Salute e Benessere

Declino cognitivo anziani: il test del disegno dell’orologio

Un semplice test da poter fare a casa per verificare la salute mentale di una persona anziana

Il test del disegno dell’orologio è un semplice test che viene utilizzato spesso per diagnosticare la presenza di problemi neurologici nelle persone e, in particolare, negli anziani la presenza di demenze o Alzheimer. In ambito medico viene utilizzato in combinazione con altri test volti a uno screening più approfondito ma anche se utilizzato da solo può riuscire a fornire indicazioni molto utili sulle abilità cognitive di una persona.

Come viene somministrato il test del disegno dell’orologio?

A somministrarlo, a seconda dei casi, solitamente è un professionista della salute (un medico generalmente, oppure uno psicologo o uno psichiatra). Il professionista fornisce alla persona sottoposta al test un foglio di carta con un cerchio pre-disegnato e gli chiede di disegnare i numeri sull’orologio.

In seguito viene chiesto alla persona di disegnare le lancette in modo che l’orologio segni un’ora specifica: la maggior parte delle persone scelgono di disegnare le 11:10 minuti.

Un altro metodo molto semplice da applicare consiste nel dare alla persona un foglio di carta completamente bianco e di chiedergli di disegnare un orologio che segni le 11:10. Alcuni medici omettono intenzionalmente di pronunciare la parola “lancette” così da evitare di dare alla persona uno spunto in merito a ciò che deve inserire nel disegno.

La valutazione del test del disegno dell’orologio

È stato rilevato che ci sono ben 15 modi diversi per assegnare un punteggio a questo test. Alcuni sono molto complessi ed elaborati e comportano l’assegnazione di un punteggio a ogni numero, ai numeri inseriti nel modo corretto, alle due lancette e all’indicazione dell’ora corretta. Il punteggio massimo può variare da 5 a 20 in base al metodo scelto.

Una ricerca condotta sul Danish Medical Journal tuttavia ha messo a confronto 5 dei metodi più diffusi per assegnare un punteggio a questo test. La conclusione alla quale sono giunti è un metodo di assegnazione dei punti molto semplice ma preciso quando le tecniche più complesse. Questo sistema prevede di assegnare un punto se l’attività è stata svolta correttamente e zero punti se è stata svolta in modo errato. Basta quindi un orologio correttamente disegnato (quindi raggiungere il punteggio di 1) per indicare l’assenza di demenza; un orologio completato in modo anomalo, invece, deve essere considerato motivo di ulteriori valutazioni e approfondimenti medici. Anche il semplice rifiuto di svolgere il test o di portarlo a termine può essere considerato indicativo di un problema.

Perché questo test è utile?

Sono principalmente i familiari delle persone anziane i primi a potersi rendere conto che qualcosa non va: piccole dimenticanze, confusione mentale e irritabilità possono far nascere il sospetto di un declino cognitivo agli stadi iniziali. Riuscire a intervenire tempestivamente in questi casi è molto importante: anche se non è ancora stata trovata una cura definitiva, attivandosi il prima possibile si riesce a migliorare la qualità della vita della persona anziana affetta da demenza o Alzheimer. Il test del disegno dell’orologio, quindi, può essere un modo estremamente semplice per identificare gli anziani che potrebbero avere segni precoci di demenza in assenza di sintomi eclatanti.

Le demenze senili e l’Alzheimer sono patologie correlate a un elevato bisogno di assistenza della persona anziana che ne soffre. Se hai bisogno di assistenza per un anziano che ne è affetto, La Seconda Gioventù, una casa di riposo nei pressi di Roma Nord, è a tua disposizione!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Depressione negli anziani, i sintomi che aiutano a riconoscerla

Individuare la depressione negli anziani è spesso complesso soprattutto perché non amano parlare del loro stato d’animo o delle loro preoccupazioni.
Non è raro che affermino di stare bene quando si chiede loro se si sentano tristi o depressi anche quando effettivamente è così.
Spesso tutto ciò accade perché gli anziani non vogliono essere un peso per le persone che amano e preferiscono affrontare da soli le loro battaglie.
La depressione per gli [...]

Continua a leggere

Ciclo abbondante e lungo in premenopausa? Scopriamo qualcosa di più

Siamo in premenopausa e non ne siamo sicure? Il nostro ciclo è irregolare ma non siamo ancora in un’età a rischio? In questa situazione la cosa migliore che possiamo fare è rivolgerci al nostro medico o ginecologo di fiducia, che certamente saprà informarci a dovere su cosa stia realmente capitando al nostro corpo e quali esami è importante eseguire per approfondire la causa di tali sintomi.
Tuttavia alcune piccole informazioni possono aiutarci a [...]

Continua a leggere

Menopausa e invecchiamento della pelle: cause e rimedi

In menopausa il nostro corpo tende ad andare incontro a diversi cambiamenti: aumentiamo di peso e tendiamo ad accumulare tessuto adiposo nelle zone della pancia, dei fianchi, dei glutei e delle cosce; la nostra muscolatura si rilassa e seno e braccia tendono ad acquistare quell’aspetto un po' “flaccido” che tanto odiamo; siamo soggette a ritenzione idrica, causa del cosiddetto “effetto a buccia d’arancia” che compare prevalentemente dove vi è un [...]

Continua a leggere