Economia e Lavoro > Finanza

Cosa è l'Oro Usato

parlando di oro usato non si intende come avviene per altri beni o prodotti di qualcosa che ha perso la sua piena funzionalità o il suo valore intrinseco

Da qualche anno con l'affermazione del settore dei compro oro si è sentito spesso parlare di oro usato, in realtà l'oro inteso come metallo è un bene che non si deteriora o si distrugge, parlando di oro usato non si intende come avviene per altri beni o prodotti di qualcosa che ha perso la sua piena funzionalità o il suo valore intrinseco.
Parlando di oro usato si intende tutto l'oro che è stato in qualche modo lavorato ad esclusione dei lingotti realizzati ed emessi da banchi dei metalli certificati, che ne dichiarano per mezzo di una certificazione ufficiale la purezza prossima al 100% e che vengano comunemente chiamati a 24 carati.
I carati sono un’unità di misura che viene calcolata su base numerica 24, dove un carato corrisponde alla ventiquattresima parte di oro presente su un oggetto realizzato per mezzo di una lega aurea, le leghe auree sono necessarie per dare a questo metallo troppo morbido le caratteristiche idonee alla realizzazione di oggetti e gioielli che dovranno sostenere l’impatto di un utilizzo quotidiano. 
L'oro presente nei lingotti d'oro a 24 carati viene considerato oro nuovo in quanto è dimostrabile previo garanzia del banco dei metalli che questo sia puro e non lavorato successivamente alla sua emissione, grazie  a questo il prezzo che sarà pagato in questo caso equivale al prezzo dell'oro del momento che prende come riferimento la quotazione dell'oro in borsa.
Al di fuori dei lingotti e di qualche moneta da investimento nella quale viene certificata la purezza dell'oro per mezzo dell'unità di misura dei carati, tutto il resto dei gioielli o degli oggetti in oro vengano classificati come oro usato, in quanto per poter ottenere oggetti durevoli è necessario fondere l'oro con altri metalli, che variano a seconda dell'utilizzo o delle caratteristiche estetiche dell'oggetto in questione.
Generalmente gioielli ed altri monili in oro vengano realizzati per mezzo di una lega aurea che corrisponde ai 18 carati, che equivalgono ad una quantità di oro puro del 75%, l'oro presente in questi gioielli viene considerato usato in quanto per essere eventualmente riutilizzato per altri scopi necessita di lavorazioni che lo portino ad essere nuovamente oro puro al 100%.
Queste lavorazioni di riconversione in oro puro hanno un costo che incide sul valore di questi oggetti, che nel caso fossero rivenduti perdano del valore necessario a coprire le spese da sostenere per divenire nuovamente oro puro, che potrà essere così rimesso sul mercato al prezzo dell'oro nuovo secondo la quotazione dell'oro in borsa del momento.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il no profit dalle organizzazioni all’economia solidale

Le organizzazioni no profit e l’economia solidale

Il no profit è detto di una società, di un’istituzione o di una fondazione che fornisce servizi a livello sociale, non appropriandosi degli utili che ricava dalle sue attività, ma assegnandoli ad altri progetti sempre a vantaggio della comunità.
Queste attività fanno parte del terzo settore, a cui nella società di oggi si dà molta importanza.
Agire senza scopo di lucro è visto come un ideale nobile, che vuole mettere a disposizione della società [...]

Continua a leggere

Investimenti finanziari pianificati per un minor rischio

Chi non vorrebbe guadagnare buone somme di denaro rischiando poco, se non quasi nulla del proprio capitale? Sembrerebbe un racconto di fantascienza, ma così non è ...
  Il 2017 è l'ennesimo anno in cui si conferma la crisi economica, ma quale sono in realtà le possibilità d'investimento? Purtroppo, anche il 2017, e le previsioni a medio e breve termine non smentiscono le tendenze, appare ancora una volta come anno transitorio.
tutt'ora pensare ad [...]

Continua a leggere

Lista dei paradisi fiscali meno rischiosi

I paradisi fiscali sono tutti quegli Stati che hanno deciso di adottare un regime di imposizione fiscale più basso o addirittura assente rispetto ad altri paesi.
In questo modo attirano una grande quantità di capitale estero assicurando in cambio una tassazione parecchio ridotta.
  Perché si sceglie un paradiso fiscale Oltre ad avere una bassa imposizione fiscale, la convenienza di stabilire la propria azienda in uno dei cosiddetti paradisi fisca [...]

Continua a leggere