Economia e Lavoro > Finanza

Consigli per sfruttare i paradisi fiscali

Paradisi fiscali: ecco come sfruttarli.
Che i paradisi fiscali siano dei territori molto appetibili economicamente parlando, non è affatto un segreto. Già oggi molti politici, Capi di Stato e semplici uomini d'affari fanno un ampio utilizzo di simili Stati per guadagnare e per nascondere i propri movimenti economici. I paradisi fiscali sono quegli Stati che offrono agli investitori provenienti dall'estero un totale o parziale anonimato sia sui soldi depositati, che sui redditi generati all'interno dello Stato-paradiso fiscale o al suo esterno. Per sfruttare al meglio un paradiso fiscale, - fermo restando che tutti gli Stati di questo tipo sono diversi tra di loro, - occorre quindi possedere del denaro. Questo può essere investito per aprire un'attività in proprio, oppure essere semplicemente depositato su un conto corrente bancario aperto in una banca offshore (una di quelle in un paradiso fiscale).

Per sfruttare al meglio tutte le possibilità offerte dai paradisi fiscali, e quindi per guadagnarci, è meglio prima accumulare una sostanziosa quantità di soldi. Quindi si consiglia di aprire un conto corrente in una banca del Paese scelto, in modo da avere più libertà finanziarie. Una volta completato questo punto, non si deve che passare a quello successo aprendo un'attività in propria. Per aprire una società è, ovviamente, meglio fare affidamento sugli Stati che permettono varie facilitazioni. Inoltre, specialmente se si apre un'attività turistica, perché non sfruttare le appetibilità naturali degli Stati che corrispondono alla definizione di paradisi finanziari? Aprire una società a Panama, in Costa Rica o alle Bahamas può essere conveniente in prospettiva futura, in quanto con gli anni il risparmio derivato dalle facilitazioni e dal carico fiscale basso darà i suoi frutti. E con la marcia in più il guadagno diventerà automatico.

Per sfruttare tutte le potenzialità dei paradisi fiscali, è comunque consigliato rivolgersi a un team di esperti. Tutt'ora sul territorio italiano ne operano di diversi, composti da avvocati, economisti, notai e specialisti di altri rami. Delegando il lavoro a loro si potrà risparmiare molto tempo, in contempo occupandosi di aspetti più pratici. Prima ancora di avventurarsi alla scoperta (e all'utilizzo) dei paradisi fiscali mondiali, è meglio imparare a conoscere le relative normative in termini di legge. Questo per non ritrovarsi delle brutte sorprese dopo. Una buona idea potrebbe essere d'imparare la lingua locale. Perché tanto si sa, che conoscendo la lingua si aprono più possibilità, anche se alla fine dei conti ciò che conta è conoscere bene l'inglese. Il resto verrà sicuramente da sé, con l'esperienza e il lavoro svolto.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere