Economia e Lavoro > Finanza

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
 

Cos'è una società offshore

Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero. In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le legislazioni economiche sono vantaggiose e molto più flessibili. Le tasse sono molto basse e talvolta anche inesistenti. Tra i Paesi più gettonati spiccano in modo particolare le Bahamas, Panama e le isole vicine Cayman, perfette per lo stile di vita, il clima ma soprattutto per la situazione economica e politica, nonché per il sistema bancario. Aprire una società offshore in questi paradisi fiscali garantisce la massima riservatezza nelle operazioni finanziarie all'interno della giurisdizione. In poche parole, ciò significa che l'amministrazione locale può decidere anche di non collaborare con le autorità estere, al fine di proteggere gli interessi di una società di persone offshore.
 

Come aprire una società offshore

Al pari di una società di persone onshore (ovvero nello stesso Paese di residenza) aprire una società offshore è assolutamente legale. Differisce dalla prima per alcuni semplici dettagli. In particolare, i soci possono rimanere volutamente anonimi e mediante l'emissione di azioni al portatore si possono limitare le responsabilità di ciascun azionista. I costi di apertura possono variare da un minimo di poche centinaia a qualche migliaia di euro. La variabilità dell'investimento iniziale dipende dalla scelta societaria e dall'affidarsi o meno a dei professionisti per la gestione della società e delle ricchezze. Queste organizzazioni ad oggi funzionano nonostante i continui controlli, le restrizioni e le leggi speciali, grazie all'impegno ed al lavoro di numerosi avvocati ed esperti di finanza. Ovviamente, ogni anno bisognerà dichiarare gli introiti e pagare le relative tasse.
 

Come funziona una società offshore

Per sfruttarne i vantaggi, non bisogna necessariamente trasferire le ricchezze in uno dei paradisi fiscali. Si può aprire una società offshore anche in Italia con un sistema di filiali, utilizzando due configurazioni: Rappresentative Office e Pubblici Registri. Nel primo caso, la società di persone dispone di un ufficio di rappresentanza. È una soluzione semplice ed immediata che richiede solo il codice fiscale, l'apertura della partita IVA e la relativa comunicazione della posizione alla Camera di Commercio di zona. Discorso differente, invece, per la seconda opzione. Pur mantenendo infatti una configurazione estera, la società offshore si trasforma in una vera e propria SRL mantenendo tutti gli obblighi che ne conseguono. In caso di fallimento, però, rimane soggetta alle leggi estere.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere