Economia e Lavoro > Finanza

Carte di Credito Prepagate: Come funzionano e quali sono i Vantaggi

Le carte prepagate non sono altro che dei portafogli virtuali in cui depositare denaro; esse sono la nuova frontiera del sistema di gestione del denaro e consentono di effettuare operazioni finanziarie in modo sicuro e veloce. Le carte prepagate sono uno strumento molto utilizzato soprattutto nell'odierna era digitale e permettono di compiere operazioni in modo efficiente. Nello specifico questi strumenti finanziari rappresentano delle alternative alle classiche carte di credito emanate da una banca con la differenza di essere ricaricabili e nella maggior parte dei casi gratuite.

Generalmente queste carte hanno un limite massimo di ricarica per questo motivo non sono in grado di contenere quantità eccessive di denaro, ma garantiscono allo stesso tempo un'ottima gestione dei risparmi. Non tutte le prepagate sono uguali, esistono infatti diversi tipi di carte, ciascuna delle quali presenta delle caratteristiche differenti; ci sono le ricaricabili prepagate e le usa e getta. Per quanto riguarda la prima tipologia di carta, l'esempio più noto è rappresentato da Paypal che permette ai suoi utenti di compiere operazioni presso tutti gli esercizi convenzionati con il circuto mastercard.

Le carte usa e getta invece, dette anche "al portatore", contengono una somma limitata di denaro da spendere presso un determinato servizio, basti pensare ad esempio alle cosiddette "carte regalo".
Altri tipi di carte prepagate sono ad esempio le prepagate monouso di cui ci si serve per accedere a determinati servizi come ad esempio Sky o Mediaset premium.

Esistono anche altre tipologie di carte prepagate come ad esempio le carte di conto oppure le prepagate contactless. Le prime offrono ai clienti tutti i servizi tipici di una carta di credito consentendo ad esempio di ricevere lo stipendio o un bonifico su di esse; ciò è reso possibile dalla presenza del codice iban che rende queste carte molto simili a vere e proprie carte di credito. Inoltre queste carte consentono di compiere operazioni online in maniera molto più pratica e veloce rispetto ad un conto corrente tradizionale e generalmente non presentano costi di attivazione o gestione onerosi.

La funzione di queste carte è davvero intuitiva; se si compie un acquisto in un negozio fisico il venditore inserisce la carta nell'apposito lettore e il cliente digita la pin per consentire la transazione.
La maggior parte delle carte prepagata possiede una piattaforma online su cui è possibile gestire le finanze e monitorare le operazioni. I principali circuiti di erogazione sono Visa e Mastercard che richiedono gli stessi passaggi per attivazione e gestione del conto online. Prima di procedere con l'attivazione di uno di questi servizi si consiglia di informarsi adeguatamente in merito ai costi relativi a gestione e commissioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Debito (ancora) per finanziare la ripresa: per l'Italia la ricetta è già scritta

Non bastasse l'enorme debito che già grava sul bilancio del Paese, l'emergenza pandemia ci costringerà a farne altro

Già prima che scoppiasse l'emergenza coronavirus in tutta la sua gravità, l'economia italiana aveva i suoi grossi problemi.
Con la pandemia le cose sono peggiorate, e ci aspetta una durissima recessione.
Il modo con cui il Paese prova ad affrontarl, è l'unico disponibile: fare debito.
L'Italia e il ricorso al debito Sia chiaro, non sarà una prerogativa dell'Italia.
Tutti i paesi dovranno indebitarsi per finanziare la ripresa.
Quello che però preo [...]

Continua a leggere

Economia, cicli e la lezione che dovremo imparare dalla crisi da pandemia

La diffusione del coronavirus ha fatto da innesco, ma la situazione grave dei mercati covava già da tempo

La vita economica di un Paese si muove secondo cicli, che durante la fase di espansione sono virtuosi, ma prima o poi imboccano la via dell'avvitamento su se stessi.
Come una macchina che corre avanti ma poi dopo rallenta e mette la marcia indietro.
Il coronavirus ha reso questo processo di ritirata molto più rapido, più accelerato.
Dopo una corsa spedita negli ultimi anni, ha fatto tirare il freno a mano bruciando le gomme e sballottando i passe [...]

Continua a leggere

Consulenti finanziari costretti a cambiare ruolo per i clienti: più psicologi che esperti

Il panico da coronavirus ha imposto un necessario cambiamento nell'approccio con il risparmiatore

La crisi innescata dal coronavirus ha portato i consulenti finanziari ad una diversa interpretazione del proprio ruolo.
Mai prima d'ora avevano dovuto svolgere le funzioni di veri e propri psicologi rispetto ai propri clienti.
Questo vale sia per gli indipendenti che per quelli al servizo di banche e grandi istituzioni finanziarie.
Una veste nuova per i consulenti finanziari Bisogna considerare la base di partenza di questa nuova necessità.
I ris [...]

Continua a leggere