Economia e Lavoro > Finanza

Consigli per la gestione finanziaria di un condominio

L'amministratore e il condominio
 
Non è semplice per un amministratore, gestire le spese condominiali con esattezza e occorre avvalersi di buoni consigli per la gestione finanziaria di un condominio, per effettuare tutto a regola d'arte.
Per prima cosa, è d'obbligo che ciascun condomino provveda ad erogare le quote condominiali per contribuire, in termini di denaro, a gestire in modo corretto lo stabile.
Ogni inquilino o proprietario, viene opportunamente informato dell'uso che si farà dei soldi che mensilmente vengono chiesti dall'amministratore per varie operazioni che verranno effettuate nell'edificio.
E' importante che tra le parti vi sia un aggiornamento costante e verificabile attraverso la varia documentazione, visibile in sede di riunione condominiale.
I documenti sono basilari nell'assemblea e precisano le attività di gestione e i preventivi per eventuali spese.
Nel preventivo ci sono tutte le spese previste per quel determinato anno e sono minuziosamente riportate le quote da pagare.
Nel momento in cui il preventivo viene approvato dall'assemblea condominiale in maggioranza, anche i condomini che non sono d'accordo sono tenuti a pagare le rate.
 
Il rendiconto consuntivo
 
Per controllare le spese sostenute e la ripartizione delle quote, si stila un rendiconto consuntivo dove è possibile verificare le rate che ogni condomini proprietario andrà a pagare in base ai millesimi di proprietà.
Nel consuntivo c'è la disposizione del denaro per l'anno corrente e di quello accantonato per spese future.
Nel rendiconto si trova anche la ripartizione delle spese tra i condomini, nonché i debiti del condominio e i debiti ed i crediti dei condomini.
Uno dei consigli per la gestione finanziaria di un condominio è quello di riportare sempre anche il preventivo per l'anno che dovrà venire in modo tale che tutti gli inquilini abbiano un prospetto corretto da prendere visione e attivarsi con il tempo necessario, per provvedere a preparare le cifre che occorreranno.
Un valido modo di portare a termine questa operazione è quella di chiedere all'amministratore, una fotocopia dei documenti contabili.
Il controllo della documentazione serve per contestare eventuali disguidi se si ritiene che la ripartizione non sia stata attuata nel modo giusto ed, eventualmente, contestarla.

La corretta ripartizione

La ripartizione delle quote si basa sulle singole proprietà dei condomini cioè sui millesimi, ma ci sono casi in cui alcune parti servono esclusivamente ad alcuni soggetti ed è chiaro che, in questo frangente, le spese dovranno essere sostenute soltanto da chi si avvale del beneficio.
E' bene che l'amministratore del condominio disponga di un conto corrente intestato al condominio stesso in modo che tutti i condomini possano controllare l'estratto conto e di conseguenza, le entrate e le uscite poiché sul conto finiscono le quote versate e da esso si possono evincere con trasparenza, tutte le operazioni che avvengono nella gestione.
Inoltre, essendo il conto intestato allo stabile, vi possono accedere tutti i proprietari per verificare se le bollette dell'erogazione di acqua ed energia elettrica in comune sono state pagate, se il portiere ha ricevuto il suo compenso, se gli operatori della pulizia scale hanno percepito il loro salario e quant'altro.
I consigli per la gestione finanziaria di un condominio comprendono norme che evidenziano la correttezza di tutte le operazioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il no profit dalle organizzazioni all’economia solidale

Le organizzazioni no profit e l’economia solidale

Il no profit è detto di una società, di un’istituzione o di una fondazione che fornisce servizi a livello sociale, non appropriandosi degli utili che ricava dalle sue attività, ma assegnandoli ad altri progetti sempre a vantaggio della comunità.
Queste attività fanno parte del terzo settore, a cui nella società di oggi si dà molta importanza.
Agire senza scopo di lucro è visto come un ideale nobile, che vuole mettere a disposizione della società [...]

Continua a leggere

Investimenti finanziari pianificati per un minor rischio

Chi non vorrebbe guadagnare buone somme di denaro rischiando poco, se non quasi nulla del proprio capitale? Sembrerebbe un racconto di fantascienza, ma così non è ...
  Il 2017 è l'ennesimo anno in cui si conferma la crisi economica, ma quale sono in realtà le possibilità d'investimento? Purtroppo, anche il 2017, e le previsioni a medio e breve termine non smentiscono le tendenze, appare ancora una volta come anno transitorio.
tutt'ora pensare ad [...]

Continua a leggere

Lista dei paradisi fiscali meno rischiosi

I paradisi fiscali sono tutti quegli Stati che hanno deciso di adottare un regime di imposizione fiscale più basso o addirittura assente rispetto ad altri paesi.
In questo modo attirano una grande quantità di capitale estero assicurando in cambio una tassazione parecchio ridotta.
  Perché si sceglie un paradiso fiscale Oltre ad avere una bassa imposizione fiscale, la convenienza di stabilire la propria azienda in uno dei cosiddetti paradisi fisca [...]

Continua a leggere