Economia e Lavoro

Costo della vita, ecco le città italiane con i rincari maggiori

La classifica dell'Unione Consumatori evidenzia come Bolzano sia la città più cara, ma anche quella dove si vive meglio

Come accade periodicamente, l'Unione Consumatori ha fotografato la situazione del costo della vita, basandosi sui dati ISTAT riguardanti l'inflazione, registrati nel 2018.

La classifica del costo della vita

La città dove in assoluto è salito maggiormente il costo della vita è Bolzano, dove i beni al consumo solo cresciuti dell'1,8%, che equivalgono ad un incremento di spesa media per famgilia di 632 euro. Il capoluogo del Trentino Alto-Adige diventa così la città più cara d'Italia, scavalcando al primo posto Reggio Emilia che ha lo stesso incremento percentuale di prezzi (1,8%) ma che si traducono in una spesa media aggiuntiva di 505 euro. Completa il poco invidiabile podio Forlì/Cesena (+1,7%, spesa di 477 euro).

Va peraltro sottolineato come proprio Bolzano si è da poco confermata in testa anche alla classifica della qualità della vita in Italia (seguita da Trento e Belluno). Praticamente si vive bene, ma si spende anche molto.

Emilia Romagna la regione più costosa

La cosa interessante è che nella TopTen delle città più colpite dal caro vita, ben 4 sono emiliano romagnole. In classifica infatti ci sono anche Ravenna e Bologna. Il rovescio della medaglia sono le città meno care, dove la palma della più economica spetta a Potenza, dove l’inflazione media dello 0,3% comporta solo un aggravio annuo di spesa 63 euro. Se restringiamo l'analisi ai capoluoghi, il più conveniente è Ancona (87 euro).

Tra le città più importanti, Roma si colloca solo verso metà classifica (43esimo posto). Infatti nella Capitale il costo della vita è cresciuto dell'1,1%, comportando così un esborso aggiuntivo per famiglia pari a 266 euro.

Va precisato che sebbene nel corso del 2018 l'inflazione media sia rimasta allo stesso livello del 2017, ovvero +1,2%, quando si tratta di convertire questa piccolo incremento in soldi reali, si comprende che per le famiglie si tratta di rincari che possono peggiorare, in molti casi anche pesantemente, la loro condizione, dato che gli stipendi e le pensioni non sono certo aumentati in misura proporzionale.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Fondi sanitari integrativi, le assicurazioni fanno affari d'oro con la salute pubblica

La Sanità Pubblica fa acqua da tutte le parti, così sempre più persone si rivolgono ai colossi assicurativi

Cresce sempre di più il mercato dei fondi sanitari integrativi, che trovano terreno fertile nelle inefficienze del Sistema Sanitario Nazionale.
In sostanza quello che i cittadini dovrebbero avere gratis dal momento che pagano i contributi, per ottenerlo in tempi ragionevoli e senza sottoporsi a eccessivi stress, devono invece pagarlo di tasca propria.
Il business dei fondi sanitari integrativi Nell'ultimo anno il 44% della popolazione ha richiest [...]

Continua a leggere

Logistica di magazzino efficiente: ecco come

Sei alla ricerca di consigli pratici per una logistica di magazzino efficiente? Qui puoi trovare alcune semplici dritte che possono aiutarti nel lavoro di tutti i giorni

Sappiamo che ormai i ritmi frenetici di lavoro rendono necessario apportare delle migliorie per rendere il flusso delle attività all’interno delle aziende sempre più efficiente.
Ma come riuscire a raggiungere degli ottimi risultati anche nella logistica di magazzino? Prima di tutto, occorre rimanere a ritmo con i tempi: in un’epoca come la nostra sempre più pervasa dalla tecnologia, anche la logistica di magazzino non può essere da meno.
Occorre [...]

Continua a leggere

Caffé, mercato in ginocchio per colpa del Brasile

I consumatori non se ne accorgono, ma il mercato del caffé sta vivendo una fase di crisi acuta

Anche se al bar continueremo a pagare il caffé allo stesso prezzo di sempre (e con aumenti di tanto in tanto), quello che accade "dietro le quinte" è un vero e proprio stravolgimento.
Troppo caffé sul mercato Per comprendere la situazione occorre fare un parallelo con un altro prodotto molto richiesto e anche'esso nero: il petrolio.
Il prezzo al barile è crollato nell'ultimo anno a causa di un profondo squilibrio tra offerta e domanda.
In partico [...]

Continua a leggere