Economia e Lavoro > Finanza

Cos'è il famoso Panama Papers


Il nome Panama Papers è associato alla pubblicazione di documenti confidenziali che venivano custoditi presso lo studio legale Massack Fonseca con sede a Panama. Questo fascicolo contiene circa 11,5 milioni di documenti pari a 2,6 terabyte di spazio digitale e sono tutti relativi a conti di società offshore. dato che si sa che c'è il segreto bancario delle banche di Panama. Queste carte coprono un arco temporale che va dagli anni 70 fino al 2015 ed interessa vari paesi del mondo come Islanda, Ucraina ed Emirati Arabi Uniti. Questi documenti estrapolati mediante l'utilizzo di mail e chat criptate e consegna in forma anonima al Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi. Lo studio legale coinvolto era già stato soggetto a fughe di notizie, ma la quantità di informazioni fuoriuscite nel 2015 supera di molto tutti i problemi precedenti.


Lo studio legale Massack Fonseca
Questo studio legale con sede a Panama venne fondato nel 1977 con lo scopo di fornire consulenze legali in ambito finanziario. Dal momento della sua apertura, molte delle più grandi aziende internazionali usufruirono dei servizi proprio per poter poi depositare i propri capitali a Panama, uno dei paradisi fiscali per eccellenza dato che vige il segreto bancario delle banche di Panama. Con il tempo questa compagnia si è espansa fino ad arrivare all'apertura di 40 studi legali sparsi in tutto il mondo che contano circa 500 dipendenti. Prima dello scandalo del Panama Papers, Massack Fonseca veniva citato come uno degli studi legali che garantiva il massimo segreto finanziario per società e conti offshore.


Personalità coinvolte nel Panama Papers
Numerosi paesi in tutto il mondo e diverse società sono state interessate dal caso Panama Papers e, quindi, moltissime personalità pubbliche. Il caso che ha fatto più scalpore è stato probabilmente il nome del Primo Ministro Islandese Sigmundur Davio Gunnlaugsonn che ha contribuito al fallimento di banche nel suo paese mediante l'uso di società offshore.

Anche il padre dell'ex Primo Ministro inglese, David Cameron, era presente sulla lista di nomi coinvolti così come il cognato del Presidente Cinese Xi Jinping. Più controverso, invece, è il nome di Vladimir Putin che non compare mai sulla lista che piuttosto mostra i nomi di suoi tre amici e che secondo la rivista ""The Guardian"" non avrebbero potuto raggiungere un successo economico senza l'appoggio del Presidente Russo. Nella lunga lista del Panama Papers che hanno versato denaro col segreto bancario delle banche di Panama compaiono anche personalità legate al mondo del calcio come Michel Platini (ex presidente della UEFA), il giocatore Lionel Messi ed anche il vicepresidente della squadra di calcio Barcellona, Carles Villarubì. All'interno dei documenti compare anche un conflitto di interessi tra la FIFA e l'ex presidente Eugenio Figueredo.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il segreto bancario delle banche di Panama

Tra i vari paradisi fiscali presi maggiormente in considerazione, Panama è sicuramente uno dei più gettonati, anche grazie ad una legislazione particolarmente interessante sia dal punto di vista della gestione di servizi bancari offshore che per quanto riguarda lo svolgimento dei propri affari.
L'allineamento agli standard dell'OCSE Benché questo paese dell'America Centrale garantisca ancora una buona copertura a chi vi svolge attività di tipo fi [...]

Continua a leggere

Aprire conti correnti su banca offshore

Aprire un conto corrente su banca offshore è un tipo di operazione meno complessa di quanto si possa immaginare.
Ecco come procedere in modo corretto e concreto.
L'apertura del conto: fase iniziale Aprire questo particolare conto non rappresenta un tipo di operazione complessa ma, trattandosi di un procedimento importante, occorre cercare ovviamente di evitare di muoversi senza essere adeguatamente informati sulla situazione.
Bisogna infatti mett [...]

Continua a leggere

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere