Informatica

Cloud: quali sono le ultime resistenze da superare?

Nonostante il cloud sia da tempo radicato, qualche volte capita di registrare un sorprendente grado di resistenza alla sua adozione, anche se ovviamente via via sempre più flebile.

Nonostante il cloud sia da tempo radicato, qualche volte capita di registrare un sorprendente grado di resistenza alla sua adozione, anche se ovviamente via via sempre più flebile. D’altronde in questi anni si è passati da una fase in cui i professionisti informatici erano completamente contrari o perlomeno molto perplessi all'idea, a un momento in cui il cloud non solo è accettato come una strada da percorrere, ma come l’unica via percorribile.

Sicurezza, privacy dei dati e mancanza di diversi livelli di controllo erano (e lo sono tuttora) menzionati come i motivi fondamentali per opporsi all'adozione di questa tecnologia. Anche se forse il vero motivo è perlopiù generazionale. Coloro che hanno vissuto l’informatica negli anni 60, 70 e 80 inizieranno a poco a poco ad abbandonare il lavoro in favore di forza lavoro che è cresciuta in un mondo sempre più fatto di cloud.

Vi era il timore che il cloud potesse avere un impatto pessimo sul valore del dipartimento informatico per un’associazione, dato che aumentava la preoccupazione che se un server non fosse in rete, fosse maggiormente difficile gestirlo. Visto che nell'ultimo periodo si è dimostrato l’esatto contrario (e soprattutto non abbiamo assistito a una riduzione di massa del personale IT), la resistenza si è affievolita e gli atteggiamenti sono cambiati.

Ma non sono cambiati solo gli atteggiamenti. Anche le persone che stanno guidando aziende e prendendo decisioni sono cambiate. I rapporti all’interno dell'industria hanno dimostrato che circa un terzo della forza lavoro IT tradizionale andrà in pensione nel prossimo decennio. Questo sta a significare che coloro che hanno visto l’informatica nei decenni scorsi e che hanno assistito all'evoluzione del mainframe verso la Lan, hanno familiarizzato con l'emulazione dei terminali pc, le schede ethernet a 8 bit per PC e i floppy 3.5, inizieranno a lasciare spazio a coloro che sono cresciuti in un mondo cloud.

Quindi è possibile che il nuovo staff IT si domandi per quale motivo in azienda ci sia ancora un server o perché si acquistino ancora i software invece di lavorare sull’As a Service o implementare, ad esempio, un innovativo software contabilità cloud per l’amministrazione.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Differenze tra il Samsung Galaxy S8 e l’I-Phone 8

La “Galassia” Samsung è sterminata; la serie Galaxy, infatti, offre una vastità di scelta per tutte le esigenze, i gusti e le tasche.
Un ottimo compromesso tra qualità e prezzo è per esempio il Galaxy J5 (leggi questa recensione per il Samsung Galaxy J5), ma chi desidera il top di gamma non può non orientarsi verso il Galaxy S8 che si pone come il diretto concorrente dell’iPhone 8: due top di gamma a confronto.
Confronto tra Samsung Galaxy S8 e I [...]

Continua a leggere

Toner rigenerati HP costano meno

Gli Hp color toner rigenerati sono migliori di quelli originali perché costano un terzo e danno una mano all’ambiente riducendo i rifiuti speciali.
  Grazie alla liberalizzazione dei consumabili l’ambiente è più sicuro Sono ormai diversi anni che è stata liberalizzata la vendita dei consumabili per le stampanti tra cui gli Hp color toner rigenerati.
Prima le aziende produttrici di stampanti detenevano l’esclusiva di cartucce e toner, pertanto gua [...]

Continua a leggere

Internet, metà del traffico è già criptato

Il trend sembra essere ben tracciato e difficilmente si tornerà indietro

A febbraio 2017 più della metà del traffico dell'intero web è canalizzato da siti crittografati, che hanno adottato la connessione HTTPS come richiesto (o imposto) anche da Google.
Il tutto a maggior tutela degli utenti e della protezione dei dati.
Non è solo un fenomeno passeggero, ma un trend praticamente inarrestabile: alla fine di febbraio 2017 le statistiche della Electronic Frontier Foundation evidenziano come ormai già più della metà del t [...]

Continua a leggere