Scienza e Tecnologie

Consigli utili per scegliere le cartucce più economiche

Spesso la marca della stampante impone l’uso di cartucce specifiche e se è necessario risparmiare occorre reperire cartucce compatibili ed allo stesso tempo economiche, vediamo alcuni consigli in grado di offrire soluzioni adeguate e capaci di risolvere ogni perplessità e problematica.

Cartucce e stampanti 


Per capire i costi delle cartucce o toner è necessario individuare il tipo di stampante posseduta o che si intende acquistare. Le stampanti a getto d’inchiostro utilizzano per il loro funzionamento cartucce che contengono inchiostro liquido e possono essere disponibili in un colore o in più tonalità, mentre nelle stampanti a laser vengono usati i toner composti da una polvere finissima di carbone e di altri materiali altamente tossici. 

Come scegliere le cartucce


Se si sceglie di acquistare una cartuccia prodotta dalla casa madre il prezzo sarà più elevato rispetto a quello di cartucce alternative e compatibili facilmente adattabili ad ogni stampante anche se prodotte da altri marchi. Il risparmio qua può arrivare fino all’80% ma è necessario prestare attenzione ad elementi come l’etichetta e quindi capire se la cartuccia è adatta alla stampante sia quanto a grandezza del serbatoio che riguardo al grado di pigmentazione posseduto dal prodotto. E’ indispensabile controllare la certificazione di garanzia della cartuccia e quindi l’indicazione delle sigle ISO o STMC. Si possono acquistare anche cartucce rigenerate ossia ricaricate d’inchiostro in seguito all’esaurimento dello stesso, si tratta di un metodo alternativo, ecologico e conveniente per l’acquirente dal punto di vista economico.

Altri consigli utili


Un suggerimento è sempre valutare l’uso a cui è destinata la stampante in fase di acquisto infatti se è destinata ad un uso professionale è consigliabile affidarsi ad un marchio conosciuto ed affidabile anche se maggiormente oneroso. E’ da sottolineare inoltre che i possessori di stampanti più datate hanno meno difficoltà a reperire sul commercio cartucce compatibili e a prezzi molto convenienti rispetto a quelli proposti per le cartucce moderne. Altro consiglio per ottenere un risparmio maggiore consiste nel controllare adeguatamente l'effettiva riserva rimanente nella cartuccia in caso di segnalazione dalla stampante che l'inchiostro è esaurito,  infatti spesso è presente ancora una percentuale da sfruttare prima della sostituzione. E' bene ricordare poi che la stampa è un operazione che ha un certo impatto sull'ambiente ed è quindi opportuno utilizzare questi sistemi in modo cosciente e per lo stretto indispensabile. Quando si cerca una cartuccia compatibile è sempre meglio rivolgersi a un esperto specializzato che sappia indirizzare la scelta del cliente verso il prodotto adatto alla propria stampante evitando di acquistare cartucce che per dimensione o per qualità del pigmento non si adattano al tipo di stampante posseduta; in commercio è possibile trovare delle cartucce low cost che corrispondono a criteri di alta qualità e definizione della stampa.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere