consapevoli che il "divorzio" logico tra economia reale e borse non potrà durare in eterno, e prima o dopo dovranno reincontrarsi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Debito (ancora) per finanziare la ripresa: per l'Italia la ricetta è già scritta

Non bastasse l'enorme debito che già grava sul bilancio del Paese, l'emergenza pandemia ci costringerà a farne altro

Già prima che scoppiasse l'emergenza coronavirus in tutta la sua gravità, l'economia italiana aveva i suoi grossi problemi.
Con la pandemia le cose sono peggiorate, e ci aspetta una durissima recessione.
Il modo con cui il Paese prova ad affrontarl, è l'unico disponibile: fare debito.
L'Italia e il ricorso al debito Sia chiaro, non sarà una prerogativa dell'Italia.
Tutti i paesi dovranno indebitarsi per finanziare la ripresa.
Quello che però preo [...]

Continua a leggere

Economia, cicli e la lezione che dovremo imparare dalla crisi da pandemia

La diffusione del coronavirus ha fatto da innesco, ma la situazione grave dei mercati covava già da tempo

La vita economica di un Paese si muove secondo cicli, che durante la fase di espansione sono virtuosi, ma prima o poi imboccano la via dell'avvitamento su se stessi.
Come una macchina che corre avanti ma poi dopo rallenta e mette la marcia indietro.
Il coronavirus ha reso questo processo di ritirata molto più rapido, più accelerato.
Dopo una corsa spedita negli ultimi anni, ha fatto tirare il freno a mano bruciando le gomme e sballottando i passe [...]

Continua a leggere

Consulenti finanziari costretti a cambiare ruolo per i clienti: più psicologi che esperti

Il panico da coronavirus ha imposto un necessario cambiamento nell'approccio con il risparmiatore

La crisi innescata dal coronavirus ha portato i consulenti finanziari ad una diversa interpretazione del proprio ruolo.
Mai prima d'ora avevano dovuto svolgere le funzioni di veri e propri psicologi rispetto ai propri clienti.
Questo vale sia per gli indipendenti che per quelli al servizo di banche e grandi istituzioni finanziarie.
Una veste nuova per i consulenti finanziari Bisogna considerare la base di partenza di questa nuova necessità.
I ris [...]

Continua a leggere