Cucina > Cibi

Come trovare pizzeria a Roma in zona EUR

Alcuni consigli per chi cerca una buona pizza a Roma in particolare in zona EUR

E’ difficile contare tutte le pizzerie presenti ed operative a Roma. Sono davvero numerose, ma non tutte fanno una pizza di qualità con ingredienti genuini e un impasto digeribile ed originale. Oltre alle imitazioni della famosa pizza napoletana, molti ristoranti cucinano la pizza romana, più bassa ma comunque gustosa se fatta nel modo giusto. Molto dipende dai pizzaioli che devono conoscere l’arte della pizza e preparare un impasto fragrante con ingredienti di qualità e un tempo di lievitazione adatto alle situazioni. Si legge spesso “pizza ad alta digeribilità con lievitazione di 72 ore” o anche di più, ma spesso non basta per fare una pizza come si deve. Nella zona Eur ci sono alcune pizzerie che preparano non solo la classica pizza ma anche la cosiddetta pinsa romana, ovvero una recente idea di Corrado Di Marco del 2001 che ha ripreso un antico procedimento dei panificatori romani per realizzare un nuovo concetto di pizza. In particolare la grande novità è l’inclusione della farina di riso nell’impasto, un ingrediente che ha rivoluzionato il gusto di mangiare la pizza e provare qualcosa di nuovo e altrettanto gustoso.

Se si è appassionati della pizza, non si può non provare la pinsa romana che viene ugualmente farcita con diversi ingredienti, dalle verdure, al pomodoro, mozzarella, friarelli, affettati e tanto altro. Il sapore è intenso, l’impasto leggero e fragrante, e spesso la misura è leggermente ridotta rispetto alla pizza classica. A Roma si trovano diversi locali che offrono la pinsa romana sul menù, accompagnandola sempre da eventuali fritti e antipasti, e una bevanda tra birra, bibite, vino e acqua. E’ fondamentale seguire un processo preciso per realizzare la pinsa romana secondo la tradizione, ma in una serata estiva, gustarsi questa novità in un ambiente piacevole, magari all’aperto, in un giardino vicino al Laghetto dell’Eur potrebbe essere la soluzione migliore per una serata in compagnia, serena e golosa, senza sgarrare troppo la dieta per la prova costume e non togliere piacere allo stare insieme a cena o a pranzo fuori con il partner, amici o con la propria famiglia. Sono previste anche soluzioni per il take away, se preferite portare la pinsa o la pizza a casa, grazie ad un servizio puntuale e attento che è molto richiesto anche vista la diffusione dell’applicazione Just Eat che molti ormai utilizzano automaticamente per procurarsi in breve tempo un pasto di qualità a pochi passi da casa.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il rito del brunch

Il brunch è una moda sempre più presente nella cultura italiana, già a partire da qualche anno.

E’ un rito riservato al week-end, quando lontani dalle preoccupazioni della settimana lavorativa, ci si concedono ritmi più rilassati alzandosi più tardi e consumando un pasto unico a mattinata inoltrata che sazia fino alla cena.
  Le origini e la diffusione del nuovo pasto Il termine brunch è un neologismo che deriva dalla fusione delle parole inglesi breakfast e lunch, ovvero colazione e pranzo.
Le radici concettuali del termine risalgono alla [...]

Continua a leggere

Un viaggio fra i sapori della Sardegna

La Sardegna è un’isola ricca di storia e cultura.

Chi ha avuto la fortuna di conoscere questa terra spettacolare ricca di paesaggi mozzafiato, sa anche che la Sardegna offre una quantità di piatti e bevande eccellenti.
Andiamo a scoprire alcuni dei cibi più gustosi e rinomati della tradizione sarda: La fregola, che in sardo vuol dire mollica di pane, è una pasta secca a forma di palline.
Si può condire in molti modi, ma sicuramente la ricetta migliore è quella con le telline e lo zafferano che s [...]

Continua a leggere

Spaghetti cacio e pepe

Origini ed evoluzione di una ricetta senza tempo

La nascita della ricetta degli spaghetti cacio e pepe affonda nella tradizione contadina e pastorale della campagna romana, quando i pastori impegnati nella transumanza usavano portarsi dietro dei semplici ingredienti a lunga conservazione e fonte di energia per ristorarsi e riscaldarsi dopo una lunga giornata di cammino con il bestiame.
Assieme a carbonara, gricia e amatriciana costituisce i primi piatti tipici della gastronomia romana, passando [...]

Continua a leggere