Economia e Lavoro > Finanza

Costituzione di una società in Romania

Tempi e costi notevolmente inferiori rispetto l'Italia

La costituzione società in Romania è una pratica decisamente più rapida e semplice rispetto ciò che siamo abituati a pensare in Italia: la burocrazia in Romania è infatti più snella ed evita all’imprenditore lungaggini legate alla produzione di inutili documenti, così come il dover far fronte a tasse eccessive. È sufficiente infatti recarsi presso uno studio commercialista e fornire un documento d’identità in corso di validità, un indirizzo di posta elettronica, il codice Caen e qualche proposta per la denominazione della società. Il commercialista, raccolte tutte le informazioni, si occuperà di elaborare l’atto costitutivo della società, riservare la denominazione d’impresa e produrre la documentazione da firmare. Già il giorno seguente l’ottenimento degli atti è possibile recarsi presso lo studio di un notaio per sottoscrivere lo statuto della società. Ultimate le procedure presso lo studio notarile sarà necessario recarsi in banca e qui depositare il capitale sociale, ovvero sole 60€ (si, hai capito bene, soltanto 60€).

È preferibile farsi accompagnare da un interprete professionista che possa tradurre per noi in italiano in tempo reale tutto ciò che riguarda le pratiche da espletare, con particolare riferimento a quelle dell’ufficio notarile e della banca. Ad ogni modo, tra l’uno e l’altro bisogna considerare che si perderanno non più di due ore, veramente un arco di tempo impensabile se paragonato a quel che succede in Italia quando si prova a costituire una nuova società. Fatto ciò, non rimane altro da fare che depositare la documentazione e attendere una decina di giorni prima che la società sia pronta ad iniziare le sue attività. Esistono addirittura dei servizi pensati appositamente per coloro che hanno necessità di abbreviare ulteriormente i tempi, e garantiscono l’espletamento di tutte le pratiche in soli 3 giorni. Il titolare dovrà solamente recarsi in banca per ritirare le carte di credito ed i codici relativi all’internet banking.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere