Scienza e Tecnologie

Cosmesi green: le previsioni per il 2019 secondo Ecovia Intelligence

Le prospettive del mercato cosmetico per il 2019 sono buone: la scommessa è sul green e nella produzione di cosmetici “etici”, per un consumo consapevole e non dannoso per l’ambiente.

Le previsioni per il 2019 di Ecovia intelligence, società di ricerca, consulenza e formazione nel settore dei prodotti etici, ci parlano di un settore cosmetico fortemente orientato verso una produzione green, etica, ecosostenibile. La cosmesi green è sempre più globale: la crescente domanda, prima in Europa e poi in Nord America, di cosmetici naturali e biologici, ha effettivamente modificato l’offerta.

Secondo il rapporto della società di ricerca, infatti, nel 2017 il settore cosmetico ha raggiunto un fatturato globale pari a 10,2 miliardi di dollari (+6% rispetto all’anno precedente). L’America del Nord è il principale mercato di cosmesi naturale e biologica del mondo, seguito da quello europeo. Nel nostro Vecchio Continente sul podio troviamo la Germania al primo posto, seguita da Francia e Italia.

Cosmetici “puliti” e cruelty free

La scelta dei consumatori è orientata dal desiderio di maggiori garanzie sulle materie prime adoperate e sull’impatto ambientale dei prodotti. Di qui il boom delle richieste di materiali bio e una grande attenzione agli imballaggi.

“Un numero crescente di aziende sta studiando materiali sostenibili e/o un approccio di eco-design”, scrive Ecovia Intelligence. “Le aziende di prodotti cosmetici e di ingredienti continueranno a investire nell'approvvigionamento sostenibile di materie prime ed è probabile che vengano introdotti più schemi di sostenibilità per i singoli ingredienti, nonché per le pratiche di approvvigionamento”.

L’analisi prevede un aumento delle etichette etiche sui prodotti cosmetici, attraverso schemi di certificazione che garantiscono il rispetto di standard come vegan, no-ogm, cruelty free, eco-bio.

Le aziende che si occupano di produzione di prodotti cosmetici nel mondo, sia per i propri brand per in conto terzi, stanno creando delle vere e proprie divisioni interne dedicate alla bellezza “pulita”; la previsione di mercato ci dice che presto in Nord America e in Europa verranno aperti nuovi canali di vendita per i cosmetici green.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere

Logistica: il ruolo della tecnologia nel modello just in time

Come ormai tutti i settori più tradizionali, anche la logistica sembra essersi convertita alla tecnologia.
Numerosi sono infatti i vantaggi che il settore può riscontrare dall’impiego di soluzioni tecnologiche e digitali nelle attività di tutti i giorni.
Prima di convertirsi in toto all’innovazione è però fondamentale essere ben consapevoli dei rischi che si possono correre   Logistica 4.0: più efficienza e maggiore controllo La logistica del fut [...]

Continua a leggere

Rugged: i telefoni industriali pronti a tutto

Telefoni industriali per le condizioni più estreme   Non tutte le professioni prevedono una scrivania e una comoda sedia.
Alcune infatti si svolgono all’aria aperta, in ambienti pieni di polveri, sottoposti a intemperie o persino in immersione.
Edilizia, agricoltura e meccanica sono solo alcuni esempi.
Ecco perché per alcune di queste esistono dispositivi adeguati, in grado di sopportare qualsiasi condizione ed essere sottoposti a ogni tipo di st [...]

Continua a leggere