Internet > Web Designer

Come creare una Food App

Gli smartphone permettono di fare sempre più cose, al punto da poter sostituire un PC o un tablet e per questo motivo il comparto dello sviluppo di software a Roma, in particolare, e in Italia in genere sta registrando dei picchi di attività spinti soprattutto dalla creazione di app sempre più innovative e al tempo stesso utili per gli utenti. Un dato altrettanto innegabile è l’incremento di blog di cucina e app dedicate al mondo della cucina, dell’agroalimentare e della gastronomia: tutto quello che è food è di grande interesse e perciò è proprio il caso di dire che  nascono come “funghi” le cosiddette Food App, il cui sviluppo e creazione è affidata alle menti e alle mani di abili informatici e sviluppatori come, per esempio, lo staff di Area Software a Roma.

Elementi di base nello sviluppo di una Food App

I blog di cucina sono sempre più sofisticati e competitivi e un buon blog si riconosce anche dall’offerta completa di app e news feed correlati che permettono di consultare il blog anche su dispositivi mobili. Lo sviluppo di app sembra essere l’ultima frontiera su cui dare libero spazio alla creatività e fantasia e l’argomento food offre molti spunti creativi.

Uno dei punti di forza di un food blog è la fotografia: una buona foto conquista e permette di comprendere ogni aspetto del piatto tanto quanto l’averlo assaggiato. Le app – prevalentemente basate sull’esaltazione dell’aspetto fotografico ed estetico – sono ideali per far risaltare le foto a corredo di articoli. Una buona Food App offre un ampio spazio alla galleria fotografica che è il primo passo per attirare il lettore.

Una funzione indispensabile di una Food App è quella di far risparmiare tempo agli utenti, per cui creare app in grado di scaricare ricette e memorizzarle sullo smartphone per poter essere consultate anche offline è un ottimo strumento per chiunque desideri fare una ricetta speciale, seguirne la procedura avendo a portata di mano un’ipotetica lista della spesa degli ingredienti da usare.

Infine, una Food App funziona meglio di un blog perché a differenze delle news feed che spesso sono invasive e moleste, un app offre lo strumento delle notifiche, più rapidi ed efficaci, che anche quando si disattivano restano comunque sul dispositivo pronte per essere consultate.

La Food App ideale

Una Food App che sia davvero utile non può prescindere in fase di sviluppo dal prevedere tutti i seguenti dati:

  • Sezione di presentazione: è importante che l’utente sia rassicurato in merito all’autore del ricettario o della funzione specifica dell’app ed è un modo per creare un rapporto di fiducia.

  • Sezione dedicata alle ricette: una food app di ricette deve permettere all’utente di muoversi agevolmente tra le varie categorie. In questa sezione è molto importante valorizzare le immagini che richiamano l’attenzione del lettore;

  • Prevedere delle sezioni per tipologia: almeno ché non si tratta di un ricettario monotematico o tutto dedicato ai primi o agli antipasti, una buona Food App deve essere in grado di offrire uno spazio per la suddivisione logica degli argomenti (antipasti, primi, secondi, contorni, dolci …) oppure impostare dei filtri di selezione;

  • Video e immagini: la possibilità di caricare video e immagini rende più “appetibile” una Food App;

  • Utility: non c’è app che non debba anche prevedere una serie di utility come la sezione “aggiungi a preferiti” che permette di salvare le pagine o una sezione “submit” in cui interagire con gli utenti che possono esprimere il loro indice di gradimento o disappunto e di conseguenza tutti i tasti e le funzioni che agevolano condivisioni e commenti.

Come per i blog è possibile affidarsi ad apposite piattaforme di gestione dei contenuti, è possibile creare una propria Food App affidandosi a piattaforme simili per mobile come GoodBarber.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Rifare un sito internet nel 2019

Restyling sito web

Rifare un sito web è oggi un’attività essenziale e possiamo dire che è lo stesso sito web a chiederla alla tua azienda: diciamo che ogni 4 o 5 anni è bene fare un restyling del sito, se non addirittura rifarlo da zero per adeguarlo alle ultime tecnologie.
Consideriamo, infatti, come il tempo sul web abbia una velocità tutta sua e tutto ciò che viene pubblicato online richiede un aggiornamento continuo per adeguarsi a nuovi linguaggi, nuove leggi [...]

Continua a leggere

Sito web "fai da te" e sito web Professionale... Differenze

differenze tra un sito web creato in autonomia e un sito web Professionale

Con l'avvento della tecnologia e l'espandersi della rete internet oggi giorno chiunque abbia un'attività, che sia di vendita o di erogazione di servizi, oggi giorno non può far a meno di ricavarsi uno spazio tutto suo nell'immensa rete di Internet.
Per questo motivo alcuni inesperti si affidano a servizi tipo generatori di siti web che permettono la creazione di uno spazio web su internet senza alcuna spesa, almeno parrebbe...
  Ma quali sono le [...]

Continua a leggere

Realizzazione siti web : da dove si parte?

Vediamo insieme da dove partire quando si deve realizzare un sito web

Realizzazione siti web? Devi realizzare un sito web e non sai da dove partire? Vediamo i primi passi da effettuare quando si deve realizzare un sito web per aumentare clienti, fatturato e contatti.
Primo passo : La scelta del Dominio Se trattasi di nuovo sito e quindi non di un restyling di un sito esistente il primo passo da compiere è scegliere un dominio libero tra quelli disponibili.
Su questo ci vengono in aiuto i vari Hosting che controllan [...]

Continua a leggere