Economia e Lavoro > Finanza

Come Fare un Testamento Olografo e Pubblico

Nella vita di ognuno, arriva prima o poi il momento di tirare le somme, guardarsi indietro e fare delle profonde considerazioni su una questione molto delicata come la morte.

Nella vita di ognuno, arriva prima o poi il momento di tirare le somme, guardarsi indietro e fare delle profonde considerazioni su una questione molto delicata come la morte. Abbandonare la dimensione terrena è una cosa naturale e normale, a cui in qualche modo siamo preparati da sempre ma che affrontiamo, forse per cultura, con un po’ di distacco. Tra le varie considerazioni da fare per tempo c’è la questione dell’eredità, cioè stabilire quali beni o immobili vogliamo destinare a chi dopo il nostro decesso. Se vi state chiedendo come fare un testamento, la risposta (o le risposte) sono molto semplici, ma le varie opzioni hanno delle regole da rispettare alla lettera per garantirci che le nostre volontà vengano rispettate.

Come Fare un Testamento Olografo

Come anticipato, ci sono delle regole da seguire e delle differenze sostanziali tra diversi tipi di testamento; essenzialmente questo può essere olografo o pubblico. Quello pubblico, probabilmente il più diffuso, è un tipo di testamento che viene scritto dal notaio in presenza del testatore che detta le proprie volontà. Il testamento olografo, invece, è quello che richiede grande attenzione da parte del testatore, che si incarica di scriverlo di proprio pugno dalla A alla Z, includendo data e firma. Solo in un secondo momento questo verrà consegnato a un notaio che ne verificherà la valenza e lo custodirà fino al giorno opportuno. Il testamento olografo deve essere scritto in modo chiaro e da un soggetto in grado di intendere e di volere, da una persona singola che esprime le volontà su i propri beni e deve essere steso interamente a mano.

Le Regole per Fare un Testamento

Per quanto il testamento sia un’occasione per destinare alle persone più care un riconoscimento concreto quando abbandonerete la dimensione terrena, la legge stabilisce che ci sono dei limiti entro i quali il testatore può arbitrare i propri beni. Infatti solo una quota dei propri beni, quella disponibile, può essere destinata a qualcuno che non siano il coniuge o i figli. Infatti questi hanno diritto a percepire una sostanziale quota di eredità (fatta di beni materiali che possono essere immobili o no), come assorbirebbero anche dei debiti nel caso ci fossero. Si possono destinare beni o denaro ad amici stretti, parenti, una persona che merita la nostra riconoscenza, ma anche ad associazioni ONLUS che compiono delle opere di bene.

Se non si scrive il testamento, invece, le quote vengono spartite tra i familiari più stretti secondo percentuali prestabilite per legge; se non ci fossero persone legate da parentela fino al sesto grado, l’intero patrimonio viene devoluto allo Stato, in caso di mancato testamento.

Scrivere il testamento è semplice e vi permette di avere l’ultima voce in capitolo su qualcosa che vi appartiene, perciò si consiglia a tutti di scriverne uno.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere