Casa

Consigli per preparare il climatizzatore all’estate

La manutenzione periodica e le piccole operazioni che permettono di ottenere il massimo dal climatizzatore.

In moltissime regioni italiane l’estate raramente è un periodo dal clima mite. Si pensi, per esempio al sud-Italia: è possibile godere delle belle giornate senza soffrire troppo il caldo più o meno fino a giugno. Da quel momento in poi è meglio avere in casa un climatizzatore funzionante al meglio così da mantenere l’ambiente fresco e accogliente sia durante il giorno, sia durante la notte.

Se il climatizzatore che si possiede è un vecchio modello On/Off che si desidera sostituire ogni centro di assistenza e vendita climatizzatori oggi mette a disposizione un’ampia gamma di modelli inverter da poter acquistare a prezzi anche non eccessivamente alti. I vantaggi che mettono a disposizione questo tipo di climatizzatori, infatti, sono numerosi: il risparmio energetico, la maggiore silenziosità, il maggior comfort e l’uso di gas refrigeranti meno inquinanti per l’ambiente.

A prescindere dal tipo di climatizzatore che si possiede, però, prendersene cura è molto importante e la primavera è il momento migliore dell’anno per farlo.

Cosa fare per preparare il climatizzatore all’estate?

Una delle tappe più importanti legate a questa stagione dell’anno è il controllo di manutenzione ordinaria al climatizzatore. Per far questo è sufficiente contattare il centro di assistenza per climatizzatori di propria fiducia. La manutenzione è ciò che più di ogni altra cosa ti permette di avere un impianto in forma perfetta. Al termine della manutenzione dopo che il tecnico avrà eseguito i controlli, le regolazioni, la pulizia e le sostituzioni eventualmente necessarie il climatizzatore posseduto avrà meno probabilità di rompersi durante una giornata afosa.

La manutenzione periodica, inoltre, aiuta anche a risparmiare sui costi energetici: un impianto pulito consuma meno perché il climatizzatore torna a lavorare al massimo delle sue performance.

Una cosa che è possibile fare senza necessariamente rivolgersi a un tecnico è la sostituzione del filtro. L’ideale è sostituirlo una volta l’anno se il climatizzatore viene usato ogni giorno; se, invece, viene usato solo stagionalmente si può provvedere a pulirlo periodicamente e a sostituirlo ogni paio d’anni. Pulire e sostituire il filtro dell’aria del climatizzatore aiuta ad avere in casa un comfort maggiore: un filtro intasato e sporco, infatti, può liberare nell’aria polvere, allergeni e altri microrganismi dannosi per la salute.

Pulire l’area intorno all’unità esterna del climatizzatore è ugualmente importante soprattutto se il climatizzatore non è stato installato “spalla a spalla”. Se l’unità esterna è stata installata poco distante dal terreno è necessario mantenere pulita questa zona. Non è raro, infatti, che nel corso dell’inverno e della primavera vi si siano accumulate ghiaia, foglie secche, terriccio e altri detriti che possono danneggiare il motore del climatizzatore una volta entrato in funzione. L’area attorno all’unità esterna, quindi, va liberata da tutto ciò che può intasarlo e danneggiarlo.

Seppure semplici e piccoli, questi accorgimenti ti aiuteranno ad avere a disposizione in estate un impianto di climatizzatore che sappia regalarti comfort e risparmio energetico.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cappe a condensazione: tipologie e vantaggi

A volte sono le piccole cose come le cappe da cucina, spesso dimenticate nel processo di progettazione, a giocare un ruolo di primaria e fondamentale importanza nella tua cucina.

A volte sono le piccole cose come le cappe da cucina, spesso dimenticate nel processo di progettazione, a giocare un ruolo di primaria e fondamentale importanza nella tua cucina.
Con il piano cottura o il forno spesso è il fulcro di una cucina, e quindi la scelta della cappa giusta è una decisione cruciale che devi prendere in considerazione.
Non sono apparecchiature solamente di design, il vero scopo delle cappe a condensazione è mantenere la cu [...]

Continua a leggere

Errore f22 caldaia Vaillant, le possibili cause

Se sul display della tua caldaia Vaillant appare un codice di errore f22, vuol dire che c'è un problema specifico che impedisce all'impianto termico di funzionare bene.
In questo breve approfondimento vedremo cos'è l'errore f22 e quali sono le possibili cause e le azioni da compiere per risolverlo.
Caldaia Vaillant, cosa vuol dire errore f22 L'errore f22 indica una scarsa pressione dell'acqua presente nei circuiti della caldaia: ciò provoca una m [...]

Continua a leggere

Rinnovo bollino blu caldaie Roma, a chi rivolgersi?

Il rinnovo del bollino blu per le caldaie a Roma, così come nel resto d'Italia, è un obbligo stabilito dalla legge: infatti, tale certificazione è fondamentale per garantire la sicurezza e l'eco sostenibilità degli impianti termici.
Chi non si trova in regola con il rilascio o il rinnovo del bollino blu, può incorrere in sanzioni pecuniarie che vanno dai 500 ai 3mila euro.
A chi rivolgersi per il rinnovo del bollino blu La legge è particolarmente [...]

Continua a leggere