Scienza e Tecnologie

Cartucce per stampanti: quello che c’è da sapere

Davvero le cartucce compatibili per stampanti sono dannose? Come scegliere la ricarica giusta? Quali sono i reali vantaggi delle soluzioni low cost? Ecco tutte le risposte!

Le stampanti inkjet utilizzano, come tecnologia per la gestione dell’inchiostro, 4 cartucce, rispettivamente, per i colori nero, ciano, giallo e magenta, i 4 colori primari. Ognuno dei 4 serbatoi è autonomo e può essere sostituito separatamente una volta giunto a esaurimento. Le modalità ufficiali di gestione della stampante prevedono che, terminato l’inchiostro, esso venga sostituito con lo stesso prodotto, messo in commercio dall’azienda ufficiale produttrice anche del dispositivo di stampa. Ad ogni specifico modello di stampante corrisponde l’apposita cartuccia. I costi delle varie cartucce Hp, Epson, ecc., però, sono particolarmente onerosi e spingono spesso i consumatori a cercare soluzioni alternative più a buon mercato.

Cartucce compatibili

La soluzione più diffusa è rappresentata dalle cartucce compatibili, versioni non originali messe in commercio da aziende diverse e svincolate dai marchi ufficiali. Esse hanno un costo molto più basso e si adattano a più modelli di una stessa marca, offrendo performance mediamente più che accettabili. Le cartucce compatibili non sono tutte uguali e il mercato offre soluzioni di diversa qualità; il consiglio è di non badare troppo al risparmio e di diffidare di prodotti con un prezzo d’acquisto insolitamente basso.

Spesso, si sente dire che le cartucce compatibili rappresentano una minaccia per l’integrità e per il funzionamento della stampante: in realtà, non è così; o perlomeno, non esiste alcuna prova che esse provochino danneggiamenti al device di stampa. L’unico vero rischio per il consumatore sta nella possibilità che la stampante non riconosca la presenza del serbatoio pieno e, di conseguenza, non sia in grado di effettuare l’operazione. In tal caso, occorre sostituire la cartuccia.

Come scegliere

Ci sono cartucce e cartucce. Effettuare una divisione netta tra originali e compatibili non sarebbe corretto. Nel settore delle compatibili, esiste un’ampia varietà di scelta e, come in ogni altro settore, prodotti di qualità e non. Prima di scegliere il prodotto, è opportuno controllare su internet, verificare le recensioni degli utenti, accertarsi che altri utenti abbiano testato il serbatoio su stampanti uguale a quella in vostro possesso.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Matrici per presse piegatrici: chi le produce a Parma

Scopri l'ampio catalogo di Mora Costruzioni Meccaniche

In numerose aziende del settore meccanico e manifatturiero vengono attualmente impiegate le presse piegatrici, delle particolari tipologie di macchine utensili che – come dice il nome – schiacciano e piegano il materiale di partenza per mezzo di una pressione elevata.
Queste lavorazioni consistono, in pratica, in una deformazione controllata che ha come target la lamiera di metallo.
A tale materiale, che inizialmente è allo stato piano, per mezzo [...]

Continua a leggere

Scale mobili vs. ascensori: qual è l’impianto più efficiente?

In diversi contesti pubblici si possono incontrare simultaneamente due tipi di impianti destinati al trasporto verticale delle persone: gli ascensori da una parte, e le scale mobili dall’altra.
Ognuno può avere le sue preferenze personali nei confronti dell’uno o dell’altro impianto, ma a livello gestionale qual è il sistema di trasporto più efficiente per fare in modo che le persone possano arrivare comodamente dal punto A al punto B nel più bre [...]

Continua a leggere

Pompe sommerse per i pozzi artesiani: ecco le tecnologie più evolute

Sin dagli albori della sua storia l’uomo ha sempre sfruttato le risorse idriche superficiali, come fiumi e laghi, per soddisfare i propri fabbisogni; le civiltà antiche furono le prime a mettere a punto i pozzi per accedere all’acqua presente nel sottosuolo, una fonte ben più stabile di quella legata alle precipitazioni atmosferiche e all’andamento delle stagioni.
Per estrarre l’acqua da questi pozzi occorreva un intenso impegno fisico, oppure si [...]

Continua a leggere