Edilizia e Costruzioni

Cosa sta facendo l’edilizia contro i cambiamenti climatici?

Il clima cambia, in peggio: dobbiamo farcene una ragione. Ma non dobbiamo rassegnarci a soccombere: è ora di mutare radicalmente il modo di vivere, consumare, costruire.

Il clima sta cambiando, nonostante c’è ancora chi sostiene il contrario: non è a rischio la vita del pianeta, ma quella degli esseri umani. Tutti, nel nostro piccolo, dobbiamo fare qualcosa per fermare il declino e garantire alle generazioni future una vita degna di essere vissuta e risorse sufficienti.

Ma soprattutto, dobbiamo insegnare alle nuove generazioni a non compiere gli sbagli che abbiamo fatto noi: dobbiamo tramandare l’etica del vivere, il rispetto dell’ambiente e delle persone e le tecniche affinché tutto questo sia realizzabile.

Il buon esempio individuale è necessario, così come lo sono le politiche nazionali e internazionali: solo attraverso le leggi e le direttive comunitarie possiamo stabilire una volta per tutte che non dobbiamo porre riparo all’urgenza, ma dobbiamo costruire un mondo in cui l’urgenza sia prevista ed evitata.

Sono molte le industrie e i settori lavorativi che devono applicare una seria svolta nel loro modus operandi: tra queste c’è l’edilizia, che deve garantire una casa ecosostenibile ai 7 miliardi di abitanti del pianeta. Qualcosa si sta muovendo, anche in Italia, sempre fanalino di coda quando si parla di innovazione, ricerca e sviluppo.

In Emilia-Romagna, esattamente un anno fa, veniva inaugurata Casa sul Parco, un edificio a bassissimo impatto energetico, progettato e costruito secondo le direttive europee EPBD del 2010 (2010/31/UE), che hanno stabilito che in Europa, a partire dal 2021, si potranno costruire solo edifici a energia quasi zero, meglio conosciuti come NZEB, acronimo che sta per Nearly Zero Energy Building.

Caratterizzati da una completa autosufficienza energetica, dall’utilizzo di fonti rinnovabili e dall’integrazione di strumenti di domotica che permettono di azzerare quasi completamente il consumo di energia per riscaldamento, raffreddamento, produzione di acqua calda sanitaria ed elettricità, gli edifici certificati passivi sono ciò che può veramente trasformare l’edilizia.

L’obiettivo delle direttive europee è quello di rendere più efficiente il patrimonio edilizio attualmente responsabile di circa il 40% del consumo globale di energia in Europa. In media, considerando il patrimonio edilizio esistente, costruito per la maggior parte senza particolari tecniche di risparmio energetico, il consumo per riscaldamento e acqua calda varia attualmente tra i 200 ed i 400 kWh/mq all’anno. Gli edifici NZEB dovrebbero raggiungere un livello molto più basso almeno 30 kWh/mq all’anno!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Tunnel agricoli permessi: tutto quello che devi sapere

Nel momento in cui si pensa di acquistare un tunnel in pvc come copertura agricola, è necessario seguire un iter preciso in cui ci sono molti da rispettare.
Scopriamo insieme tutto quello che c'è da sapere.
Cosa sono i tunnel agricoli I tunnel agricoli in pvc sono strutture studiate per venire incontro alle esigenze di tutti coloro che operano nel mondo agricolo o zootecnico.  Si tratta di coperture utili per le aziende che hanno bisogno di ulter [...]

Continua a leggere

Sostituzione caldaia

A chi rivolgersi

Quanto costa la manutenzione ordinaria della caldaia? Se ti stai chiedendo quali sono i Costi Idraulico Roma e stai cercando un Idraulico Economico Roma o un Idraulico Roma Pronto Intervento, allora devi sapere che il costo della manutenzione ordinaria della caldaia va dai 60 agli 80 euro.
Il prezzo sale oltre i 100€ se, invece, si vogliono verificare le emissioni.
Tuttavia, l’Assistenza Caldaie Roma comprende altre spese a cui pensare dopo aver [...]

Continua a leggere

Cos’è un edificio a energia quasi zero?

Un edificio NZEB (Nearly Zero Energy Building) è un edificio che consuma pochissima energia. Le qualità di un edificio simile sono numerose, sia per i suoi abitanti che per l’ambiente: vediamone alcun

Nearly Zero Energy Building, ovvero edificio a energia quasi zero: così viene definita una costruzione che consuma pochissima energia per il riscaldamento, il raffrescamento, la produzione di acqua calda sanitaria, la ventilazione e l’illuminazione.
Non un’utopia, ma una realtà che interessa sempre più città in Italia e in Europa.
Il Parlamento Europeo ha introdotto una direttiva, la 31/2010/CE, che definisce le caratteristiche degli edifici NZEB [...]

Continua a leggere