Informatica

Come proteggere il tuo PC dai virus

Oggi non avere un antivirus installato sul proprio computer rischia seriamente di compromettere la sua salute e le sue prestazioni. Oltre ad installare un opportuno software per la difesa del nostro computer, si raccomanda di seguire alcuni semplici accorgimenti, utili a ridurre le possibilità che virus e malware infettino il sistema. Ecco qui di seguito cinque buone pratiche per difendere il nostro computer.

Il primo accorgimento da prendere in considerazione è quello di tenere d’occhio la casella di posta elettronica. È piuttosto comune che i virus si trasmettano tramite e-mail e ciò può avvenire in tre modi:

il virus è contenuto nell’allegato;
i virus si presentano sottoforma di e-mail – di solito le classiche catene di Sant’Antonio;
si nascondono nel codice HTML, ovvero il codice con cui si programmano i siti su Internet).

Ormai i più famosi programmi di posta elettronica operano una selezione delle e-mail automaticamente, apponendo appositi filtri ed inserendo i messaggi considerati pericolosi nella cartella spam. Di solito queste e-mail si autoeliminano dopo circa una settimana. Inoltre, se il mittente dell’e-mail è sconosciuto, spesso richiedono un’autorizzazione per aprire l’allegato. Infine, se volete stare ancora più tranquilli, effettuate pure una scansione del messaggio.

Il secondo consiglio è quello di evitare l’utilizzo di chiavette USB potenzialmente infette. Le chiavette USB e, più in generale, qualsiasi altra periferica esterna possono essere dei mezzi di trasporto di virus se provengono da un computer già infetto. In questo caso, la cosa migliore da fare è avere un programma di monitoraggio che scansioni la chiavetta per poter eliminare i file infetti. Se invece il supporto risulta molto danneggiato, è necessario formattare la periferica, perdendo però così tutti i dati memorizzati all’interno.

Terzo consiglio: prestate attenzione ai programmi di download. Al di là dell’illegalità della pratica di scaricare musica, film e videogiochi da Internet, è bene ribadire i rischi per la salute del computer. Lasciate l’antivirus sempre acceso e usate solo siti affidabili – possibilmente legali o che rilasciano materiale “abandonware” (caduto nel pubblico dominio), Creative Commons o “freeware” (a titolo gratuito). Comunque, il miglior modo per difendersi in questo caso è quello di non scaricare, comprando legalmente tutto ciò che si vuole guardare o ascoltare.

Quarto suggerimento: evitate assolutamente di cliccare su pubblicità e annunci. Talvolta siamo letteralmente invasi da banner, la maggior parte dei quali promettono vincite milionarie, guadagni facili o prodotti “surreali” o semplicemente “succinti”. Ovviamente è fortemente sconsigliato cliccare su questi annunci perché, oltre a non promettere ciò che scrivono, inviano gratuitamente alcuni virus sul vostro computer.

Un ultimo cenno va dedicato alla pornografia. Non si poteva non dedicare un paragrafo intero al metodo più diffuso per infettare il PC. Basta scaricare un film, visitare siti e social network poco affidabili. Questo è in assoluto il modo più semplice per abbindolare gli utenti. Anche in questo caso, i consigli validi sono quelli di avere le protezioni necessarie e di frequentare solo siti conosciuti e ritenuti affidabili.

Alessandra Moretti, ProntoPro


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Toner rigenerati HP costano meno

Gli Hp color toner rigenerati sono migliori di quelli originali perché costano un terzo e danno una mano all’ambiente riducendo i rifiuti speciali.
  Grazie alla liberalizzazione dei consumabili l’ambiente è più sicuro Sono ormai diversi anni che è stata liberalizzata la vendita dei consumabili per le stampanti tra cui gli Hp color toner rigenerati.
Prima le aziende produttrici di stampanti detenevano l’esclusiva di cartucce e toner, pertanto gua [...]

Continua a leggere

Internet, metà del traffico è già criptato

Il trend sembra essere ben tracciato e difficilmente si tornerà indietro

A febbraio 2017 più della metà del traffico dell'intero web è canalizzato da siti crittografati, che hanno adottato la connessione HTTPS come richiesto (o imposto) anche da Google.
Il tutto a maggior tutela degli utenti e della protezione dei dati.
Non è solo un fenomeno passeggero, ma un trend praticamente inarrestabile: alla fine di febbraio 2017 le statistiche della Electronic Frontier Foundation evidenziano come ormai già più della metà del t [...]

Continua a leggere

Il linguaggio PHP: scopriamo cos'è!

Il PHP è un linguaggio di scripting interpretato, è stato concepito principalemente per la programmazione di pagine web dal contenuto dinamico, oppure anche nella realizzazione di siti web a Roma da parte di esperti come ElaMedia Group.
L'interprete PHP è un software libero che viene distribuito sotto la licenza PHP ufficiale.
Al giorno d’oggi, il suo principale utilizzo è quello di sviluppare applicazioni web lato server, ma può essere anche uti [...]

Continua a leggere