Società > No Profit

Come adottare un bambino a distanza e regalargli un futuro migliore

Per chi intende sostenere i progetti solidali delle associazioni onlus è importante sapere come adottare un bambino a distanza. Molte tra queste organizzazioni non governative, infatti, sostengono progetti atti al sostentamento dei bambini più poveri e disagiati nel Sud del mondo. L’adozione a distanza è la forma di donazione più funzionale ed efficace per perseguire tali obiettivi umanitari.

Quelli adottivi sono forse i progetti più importanti per una onlus perché riguardano direttamente la vita e il futuro di un bambino. Le modalità attraverso cui adottare un bambino a distanza sono svariate. Vediamo in cosa consistono e come funzionano le pratiche più comuni e di successo.

Come e perché adottare un pancione a distanza

È possibile, tramite donazione, finanziare l’assistenza al parto di molte madri che altrimenti rischierebbero di dare alla luce il proprio figlio senza gli accorgimenti igienici e sanitari necessari. Con piccoli contributi si può garantire le visite prenatali e tutto il soccorso necessario durante il parto, con una quota leggermente più ingente si possono addirittura offrire le vaccinazioni per il bambino neonato e sostenere il costo di un parto cesareo.

Come e perché adottare uno studente a distanza

L’adozione di uno studente contribuisce direttamente a migliorare la vita dei bambini più poveri ed emarginati che non hanno la possibilità di accedere ad un’istruzione dignitosa. L’accesso scolastico non è soltanto un modo per regalare un sorriso al bambino ma è anche e soprattutto la possibilità di formare una persona che sarà presto in grado di portare crescita e sviluppo al suo Paese, grazie alla conoscenze acquisite. Non è sempre possibile, di fatto, attivare una donazione per un bambino in particolare, ma l’assegnazione dipenderà prettamente dall’urgenza e dalle circostanze. Adottare una studente vuol dire garantirgli, attraverso piccoli o più ingenti contributi, un’uniforme scolastica, libri di testo nonché il finanziamento della retta e dei trasporti, visto che le distanze nei paesi più emarginati possono essere grandi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Le biciclette di Banca Interprovinciale per le associazioni di Reggio Emilia

Pochi giorni e Banca Interprovinciale riparte con le consegne delle bici.
Sabato 24 febbraio 2018, infatti, nella recentemente inaugurata filiale di Reggio Emilia, l'Istituto di credito omaggerà, come ormai da tradizione, la celebre bicicletta verde, simbolo della filosofia di lavoro della banca, alle realtà associazionistiche e di volontariato del proprio territorio.
Una nuova importante dimostrazione del sostegno al Terzo Settore, che da sempre [...]

Continua a leggere

Successo inatteso per la cena di beneficenza Banca Interprovinciale - Rock No War

Saranno due, e non uno come preannunciato, i parchi giochi realizzati con i fondi raccolti durante l'evento

La solidarietà non si ferma mai e questo Banca Interprovinciale e Rock No War lo sanno bene.
Questa volta però, la sua forza ha superato le attese.
È pari a 204.000 euro il risultato incredibile della raccolta fondi della cena di beneficenza 2017.
Un successo tale che ha permesso di ampliare il progetto per il Centro Italia, che è stato colpito dal terremoto dello scorso anno: saranno non uno, ma ben due i parchi giochi finanziati e donati alle p [...]

Continua a leggere

Cremazione, l’opinione del Papa

Qual è l'opinione del papa, e della chiesa in generale, su questo delicato argomento?

Quello sulla cremazione dei defunti è sempre stato un dibattito aperto: inizialmente, infatti, la chiesa non accettava tale gesto.
Oggi, quello che è il pensiero del Papa e della congregazione vaticana in generale è diverso.
La cremazione a Roma, così come nel resto d’Italia, infatti, non è contraria alla fede, però la dispersione delle ceneri non è permessa.
Non bisogna disperdere le ceneri nell’aria E ciò, come riporta l’istruzione dell’ex Sant [...]

Continua a leggere