Economia e Lavoro > Finanza

Come aprire un conto offshore

Come aprire un conto offshore online

Lo stato italiano si sa che è piuttosto esoso e invadente nei confronti dei patrimoni mobiliari. Questi sono altamente tassati e sono vincolati da mille lacci e lacciuoli che ne impediscono il pieno utilizzo.
Come si può ovviare a questo inconveniente piuttosto fastidioso che potrebbe impedire di cogliere delle ottime occasioni a livello personale e finanziario imprenditoriale? Basta aprire conto corrente offshore on line.
Per aprire conto corrente offshore on line bisogna capire cosa intendiamo. I paesi offshore detti anche paradisi fiscali sono quelle nazioni dove il regime fiscale è piuttosto moderato se non addirittura nullo come nelle isole Cayman o a Panama.
Per aprire conto corrente offshore on line bisogna necessariamente rivolgersi a un intermediario se si intende avere un conto cifrato, e una carta di credito anonima. Vediamo come fare.

La documentazione necessaria

Individuato l’intermediario giusto, che sia quindi onesto, trasparente, affidabile e che ci faccia realmente da garante nei confronti della banca offshore, e individuata la banca fiduciaria, siamo pronti ad aprire conto corrente offshore on line.
Il funzionamento del conto sarà del tutto simile a quello di un normale conto corrente, avremo la nostra carta di credito offshore e disporremo di un internet banking completo per poter operare on line.
La documentazione che è necessario produrre di base consiste in:
- per attestare l’identità: copia del documento d’identità o copia del passaporto (a volte può essere richiesta un’apposita appostilla in tutte le pagine del passaporto)
- per attestare il domicilio: bolletta della luce, del gas, dell’acqua o del telefono.
- come referenze commerciali: una lettera del proprio intermediario di fiducia.
- come referenze bancaria: due lettere di referenza di banche italiane o una di una banca e una di un dottore commercialista.
 
I paradisi fiscali migliori

Dopo aver deciso di aprire conto corrente offshore on line, bisogna conoscere quali paesi offrono le condizioni migliori. Anche in questo caso bisogna affidarsi al proprio intermediario di fiducia che saprà consigliare in base ai propri contatti.
In linea generale bisogna tenere conto anche della somma necessaria per aprire il conto che può variare da poche migliaia di euro a diverse decine di migliaia di euro.
I paesi preferiti in Europa per aprire conto corrente offshore on line sono Andorra, Montenegro e la Svizzera.
Invece oltre il vecchio continente sempre gettonatissima Panama, le isole Cayman, Curacao.
Se si decide di aprire conto corrente offshore on line si otterranno davvero dei vantaggi notevoli.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come aprire un conto in Austria

Chi espatria e si trasferise in Austria troverà un passaggio senza intoppi.
L'Austria è una nazione ricca e conosciuta per la sua ospitalità e il multiculturalismo.
Vienna, la capitale austriaca, detiene un quarto della popolazione del paese.
Una delle prime cose che ti serve quando arrivi è un conto bancario austriaco.
  Quali documenti servono per aprire un conto corrente in Austria? L'apertura di un conto bancario in Austria è abbastanza sempl [...]

Continua a leggere

Conto online svizzero

Molti si chiederanno come aprire conto un corrente online in Svizzera.
Questo è molto semplice, basta contattare una banca svizzera e chiedere di aprire un conto presso di loro, tutte hanno l'e-banking che permette anche di risparmiare sui costi di gestione dello stesso.
Solamente si può fare solo da residenti.
Quindi se si risiede in Svizzera o se si ha una ditta in Svizzera si può tranquillamente procedere all'apertura di un conto come si fa an [...]

Continua a leggere

Società offshore a Panama

Ogni paese per conformarsi al cartello OCSE dei paesi con tasse elevate ha installato lo scambio automatizzato di informazioni come obbligo per le banche, che funzionerà almeno in Europa, così come in alcuni mercati emergenti.
Naturalmente, il costrutto può anche - in alcuni casi - non riuscire.
Poi ci sono gli accordi internazionali in materia di reciproca assistenza in materia fiscale - la cosiddetta "assistenza amministrativa reciproca in mate [...]

Continua a leggere