Salute e Benessere > Medicina

Chirurgia estetica del naso

Chirurgia estetica del naso: la Rinoplastica

Cos'è la rinoplastica e quando è consigliata

La rinoplastica è la procedura di chirurgia estetica finalizzata a ridurre e a rimodellare il naso correggendone i difetti; può essere circoscritta ad una sola zona, ad esempio la punta del naso o le narici, oppure può comprendere tutto il naso o persino la funzionalità, come nel caso della rinosettoplastica.
Mentre in passato lo scopo della rinoplastica era quello di inseguire un modello di naso ideale, considerato universalmente perfetto, con risultati spesso inadeguati alla fisionomia del paziente, oggi si punta ad un miglioramento che sia il più possibile naturale e in armonia con le proporzioni del viso; il grado di soddisfazione è relativo perché dipende anche dalle aspettative del paziente.
La chirurgia estetica del naso è indicata per quelle persone che hanno degli inestetismi tali da creare forte disagio psicologico come: naso troppo grande, grosso, storto, asimmetrico, punta grossa, carnosa, sporgente, schiacciata, naso gibboso, columella deviata, ecc.

Informazioni sull'intervento

Prima dell'intervento occorrono alcune precauzioni, quali stare attenti a non raffreddarsi, interrompere l'assunzione di farmaci che favoriscono il rischio di sanguinamento come l'aspirina e diminuire l'uso di tabacco.
L'intervento di rinoplastica può essere eseguito in anestesia generale oppure in anestesia locale con sedazione profonda.
Esistono due tecniche di rinoplastica:
- Nella rinoplastica chiusa, quella tradizionale, si interviene dall'interno delle narici per rimodellare le ossa e la cartilagine; le cicatrici non sono visibili.
- Nella tecnica aperta viene praticata un'incisione nella columella, cioè il lembo di pelle tra le narici; la cicatrice è quindi esterna, anche se poco visibile.
I rischi della rinoplastica, oltre a quelli comuni ad ogni intervento chirurgico, sono legati al verificarsi di asimmetrie, irregolarità e forma non soddisfacente; in questo caso si deve ricorrere alla rinoplastica secondaria per cercare di migliorare la situazione.

Decorso post operatorio

Generalmente l'intervento viene eseguito in day hospital e la durata varia da 40 minuti a due ore; raramente viene richiesta una notte di degenza.
La tecnica moderna è meno invasiva e il dolore è più lieve e facilmente controllabile con analgesici.
A conclusione dell'intervento, verrà applicata una mascherina di gesso sul dorso del naso per fissare i tessuti. Il gonfiore e l'edema si riassorberanno in un paio di settimane.
E' consigliabile applicare del ghiaccio su fronte ed occhi per ridurre le tumefazioni.
Il riposo post operatorio dura un paio di settimane, durante le quali è possibile compiere lavori sedentari. Il rimodellamento delle ossa richiede più tempo e il risultato dell'intervento può dirsi concluso dopo 6-8 mesi.
Il costo della rinoplastica varia a seconda della correzione effettuata e oscilla tra i 3000 e i 7000 euro in cui sono inclusi l'onorario del chirurgo, dell'anestesista e il costo della sala operatoria. E' possibile usufruire di pagamenti rateali.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cistopiù e Nefropiù, due nuovi brand per Aurora Biofarma

L’azienda comunica il lancio dei prodotti per una presenza ancora più decisa del marchio nelle terapie in ambito urologico veterinario

Il gruppo farmaceutico Aurora Biofarma annuncia il lancio sul mercato di Cistopiù e Nefropiù, due nuovi brand che andranno a completare la presenza del marchio Aurora in ambito urologico all’interno del comparto di medicina veterinaria.
Con una distribuzione sul canale depositi e grossisti iniziata già a fine dicembre 2017, i due prodotti sono stati svelati in via ufficiale nel corso della Convention di Praga e affiancheranno RenUro bustine e pas [...]

Continua a leggere

Denti del giudizio, toglierli o mantenerli

A livello medico sono considerati i terzi molari, tuttavia in generale sono meglio conosciuti come denti del giudizio, in quanto tendono a fuoriuscire in età più tarda rispetto agli altri, tra i 18 ed i 25 anni.
Sono situati nella zona più interna delle arcate dentali e proprio questa loro posizione tende, alcune volte, a creare problemi sia agli altri denti che al cavo orale in generale.
E tutto ciò porta spesso ad affrontare il dilemma se estra [...]

Continua a leggere

Tutto quello che c’è da sapere sullo spazzolino elettrico

Se vi siete recati da un dentista a Roma come lo studio del dottor Carnabuci e vi ha consigliato l’utilizzo di uno spazzolino elettrico ma voi non sapete nulla di questo mondo perché vi siete affidati sempre alla pulizia dei denti attraverso lo spazzolino tradizionale, allora, vorrete sicuramente informarvi su tutti i pro e i contro che questo strumento mette a vostra disposizione.
I primi spazzolini elettrici sono comparsi sul mercato circa cinq [...]

Continua a leggere