Economia e Lavoro > Finanza

Consulenti finanziari costretti a cambiare ruolo per i clienti: più psicologi che esperti

Il panico da coronavirus ha imposto un necessario cambiamento nell'approccio con il risparmiatore

La crisi innescata dal coronavirus ha portato i consulenti finanziari ad una diversa interpretazione del proprio ruolo. Mai prima d'ora avevano dovuto svolgere le funzioni di veri e propri psicologi rispetto ai propri clienti. Questo vale sia per gli indipendenti che per quelli al servizo di banche e grandi istituzioni finanziarie.

Una veste nuova per i consulenti finanziari

Bisogna considerare la base di partenza di questa nuova necessità. I risparmiatori, oltre a dover gestire come tutti lo stravolgimento della loro quotidianità, hanno dovuto anche affrontare la paura di vedere i loro risparmi andare in fumo a causa del Covid. Chi aveva investito nei mercati azionari a gennaio faceva festa, appena 40 giorni dopo sudava freddo nel vedere il tracollo dei listini di tutto il mondo. E chiaramente, tutti hanno voluto essere aggiornati e rassicurati dai propri consulenti finanziari.

Il triplo lavoro

Per questi ultimi il lavoro è stato triplo. Da una parte si sono dovuti barcamenare in una situazione di mercato del tutto inedita, difficilmente paragonabile anche alle crisi precedenti. In secondo luogo, hanno dovuto rimodulare i loro sistemi di comunicazione con la clientela. Niente contatti fisici, ma solo canali digitali. Infine, hanno dovuto rassicurare il più possibile i clienti, chiaramente in preda al panico e propensi a fissare degli sell stop order nella convinzione che uscire dal mercato possa evitare ulteriori disastri. I loro investimenti, messi a dura prova da mercati impazziti, li facevano tremare.

Una questione di fiducia

Secondo alcune recenti indagini, il 72% dei consulenti finanziari ha dovuto attivarsi per rispondere o contattare in modo sollecito i clienti più preoccupati. Spesso lo hanno fatto anche a prescindere dagli ordini di "scuderia" della propria mandante. La telefonata è stato il mezzo più utilizzato (62%), seguono email e più indietro messaggi. Questo a testimoniare che la voce più rassicurare molto di più di quanto possa fare un freddo messaggio. Dalla stessa indagine emerge poi che, più che focalizzarsi su questioni tecniche, i consulenti fiscali hanno ricordato ai clienti che tutte le grandi crisi siano state sempre foriere di opportunità. E aggiungiamo noi, è proprio nei momenti di difficoltà che si costruisce la fiducia e si stabilisce un senso di appartenenza, che poi è il collante di qualsiasi relazione.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere