Servizi

Cosa sono le urne biologiche

Il lutto è sempre un evento traumatico, il tempo solitamente sana tutte le ferite, ma ci sono anche altre cose che possono portare un sollievo nel cuore delle persone che restano. Per molti il conforto della fede è di grande aiuto, il conforto nel credere in una qualsiasi forma di continuità della vita sotto altre forme – come una sorta di “samsara” buddista, una reincarnazione o anche una vera e propria resurrezione – è per alcuni una possibile “realtà”. Le urne biologiche appartengono a questa realtà, perché sono biodegradabili e al loro interno è possibile riporre un seme di un albero che vi crescerà al suo interno. L’idea nasce in Spagna, ma è stata adottata anche in molte grandi città italiane come Roma: ora è possibile allestire funerali a Roma, chiedendo per il proprio caro estinto questa opportunità.

In cosa consiste l’urna biologica

La pratica è classificabile come una tipologia di sepoltura ecologica o – con il termine inglese “green burials” – per quanti prediligono la formula della cremazione o dell’ “acquamazione” e possono tumulare il caro estinto direttamente nella nuda terra.
A seguito della riduzione in cenere del corpo del defunto, queste ultime vengono riposte in particolari urne composte di cellulosa, torba, gusci di cocco e altri materiali biodegradabili. All’interno dell’urna con le ceneri si ripone il “seme” di una pianta particolarmente cara a noi o al defunto o che in qualche modo ce lo ricorda. Il seme utilizzerà le ceneri come humus per attecchire e l’urna stessa biodegradabile fornirà i nutrienti per far nascere la pianta.
L’idea che dalla morte possa nascere nuova vita, un albero forte e longevo, una pianta carica di significati è consolatorio per chiunque, per quanto l’idea possa suscitare qualche remora. È, indubbiamente, una pratica eco-sostenibile che contribuisce anche al ciclo vitale del nostro Pianeta. Come diceva Eraclito: «tutto cambia, tutto si trasforma, ma nulla si distrugge» e in fondo non facciamo altro che camminare letteralmente sulle orme di chi ci ha preceduto.

Per quanto sia pittoresco o romantico, la pratica delle sepolture “ecologiche” in Italia devono, comunque, sottostare alle normative vigenti, in particolar modo la cremazione deve essere espressa chiaramente dal defunto in un testamento o palesemente conclamato in più occasioni e in presenza di testimoni, inoltre la dispersione delle ceneri in natura ha regolamenti diversi in base al comune di appartenenza.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

6 consigli per evitare lo stress del viaggio e godersi le tanto meritate vacanze

È stato un anno particolarmente stancante e avete deciso di riprendere fiato e partire per un viaggio insieme alla volta della Capitale romana?

Partire insieme per una vacanza potrà essere una delle esperienze più belle o più terrificanti della vostra vita, poiché spesso e volentieri un viaggio può risultare stancante e stressante, ed ecco un vademecum per evitare che torniate più stanchi e stressati di prima.
1) Fare una to do list del viaggio Riservate un’ora del vostro tempo per pensare a tutto quello di cui avrete bisogno di preparare prima della partenza.
Lasciate una copia della li [...]

Continua a leggere

Come riconoscere un buon servizio di assistenza informatica

Il servizio di assistenza informatica è il principale alleato delle aziende contro i guasti e gli imprevisti. Ecco perché deve essere scelto con cura.

Sono le 17:50 di venerdì sera, stai per stampare l’ultimo report da presentare al capo e… nessuna stampa.
La macchina è guasta.
E allora, chi chiamerai? No, non gli acchiappa fantasmi, più probabilmente l’assistenza informatica, tuo angelo custode telefonico.
Ma in situazioni come queste, di stress e frustrazione, l’ultima cosa che vuoi è che la persona all’altro capo del telefono non prenda con la giusta serietà il tuo problema.
E fidati, se non [...]

Continua a leggere

Come scegliere l’abbigliamento promozionale migliore per la vostra azienda

L’abbigliamento promozionale dice tanto dell’immagine dell’azienda e deve essere scelto con attenzione.

L’abito non fa il monaco… a parte quando si parla di abbigliamento promozionale! Eh già, perché sia che si tratti dell’outfit dei vostri standisti, sia che si tratti di omaggi per i vostri clienti, l’ultima cosa che potete permettervi è che il vostro logo sia su indumenti brutti o che non rappresentano lo spirito dell’azienda.
   Pensate alle persone che indossano i vostri articoli promozionali come a tanti testimonial: loro porteranno in giro il [...]

Continua a leggere