Cucina > Cibi

Conservare sottovuoto: come sterilizzare i vasetti

Alcuni frutti di stagione e alcune delizie della natura si possono trovare e acquistare solo in determinati periodi dell’anno, sempre per troppo poco tempo. Per gustare per mesi il loro sapore delizioso si può ricorrere alla conservazione sottovuoto, ideale anche per proteggere le marmellate, le conserve o i chutney.
L’accortezza necessaria in questi casi è quella di sterilizzare i vasi, i coperchi e i tappi in modo da proteggere tutte le preparazioni dai rischi ed evitare contaminazioni batteriche. Nei negozi di casalinghi si possono trovare i vasetti di vetro più indicati per effettuare questa semplice operazione: se si riutilizzano quelli di precedenti conserve è bene controllare che non siano presenti scheggiature o crepe (terreno molto fertile per i batteri). In questo caso è utile anche sostituire le guarnizioni in gomma e i tappi per avere una chiusura ermetica più sicura.
Come si sterilizzano i vasetti per conservare sottovuoto? Bisogna lavare con cura i vasi, i coperchi, le guarnizioni e i tappi e poi farli asciugare, poi si procede sistemando un canovaccio pulito all’interno di una pentola larga, si inseriscono i vasetti intervallati da un altro canovaccio per evitare che si tocchino durante la bollitura e si ricopre con acqua. Dopo aver raggiunto l’ebollizione si abbassa il fuoco e si lascia in immersione ancora per 30 minuti. Quando si saranno raffreddati i vasetti potranno essere asciugati e utilizzati per le preparazioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il rito del brunch

Il brunch è una moda sempre più presente nella cultura italiana, già a partire da qualche anno.

E’ un rito riservato al week-end, quando lontani dalle preoccupazioni della settimana lavorativa, ci si concedono ritmi più rilassati alzandosi più tardi e consumando un pasto unico a mattinata inoltrata che sazia fino alla cena.
  Le origini e la diffusione del nuovo pasto Il termine brunch è un neologismo che deriva dalla fusione delle parole inglesi breakfast e lunch, ovvero colazione e pranzo.
Le radici concettuali del termine risalgono alla [...]

Continua a leggere

Un viaggio fra i sapori della Sardegna

La Sardegna è un’isola ricca di storia e cultura.

Chi ha avuto la fortuna di conoscere questa terra spettacolare ricca di paesaggi mozzafiato, sa anche che la Sardegna offre una quantità di piatti e bevande eccellenti.
Andiamo a scoprire alcuni dei cibi più gustosi e rinomati della tradizione sarda: La fregola, che in sardo vuol dire mollica di pane, è una pasta secca a forma di palline.
Si può condire in molti modi, ma sicuramente la ricetta migliore è quella con le telline e lo zafferano che s [...]

Continua a leggere

Spaghetti cacio e pepe

Origini ed evoluzione di una ricetta senza tempo

La nascita della ricetta degli spaghetti cacio e pepe affonda nella tradizione contadina e pastorale della campagna romana, quando i pastori impegnati nella transumanza usavano portarsi dietro dei semplici ingredienti a lunga conservazione e fonte di energia per ristorarsi e riscaldarsi dopo una lunga giornata di cammino con il bestiame.
Assieme a carbonara, gricia e amatriciana costituisce i primi piatti tipici della gastronomia romana, passando [...]

Continua a leggere