Economia e Lavoro > Finanza

Come fare per aprire un conto corrente in Inghilterra

conto corrente in Inghilterra

L'Inghilterra è un paese considerato sotto molti aspetti un paradiso fiscale, a pochi metri dall'Europa.
Anche aprire un conto corrente in Inghilterra è conveniente,  per questo molte società spostano la loro sede da altri paesi europei in Inghilterra dato che qui aprire una società conviene molto sia per la bassa tassazione che inoltre per i primi 21 mesi dall'apertura è nulla, sia per la bassa pressione fiscale del paese.
Inoltre si può aprire una società ltd ovvero una srl itliana, in pochissimo tempo e anche via mail e online, restando nel proprio paese, anche da soli, oppure per chi nn è molto esprto ci si può fare aiutare da agenzie specializzate in questo tipo di pratiche finanziare che hanno base nel paese, in modo da ptere usufruire di una intermediazione fiscia all'occorrenza.

Spesso nel pacchetto di tali agenzie infatti è compresa anche una casella di posta in una via di Londra per un anno, dove fare arrivare la corrispondenza aizendale, intanto che non ci si è sistmati al meglio con la propria attività, e degli sconti per aprire un conto corrente in Inghilterra in una delle Banche inglesi presenti.
Il tutto inoltre a cifre molto basse, anche per l'apertura della società che si attua direttamente al Registo delle Imprese locale e senza notaio, e in ca 48 ore si può avere una nuova società.
 
Quando si decide di aprire un conto corrente in Inghilterra di solito si apre un conto corrente basic che permette di prelevare sterline da ogni tipo di sportello bancario in UK e senza commissioni, fare pagamenti internazionali e pagare online senza nessuna sovrattassa.
Basta avere un documento  d’identità (o il passaporto) e alcune banche  potrebbero  chiedere una prova di indirizzo di residenza li (una bolletta intestata a voi o un contratto d’affitto) o  il contratto di lavoro o l'iscrizione a un istituto di studio li.
 
Fatto questo siete a posto e non dovete fare altro per operare con la vostra attività in Inghilterra.
 
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere