Economia e Lavoro > Finanza

Cos’è e quando è nato il trading online

Il trading online, noto anche con il suo acronimo inglese TOL, consiste nella vendita e nell’acquisto di vari strumenti finanziari attraverso i canali di internet. Soffermandoci sul nostro paese, il trading online è arrivato in Italia nel 1999: nello stesso periodo nasce il “Nuovo Regolamento Consob di attuazione del Testo Unico dei mercati finanziari”, con lo scopo di regolamentare gli aspetti del trading.

 

Le caratteristiche

Il trading online, come già accennato, permette la compravendita via internet di strumenti finanziari tra cui titoli di stato, obbligazioni, azioni, ecc. Eseguire queste operazioni online comporta molti vantaggi in quanto i costi di commissione che di solito spettano all’investitore vengono decisamente abbattuti e, inoltre, questo ha la possibilità di potersi tenere costantemente informato sull’andamento dei titoli o sulla borsa in generale: ciò gli permette, quindi, di poter prendere le giuste scelte sui suoi investimenti. Ovviamente, il trading online permette agli investitori di operare in tanti e diversi modi.

Le tipologie

Esistono diverse tipologie di trading, ognuna con delle caratteristiche specifiche.

Se si opera sulla base della tempistica, si parla di scalping, cioè l’apertura e la chiusura delle posizioni su diversi prodotti finanziari comprese in un breve periodo di tempo: chi decide di operare nell’arco di tempo di 24 ore viene definito day trader; al contrario, chi sceglie di operare nel mercato durante la cosiddetta fase “random” è definito open.

Esiste, inoltre, la negoziazione detta ad alta frequenza: questa avviene attraverso l’utilizzo di algoritmi particolari che permettono di eseguire operazioni e modificarle a una velocità molto elevata. Il tutto viene esaminato e controllato dalle autorità competenti, in quanto tali operazioni possono deviare il naturale percorso e svolgimento delle negoziazioni stesse. A queste operazioni ad alta frequenza vengono associati i flash orders: si tratta di particolari sistemi in grado di anticipare i tempi di chi opera in maniera “tradizionale”; inoltre, questi attuano varie strategie volte a simulare situazioni di mercato al fine di portare gli operatori ad adottare delle operazioni errate, come risultato di risposta a degli stimoli che però non sono reali.

I rischi che si possono correre

Se il trading online ha i suoi vantaggi, allo stesso tempo questo comporta dei rischi. In Italia, ad esempio, esistono, a tal proposito, diverse società che offrono delle utili piattaforme ai vari investitori. Dal momento che si parla di investimenti, e dunque di denaro, è bene cercare di informarsi a priori prima di affidarsi a una di queste piattaforme. Come già detto, il trading comporta dei rischi quindi è opportuno assicurarsi che le piattaforme siano correttamente regolamentate dalla CONSOB, per evitare di ritrovarsi nel bel mezzo di qualche truffa.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

I paradisi fiscali europei

I paesi membri dell'Ue e le istituzioni si stanno muovendo per risolvere l'annoso problema dell'evasione fiscale e dell'elusione fiscale sempre in agguato.
Cosa significa paradiso fiscale   Un paese viene detto paradiso fsale se offre agevolazioni fiscali e/o se le sue pratiche finanziarie non rispettano le norme di trasparenza e controllo dettate dagli altri stati agevolando evasione o violazione dei principi di concorenza leale e responsabilità [...]

Continua a leggere

Le banche off shore

La maggior parte delle persone ha sentito parlare e sa cosa sia un conto off shore, ma considerandolo come una realtà molto lontana da sé non ne conosce le caratteristiche e le procedure sulle modalità di apertura Vantaggi di una banca off shore Aprire un conto in una banca off shore non è una procedura così semplice e immediata come avviene per le banche tradizionali.
Queste particolari tipi di banche, che vengono chiamate off shore perché hanno [...]

Continua a leggere

Malta è un paradiso del fisco

Malta: piccola isoletta nel bel mezzo del Mar Mediterraneo, piccolo paradiso fiscale, meta preferita non solo dagli italiani, ma anche da tantissimi altri investitori stranieri.
La terra promessa di chi vuole liberarsi di tassazioni Il paradiso fiscale Malta non è così nuovo per gli italiani, che nella vicina isoletta hanno spesso trovato il terreno fertile per istituire e far crescere il proprio business.
Molti degli investitori non hanno mai me [...]

Continua a leggere