Edilizia e Costruzioni

Cos’è una scaffalatura cantilever e a cosa serve

La scaffalatura cantilever è la soluzione ideale per i magazzini che devono stoccare oggetti lunghi e pesanti.

Chi ha un magazzino e deve stoccare merci lunghe e pesanti si sarà sentito proporre una scaffalatura cantilever. Di cosa si tratta esattamente? Di una struttura in acciaio molto salda e resistente, pensata appositamente per tubi, tavole, profilati, lamiere, matasse e travi.

Questa scaffalatura, infatti, permette una perfetta sistemazione orizzontale, grazie ai suoi bracci, sui quali i carrelli elevatori possono caricare la merce.

L’altro grosso vantaggio è dato dalla possibilità di utilizzare la struttura sia all’esterno che all’interno, una comodità non indifferente per le logiche dell’edilizia.

 

Capacità di carico

Dal momento che i materiali stoccati possono avere un peso diverso, a seconda del materiale di cui sono composti, la scaffalatura cantilever può essere montata in versione leggera o pesante, a seconda delle esigenze.

Generalmente, il limite di carico è di 8 tonnellate per lato.

 

Tipologie

Una scaffalatura cantilever può essere:

  • Monofronte, ossia con un solo lato. Viene installata al muro, ottimizzando l’uso degli spazi. Può essere spostata.
     
  • Bifronte, ossia con due lati. Questa versione è consigliata per occupare gli spazi centrali del magazzino.
     

In sostanza, questa struttura si presenta come estremamente versatile e resistente, ideale per recuperare spazio all'interno del magazzino e per facilitare lo stoccaggio e la movimentazione di merci generalmente scomode e ingombranti.

Le scaffalature cantilever di Dalmine LS

Dalmine LS, azienda specializzata nella realizzazione di supporti per la logistica, fornisce una linea di scaffalatura cantilever altamente versatili e caratterizzate da:

 - colonne con altezze da 2.025 a 6.000 mm;

- bracci in acciaio verniciato, con profondità da 400 a 1.500 mm;

- possibilità di avere configurazioni mono e bi-fronti;

- interasse standard delle colonne da 750 a 2.000 mm;

- passo regolabile in altezza di 75 o 100 mm;

- possibilità di inserire degli stop sui bracci per prevenire la caduta accidentale del carico


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Progettazione di edifici passivi: la nuova frontiera del comfort abitativo

Gli edifici passivi (Passive House) sono costruzioni che assicurano il benessere termico senza produrre energia sfruttando i combustibili fossili, o comunque utilizzandoli in maniera trascurabile.

Gli edifici passivi sono chiamati in questo modo perché la somma degli apporti passivi di calore dell'irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore interno generato dagli elettrodomestici e dagli occupanti stessi sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell'involucro durante la stagione fredda.
  Ma allora, come funziona una casa passiva? Un edificio passivo ricava l’energia necessaria a pareggiare il bilancio termico con siste [...]

Continua a leggere

Progettazione casa: lo studio a cui rivolgersi

Quando si prende l’importante decisione di mettere su casa è importante rivolgersi a degli esperti del settore che comprendano le nostre esigenze e ci guidino nelle giuste scelte.
Non stiamo infatti parlando solo di un impegno in termini economici, ma che può influire sulla buona riuscita del nostro progetto e sulla nostra vita in generale.
Sappiamo infatti che non c'è niente di più intimo della propria bitazione.
Ma come riconoscere un buon stud [...]

Continua a leggere

Fonderie Evolution

Pressofusione leghe leggere

Attualmente, le leghe leggere rivestono grande importanza nella produzione di diversi componenti per i quali il mercato richiede prodotti che presentano un'elevata resistenza alle sollecitazioni ed un peso ridotto.
Le leghe più importanti a questo scopo sono le leghe di alluminio, che stanno sostituendo man mano componenti più pesanti realizzati in materiali come l'acciaio, consentendo anche uno sviluppo verso l'alto di nuovi materiali, tecniche [...]

Continua a leggere