Economia e Lavoro > Finanza

Cos’è e quando è nato il trading online

Il trading online, noto anche con il suo acronimo inglese TOL, consiste nella vendita e nell’acquisto di vari strumenti finanziari attraverso i canali di internet. Soffermandoci sul nostro paese, il trading online è arrivato in Italia nel 1999: nello stesso periodo nasce il “Nuovo Regolamento Consob di attuazione del Testo Unico dei mercati finanziari”, con lo scopo di regolamentare gli aspetti del trading.

 

Le caratteristiche

Il trading online, come già accennato, permette la compravendita via internet di strumenti finanziari tra cui titoli di stato, obbligazioni, azioni, ecc. Eseguire queste operazioni online comporta molti vantaggi in quanto i costi di commissione che di solito spettano all’investitore vengono decisamente abbattuti e, inoltre, questo ha la possibilità di potersi tenere costantemente informato sull’andamento dei titoli o sulla borsa in generale: ciò gli permette, quindi, di poter prendere le giuste scelte sui suoi investimenti. Ovviamente, il trading online permette agli investitori di operare in tanti e diversi modi.

Le tipologie

Esistono diverse tipologie di trading, ognuna con delle caratteristiche specifiche.

Se si opera sulla base della tempistica, si parla di scalping, cioè l’apertura e la chiusura delle posizioni su diversi prodotti finanziari comprese in un breve periodo di tempo: chi decide di operare nell’arco di tempo di 24 ore viene definito day trader; al contrario, chi sceglie di operare nel mercato durante la cosiddetta fase “random” è definito open.

Esiste, inoltre, la negoziazione detta ad alta frequenza: questa avviene attraverso l’utilizzo di algoritmi particolari che permettono di eseguire operazioni e modificarle a una velocità molto elevata. Il tutto viene esaminato e controllato dalle autorità competenti, in quanto tali operazioni possono deviare il naturale percorso e svolgimento delle negoziazioni stesse. A queste operazioni ad alta frequenza vengono associati i flash orders: si tratta di particolari sistemi in grado di anticipare i tempi di chi opera in maniera “tradizionale”; inoltre, questi attuano varie strategie volte a simulare situazioni di mercato al fine di portare gli operatori ad adottare delle operazioni errate, come risultato di risposta a degli stimoli che però non sono reali.

I rischi che si possono correre

Se il trading online ha i suoi vantaggi, allo stesso tempo questo comporta dei rischi. In Italia, ad esempio, esistono, a tal proposito, diverse società che offrono delle utili piattaforme ai vari investitori. Dal momento che si parla di investimenti, e dunque di denaro, è bene cercare di informarsi a priori prima di affidarsi a una di queste piattaforme. Come già detto, il trading comporta dei rischi quindi è opportuno assicurarsi che le piattaforme siano correttamente regolamentate dalla CONSOB, per evitare di ritrovarsi nel bel mezzo di qualche truffa.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere