Economia e Lavoro > Finanza

Costituire una società a Londra

Il momento giusto per aprire una società

Chi desidera vivere nel territorio londinese e guadagnare attraverso un'attività, può farlo costituendo una società a Londra.
Tuttavia, nel momento in cui ci si avventura all'estero è importante conoscere le esatte informazioni, al fine di non imbattersi in agenzie che promettono opportunità inesistenti.
Ci sono alcune persone che, ingenuamente, si sono fidate, ma hanno dovuto rinunciare presto alle loro ambizioni perché hanno intrapreso un metodo errato e non hanno saputo approcciare con i vari doveri burocratici che impone il Regno Unito.
Purtroppo, la situazione politica del nostro paese non sempre permette ai giovani imprenditori di realizzare i propri progetti.
Molti cercano di sfruttare i paesi esteri, sottovalutando i pericoli ed i rischi che ci sono in un'attività imprenditoriale che impone norme che non si conoscono a sufficienza.
Al fine di evitare inutili spese, è meglio informarsi adeguatamente prima di compiere ques'importante passo.

I professionisti che occorrono

Non sempre occorrono nell'immediato dei commercialisti o degli avvocati e prima di avvalersi di questi professionisti, si dovrebbe aspettare almeno un anno dall'inizio dell'attività.
E' chiaro che non tutti gli imprenditori adottano queste regole e bisogna valutare per determinare se ci si deve avvalere del servizio subito o in un secondo step.
Molte persone che aprono una società a Londra ritengono che, almeno durante il primo anno, questo servizio sia inutile e preferiscono realizzare dei profitti e rimandarlo al secondo anno di attività.
La materia va approfondita con cura, dopo la conferma degli uffici pubblici e studi sul marketing e sull'acquisizione clienti.
Se si ha intenzione di rivolgersi ad un'agenzia che spiani il percorso, bisogna fare estrema attenzione a trovarne una seria ed onesta, che non ricarichi costi aggiuntivi, approfittando della non conoscenza dei futuri imprenditori.
Alcune pratiche si possono risolvere autonomamente e in soli due giorni e un'agenzia potrebbe richiedere parecchi euro per un servizio che non è proporzionale alla cifra richiesta.

Come orientarsi

Aprire una società a Londra è una cosa fattibile e semplice se si adotta il giusto sistema.
Assodato che per i primi tempi non ci vogliono avvocati e commercialisti, si può iniziare l'attività cercando di mantenere i costi più bassi possibili.
Il popolo inglese è amante della pubblicità promozionale e una tattica da utilizzare è quella di investire parecchio denaro in promozione.
E' fondamentale aprire un sito internet che susciti interesse, tappezzare le vie cittadine di volantini e manifesti e conviene partecipare a mercati e fiere e anche ad eventi benefici.
E' importante imparare a sufficienza la lingua inglese,magari approfittando dei corsi gratuiti che lo stato britannico mette a disposizione.
Il liberi professionisti, inoltre, non pagano contributi se non al raggiungimento di una certa cifra.
Allo stesso modo, non è necessaria la partita IVA a meno che, la società a Londra non superi un tot di fatturato.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere